Perché la Formula E usa gomme da 18 pollici?

Perché la Formula E usa gomme da 18 pollici?

25 mag, 2015

Fonte: Formula E

 

Clermont Ferrand, Francia. 21 Maggio 2015. Una delle domande più frequenti circa la Formula E è perché la serie utilizza pneumatici scolpiti piuttosto che slick da competizione tradizionali.

Per rispondere a questo, e per spiegare tutta la filosofia che sta dietro la progettazione e la costruzione degli pneumatici, Formula E ha visitato Motorsport a Clermont-Ferrand, dove Pascal Couasnon, Direttore, Motorsport; Serge Grisin, Formula E Project Manager di Motorsport ed , l’ingegnere di sviluppo che ha progettato gli pneumatici di Formula E ci ha dato la linea eseguita.

Perché pneumatici scolpiti?

Grisin: “Abbiamo proposto di avere un pneumatico scolpito per ridurre il numero di pneumatici sviluppati, prodotti e trasportati alle gare. Un pneumatico da pioggia è qualcosa che molte volte si porta alle corse per poi riportarli a casa senza usarlo”

Couasnon: “Capisco che sotto alcune condizioni estreme a volte bisogna avere pneumatici molto specializzati, ma in questo caso abbiamo voluto incontrare una sfida e avvicinarci alla realtà -- non cambi il tuo pneumatico quando si va da secco a umido , allora noi cerchiamo di fare la stessa cosa in corsa -- finora non abbiamo avuto pioggia, ma sappiamo che la gomma funziona molto bene sul bagnato, e il feedback è stato estremamente positivo”.

Perrier: “Per essere in grado di diminuire il numero di pneumatici devi avere un approccio polivalente. Un pneumatico deve essere in grado di operare in condizioni scivolose e bagnate. Per essere in grado di operare in condizioni di bagnato, anche con una piccola quantità di acqua è necessario disporre di una scanalatura. Abbiamo adattato il Compound e la scanalatura per trovare la soluzione migliore con il miglior livello di prestazioni in ogni area. Un altro esempio della buona polivalenza degli pneumatico è la sua capacità di operare in una ampia finestra di temperatura. Abbiamo alcune prove effettuate in condizioni di bagnato a 5°C senza alcun problema ed in condizioni di grande caldo a 54° C senza problemi di degrado”.

Perché è di 18 pollici?

Couasnon: “L’idea dello pneumatico da 18 pollici è una cosa che avevamo in mente da parecchio tempo. È un dato di fatto che già nel 2010 avevamo proposto alla FIA ed alla Formula 1 per valutare e portare lo pneumatico da corsa più vicino a quello della strada reale. Stavo guardando le auto in strada questa mattina e non ho visto ruote piccole e grandi fianchi. Non sto dicendo che lo pneumatico da pista sia esattamente lo stesso, ma i principi fisici sono gli stessi”.

Grisin: “La nostra proposta tecnica è stata quella di avere la migliore efficienza tecnica. Non solo la resistenza al rotolamento – e le 18 pollici sono buone per la resistenza al rotolamento perché hanno una buona deriva. Una grande parte della resistenza al rotolamento arriva a partire dalla deformazione dei fianchi. E’ stata una buona idea fare un collegamento molto facile tra una gomma da strada e un pneumatico da corsa perché il 18 pollici è un formato molto comune ora nelle auto sportive”.

Perrier: “Con un pneumatico da 18 pollici si è in grado di avere una maggior superficie di contatto e meno deformazione così è necessaria meno energia per la defomazione a contatto con l’asfalto.”

Come è stato sviluppato lo pneumatico?

Grisin: «Siamo stati informati di essere stati selezionati come fornitore esclusivo degli pneumatici alla fine di marzo 2013 e al Salone di Francoforte a inizio settembre è stata la prima volta che la macchina è stata vista in pubblico, quindi non che quello fosse un problema per noi – ma avevamo bisogno di avere il modello delle gomme per questo evento. Quindi, significava che in cinque mesi abbiamo dovuto avere informazioni dalla macchina: creare e progettare lo pneumatico, creare gli stampi e produrre il primo pneumatico. E’ stato davvero un tempo stretto, ma ci siamo riusciti”.

Perrier: “Abbiamo progettato questo pneumatico per essere un pneumatico da competizione e siamo stati in attesa di questo progetto per valutare le nuove tecnologie. L’idea è quella di trovare la tecnologia grazie alla concorrenza e di portare questa tecnologia per tutti i consumatori poiché i veicoli elettrici saranno molto più presenti nei prossimi cinque o dieci anni.”

Quali particolari verranno sviluppati per gli pneumatici stradali?

