Piccola elettrica degli anni ’70 batte il record mondiale di velocità

Piccola elettrica degli anni ’70 batte il record mondiale di velocità

22 lug, 2016

Fonte:

 

, USA. 20 Luglio 2016. Un piccolo veicolo elettrico britannico del 1970 è diventato il veicolo elettrico omologato per la circolazione più veloce del mondo nelle mani del giornalista di automobilismo e modificatore di auto di serie .

La , una city car quasi dimenticata costruita nell’ nell’epoca della crisi del petrolio, ha fatto irruzione nelle gare del quarto di miglio a Santa Pod lo scorso sabato segnando un record di 9,86 secondi ad una media 121 mph (194,689 km/h).

Originariamente aveva solo 8HP, la vettura soprannominata la Flux Capacitor ora racchiude più di 800bhp, 1,200lbft di coppia ed accelera tranquillamente fino a 113 mph in sei secondi.

Per fare dei paragoni, la piccola elettrica batte le supercar moderne quali Lamborghini Aventador, McLaren 650S, Porsche 911 Turbo S, Nissan GT-R e anche l’ auto elettrica Tesla Model S P90D.

Jonny ha strappato il record del mondo, che si attesta a 10,25 secondi, dalla macchina che lo ha ispirato per prima – una vecchia Datsun convertita in elettrica di proprietà di John Wayland da Portland, Oregon.

“Sono in soggezione per ciò che questa piccola cosa gialla può fare”, ha detto Jonny, che ha presentato TV Fifth Gear dal 2006 e si è avvicinato ad Adrian Flux per sponsorizzare il suo sogno di quattro anni fa.

“Nonostante tanti piloti che mi dicevano che una macchina del passo di 68 pollici non avrebbe mai potuto tranquillamente andare veloce come volevamo, la Enfield ha dimostrato che si sbagliavano.

“In origine la vettura è stata progettata per guidare fino a una velocità di 40 miglia all’ora. Ora si triplica la velocità all’interno del quarto di miglio, senza alcuna modifica aerodinamica – il che testimonia in favore del disegno originale.

“Il progettista originale John Ackroyd, ha speso un molte risorse per l’aerodinamica ed ha continuato a lavorare con Richard Noble sulla Thrust2.

“La macchina non si sente mai come se fosse fuori dalla sua zona di comfort. A dire il vero ho staccato il tachimetro, e basta guidarla al tatto. Si dimentica in fretta quanto piccola sia quando le luci verdi si spengono dando il via alla gara. L’erogazione della coppia elettrica istantanea è una cosa che non ho mai sperimentato in oltre 15 anni di guida e di prove di vetture sportive.

“Ho deciso di costruire un hot rod elettrico britannico. Spero di aver raggiunto qualcosa di abbastanza fuori dal normale per dimostrare che David certamente può battere Golia.

“Sono profondamente grato a tutto il sostegno positivo dei miei sponsor, senza i quali non avrei potuto raggiunto questo – , , , , e la società ”.

Jonny ha salvato la Enfield dopo che un diluvio l’ha danneggiata quattro anni fa, ed ha restaurato la vettura prima di aggiungere la tecnologia elettrica del 21esimo secolo.

La vettura è alimentata da 188 celle agli ioni di litio integrate nei vani sotto il cofano e nel bagagliaio, generando 2000 Amp e 400 Volt che alimentano una coppia di motori a corrente continua da 9 pollici che agiscono sulle ruote posteriori.

Queste batterie vengono normalmente utilizzate nei miniguns e nell’avviamento dei motori dei Bell Helicopter Super Cobra, ma costruite per l’auto da Innovations Hyperdrive a Sunderland.

Nonostante raggiungere 100 mph in meno di 6 secondi e solo abbia 112 “(2,8 metri) di lunghezza, la Enfield di Jonny è ancora legale, è esente della tassa di circolazione e anche della tassa per entrare in centro a Londra.

Come parte della serie di competizioni drag racing, i partecipanti nelle eliminazioni devono dimostrare le capacità tecniche come parte del processo di qualificazione attraverso l’obbligo di percorrere 26 miglia a velocità crociera intorno a Northamptonshire.

