Prost torna alla vittoria ma di Grassi e Buemi sono protagonisti

Prost torna alla vittoria ma di Grassi e Buemi sono protagonisti

2 lug, 2016

Il pilota francese del team Renault e.Dams ha vinto la sua seconda gara in

Incredibile lotta tra i contendenti per il campionato Lucas di Grassi e Sebastien Buemi

Incidente tra Vergne e di Grassi che rovina la gara del pilota brasiliano

Di Marcelo Padin

Direttore Editoriale Electric Motor News

 

Londra, Gran Bretagna. 2 Luglio 2016. L’appuntamento finale del Campionato di Formula E è l’opera che avrebbero sognato scrivere Agatha Christie o Alfred Hitchcock.

Immaginare che una giornata di gare può iniziare con un bel sole che permette di fare le prove libere nel migliore dei modi, ma che di seguito offre pioggia intensa in soltanto uno dei gruppi di qualifica, partenza con sole e pioggerellina a metà corsa va oltre la più sviluppata immaginazione.

Eppure è successo e non solo, forse domani si ripeterà la storia considerando il pazzo tempo di Londra.

Così, grazie al angusto circuito ricavato nel Battersea Park della capitale inglese, chi riesce a partire davanti ha indubbi vantaggi ed è quello che è successo nel primo e nel secondo posto dove e hanno fatto il proverbiale “cost to cost” dall’inizio alla fine.

“Se devo essere sincero, è stata una delle gare più facili della mia vita” – ha detto Nico Prost nell’intervista ad Electric Motor News; mentre Bruno Senna segnalava: “Purtroppo Nico era più veloce di me e non avevo la possibilità di stare dietro di lui. Ho avuto un flash quando è entrata la Safety Car, ma alla ripartenza non ho potuto fare nulla per tentare un sorpasso” – ha concluso il pilota brasiliano.

ha avuto una grande fortuna, perché nel primo gruppo di qualifica è andato rovinosamente a muro ed in condizioni normali per lui tutto si sarebbe presentato in salita.

Invece lo scrittore che ha pensato al copione di Londra ha avuto la bella idea di far piovere all’inizio del secondo gruppo, con il risultato ovvio che tutti i tempi si sono alzati – inclusi quelli di Lucas di Grassi e di Sebastien Buemi – costringendo entrambi i contendenti al titolo a partire nell’undicesima e quattordicesima fila e permettendo a Vergne di restare in griglia con il suo quinto tempo, ma senza poter lottare per la Super Pole.

“Un po’ di fortuna fa anche bene ogni tanto” – ha detto il pilota francese, aggiungendo che “nonostante l’incidente nelle qualifiche pensavo di poter arrivare ad un podio”.

Così ha lottato con Frijns, con il suo compagno di squadra Bird e con Lucas di Grassi, fino al contatto che ha mandato il pilota brasiliano contro il muro rovinando l’ala anteriore, fino a che mezzo giro dopo il pezzo rotto si è staccato definitivamente.

“Io non ho nulla da dire – ha dichiarato il pilota francese – lui ha rischiato e secondo me non era davanti alla mia macchina in modo completo quindi ho cercato di mantenere la mia posizione. Lui deve pensare a vincere il campionato… non a me” – ha tagliato corto.

Da parte sua il pilota brasiliano del team ABT Schlaeffer Audi Sport ha detto che “ha fatto una manovra stupida. Se tu sei pilota e vedi che il tuo rivale ti vuole sorpassare, non lasci lo spazio per farlo ma se decidi di lascare lo spazio devi accettare di perdere la posizone. Eravamo alla pari e lui mi ha stretto… da una parte avevo il muro e dall’altra lui, non avevo possibilità di fare nulla ed ha rovinato la mia gara con la rottura dell’ala anteriore. E’ un peccato perché non avrei vinto.. ma probabilmente avrei preso almeno dieci punti di vantaggio nel campionato” – ha concluso.

I due rivali sono giunti al traguardo in quarta e quinta posizione e domani si decide il campionato, proprio all’ultima gara.

Il sesto posto di Antonio Felix Da Costa è meritato perché ha fatto una gara d’attacco, dalla sua lontana 16 posizione di partenza.

Il pilota portoghese ha corso con il coltello tra i denti, ha fatto un’ottima prima parte di gara cambiando strategia e riuscendo a superare diversi rivali dopo il cambio auto.

“Sono riuscito a sorpassare ed a lottare con molti piloti, ma poi sono arrivato dietro Lucas e Seb che si stanno giocando il titolo ed in quel caso è difficile, perché la pista è molto stretta e rischi di toccarti e di rovinare il campionato. Per questo non ho voluto farlo… non perché sono loro, ma perché la posta in gioco è molto alta”.

Al settimo posto è arrivato Sam Bird ed all’ottavo Nick Heidfeld dopo aver qualificato in posizioni simili; mentre D’Ambrosio è arrivato nono e Conway decimo, ma avendo guadagnato in gara tre e cinque posizioni rispettivamente.

Classifica Finale Ufficiale

Il Campionato piloti

Lucas di Grassi, Abt Schaeffler Audi Sport – 153

Sebastien Buemi, Renault e.dams – 150

Nico Prost, Renault e.dams – 90

Sam Bird, DS Virgin Racing – 88

Jerome D’Ambrosio, Dragon Racing – 68

Stephane Sarrazin, Venturi – 60

.

Share and Enjoy

  • Google Plus
  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon

TAGS: Bruno Senna FIA Formula E Championship formula e jean eric vergne londra eprix nico prost visa london eprix

Lascia una risposta

 
Pinterest