Couasnon: “Abbiamo già imparato un paio di cose in termini di grip -- siamo stati su superfici molto diverse e il feedback dei piloti è stato unanime. Stavo parlando a Miami con Jean-Eric Vergne e stava dicendo che non c’è assolutamente nessun problema, è quasi una gomma da simulatore, è molto consistente e può davvero attaccare. Devi gestire l’energia, non c’è bisogno di gestire le gomme, questo è l’obiettivo. Questo significa che il composto che stiamo usando è in grado di essere trasferito alla strada. L’altra cosa è che abbiamo avuto alcuni progetti fondamentali con il nostro centro tecnologico per capire ancora di più il ruolo dei pneumatici in termini di consumo energetico della vettura. Siamo agli inizi dei programmi, ma i dati che di fatto stiamo già acquisendo iniziano ad alimentare questo grande progetto. So che quello che impareremo sarà molto utile per il futuro.”

Perrier: “Vogliamo progredire sui temi dell’efficienza energetica nello svolgimento dei test di analisi e la modellazione in modo da essere in grado di mostrare i benefici di un pneumatico rispetto ad un altro. Siamo nell’area delle innovazioni. Non è solo innovativo in termini di tecnologia, è l’innovazione in termini di strumenti di simulazione, in termini di metodologia e anche in termini di metodi di prova. Penso che sia solo l’inizio, abbiamo molte cose da imparare, molte aree da identificare. La nostra ambizione è quella di trovare delle nuove tecnologie e di trasmettere queste tecnologia per la nostra linea di prodotti della gomma dell’automobile.”

Come funziona il lavoro sulle gomme da bagnato?

Grisin: “Sono corse su strada, quindi le auto vanno a velocità inferiore e non esiste un sistema di riscaldamento dei pneumatici permesso. Tutte queste cose hanno spinto a progettare una mescola fredda. Il nostro obiettivo è quello di sviluppare gli pneumatici ogni giorno con maggiori prestazioni in tutte le diverse aree. Abbiamo testato sul bagnato a Donington in diverse occasioni, e in Issoire con la pioggia artificiale e siamo molto fiduciosi con le prestazioni dello pneumatico sotto la pioggia. Ma è chiaro che non abbiamo avuto la possibilità di provare in gara, quindi dovremo vedere.”

Come si è comportato lo pneumatico nelle sette gare svolte finora?

Perrier: “Siamo molto soddisfatti del comportamento dello pneumatico. Abbiamo una buona performance in termini di riscaldamento, in termini di grip, la coerenza di comportamento, nessun problema in termini di danni e una buona resistenza. Abbiamo una piccola quantità di usura, che è un ottimo punto e apre delle opportunità. Per il primo anno in un contesto di molte questioni aperte abbiamo voluto fornire una soluzione molto robusta in modo da rendere tutti i piloti soddisfatti della gomma. Come avete visto nella prima gara, anche a contatto con il muro non c’è stato alcun problema con la gomma che è molto forte. Per Michelin la sicurezza è il punto principale.”

Com’è coinvolta Michelin nel programma Formula E?

Grisin: “Abbiamo dei programmi interni di sostenibilità. Tutto ciò che riguarda la mobilità sostenibile è uno degli obiettivi principali di Michelin, quindi essere coinvolti nel programma legacy era un’ottima cosa. L’idea di lasciare la pettorina di gonfiaggio [nelle città ospitanti] aiuta la sicurezza stradale e l’impronta di carbonio. Avere la giusta pressione ha due effetti: una maggiore sicurezza perché se avete la pressione sbagliata può causare un comportamento insolito dell’auto ed un aumento dell’efficienza perché se non hanno abbastanza pressione c’è una maggior resistenza al rotolamento e si avrà un maggior consumo di carburante. Avere il bib di gonfiaggio permetterà al pubblico di controllare la pressione, regolare la pressione ed avere una maggiore sicurezza ed efficienza energetica.”

Come si svilupperanno le gomme in futuro?

Couasnon: “La filosofia di Michelin Total Performance è sempre centrata a come fare a continuare a migliorare tutte le differenti performance senza degradare. Siamo abituati a pensare ad un pneumatico come un compromesso -- se si migliora qualcosa si perde prestazioni altrove -- e questa non è la filosofia della Michelin. E’ attraverso l’innovazione che si spezza questo compromesso. Vogliamo continuare ad aumentare ciò che è importante per voi e per me, che è la sicurezza, l’efficienza e la longevità. Una cosa che stiamo guardando con la FIA e la Formula E è come possiamo raddoppiare la vita del pneumatico da corsa e questo è qualcosa che potrebbe arrivare presto già dalla prossima stagione. La resistenza al rotolamento è una caratteristica che è una misura di efficienza energetica del pneumatico, ora stiamo andando a cercare di avere qualcosa in cui come il maggior grip o addirittura aumentare il grip e migliorare l’efficienza energetica. Ecco, questi sono i programmi. Potenzialmente ridurre la massa dello pneumatico, perché se si trasporta meno peso si è più efficiente. Quindi raddoppiando la durata di corsa dello pneumatico, si consuma meno materie prime. E ‘un obiettivo molto ambizioso, ma crediamo di poter raggiungerlo.”

Le interviste di Electric Motor News a Serge Grisin

Nella prima gara a Pechino

 

A Long Beach

 


Share and Enjoy

  • Google Plus
  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon

TAGS: estelle perrier FIA Formula E Championship formual e michelin pascal cuasnon sergè grisin

Lascia una risposta

 
Pinterest