Essendo legale per la circolazione su strada significa che la macchina deve avere gli pneumatici omologati e nessuna barra anti impennata, che potrebbero aiutare la piccola del passo di 68″ (1,7 metri) a stare dritto in piena accelerazione.

Ma anche senza di loro, la Flux Capacitor corre dritto e molto, molto veloce.

In English

Tiny 70s British electric vehicle smashes world speed record

Source: Flux Capacitor

Santa Pod, USA. 20 Luglio 2016. A tiny British electric vehicle from the 1970s has become the world’s quickest street legal EV in the hands of motoring journalist and serial car modifier Jonny Smith.

The Enfield 8000, a forgotten city car built on the Isle of Wight in the oil crisis era, stormed through the quarter mile sprint at Santa Pod on Saturday in a record-smashing 9.86 seconds at an average 121mph.

Originally boasting just 8hp, the car dubbed the Flux Capacitor now packs more than 800bhp, 1,200lbft of torque and quietly rockets to 113mph in six seconds.

To put that in perspective, it outpaces modern supercars like the Lamborghini Aventador, McLaren’s 650S, a Porsche 911 Turbo S, Nissan GT-R and even Tesla’s incredibly capable P90D electric car.

Jonny snatched the world record, which stood at 10.25 seconds, from the car that inspired him in the first place – an electric converted old Datsun owned by John Wayland from Portland, Oregon.

“I’m in awe of what this little yellow thing can cope with,” said Jonny, who has presented TV’s Fifth Gear since 2006 and approached Adrian Flux to sponsor his dream four years ago.

“Despite so many racers telling me that a 68-inch wheelbase car could never safely go as fast as we wanted, the Enfield has proved them wrong.

“Originally the car was designed to drive up to speeds of 40mph. Now it triples the speed within quarter of a mile without any aerodynamic alterations – which is testament to the original design.

“The original designer John Ackroyd, who spent a lot of budget on the aerodynamics, and went on to work with Richard Noble on Thrust 2.

“The car never feels like it is out of its comfort zone. To be honest I have disconnected the speedo, and just drive it by feel. You quickly forget how small it is when the lights go green. The instant electric torque delivery is something I have never experienced in over 15 years of driving and testing sports cars.

“I set out to build a British electric hot rod. I hope I’ve achieved something leftfield enough to prove that David certainly can beat Goliath.

“I’m deeply thankful to all of the positive support from my sponsors, without which I couldn’t have achieved this at all – Adrian Flux insurance, Hyperdrive, Gas It, Vintage VDB watches, Castor Vali global risk management and Andriaki Shipping company.”

Jonny rescued the Enfield, then a flood-damaged write-off, four years ago, and restored the car before adding 21st century electric technology.

The car is powered by 188 lithium-ion battery cells built into enclosures under the bonnet and boot, generating 2000 amps and 400 volts to a pair of DC 9-inch motors to drive the back wheels.

These batteries are normally seen running the miniguns and starting the engines of a Bell Super Cobra attack helicopter, but built for the car by Hyperdrive Innovations in Sunderland.

Despite reaching 100mph in under 6 seconds and only being 112″ (2.8 metres) long, Jonny’s Enfield is still road legal, tax exempt and London congestion charge exempt.

As part of the drag racing series he competes in, the Street Eliminator entrants must prove their roadworthiness as part of the qualifying process by way of a mandatory 26-mile cruise around Northamptonshire.

Being road legal means the car has to run treaded tyres, and no wheelie bars, which might help the 68″ (1.7 metre) wheelbase to stay straight under full acceleration.

But even without them, the Flux Capacitor runs straight and true – and very, very fast.

.

Share and Enjoy

  • Google Plus
  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon

TAGS: Adrian Flux Insurance Andriaki Shipping enfield 8000 Flux Capacitor Gas E gestione del rischio globale Castor Vali Hyperdrive isola di wight Jonny Smith orologi Vintage VDB santa pod

Lascia una risposta

 
Pinterest