Panasonic Jaguar Racing nelle iconiche strade di Monaco

Panasonic Jaguar Racing nelle iconiche strade di Monaco

9 mag, 2017

 

Whitley, Gran Bretagna. 8 Maggio 2017. Seguendo la strada dei loro primi punti ottenuti nel Città del Messico ePrix, Panasonic Jaguar Racing si sta preparando per le gare europee del Campionato FIA .

A partire dal del 13 Maggio, tutti e 10 i team di Formula E passeranno dopo a correre a Parigi e poi alla Germania per una gara doppia a Berlino. Il campionato poi si trasferisce in Nord America per le sue gare di debutto a New York e il turno finale, una doppia gara a Montreal.

Il team più nuovo ad unirsi alla serie, il Panasonic Jaguar Racing ha mantenuto fresco il loro ultimo spettacolo a Città del Messico dove ha raccolto 16 punti per il campionato, con e finendo in P4 e P8 rispettivamente. E’ stata solo la quarta corsa della squadra dal loro debutto a Hong Kong lo scorso Ottobre.

Il team britannico ora si reca al principato che ha organizzato alcune delle gare più famose del mondo dal 1929. Jaguar è ​​ansiosa di girare ruota a ruota su questo circuito glamour, considerato da lungo tempo come il più tecnico che possa affrontare qualsiasi pilota.

La pista da 12 curve e 1,76 km è una versione ridotta del circuito storico di grand prix, che utilizza la stessa linea di start-finish e il complesso dei pit. Ma invece di continuare sulla collina fino a Piazza del Casino, le vetture voltano a destra a Sainte Devote e rientrano con un tornantino all’uscita del tunnel.

Il concept Jaguar I-Pace farà il suo debutto negli ePrix sullo stand Panasonic Jaguar Racing nell’Allianz eVillage. Il concept di SUV di elevate prestazioni è il primo veicolo elettrico della Jaguar, che verrà svelato alla fine del 2017 e sarà su strada nella seconda metà del 2018. Jaguar è ​​ora il marchio automobilistico in più rapida crescita in Europa.

Dopo aver ottenuto i punti di Città del Messico, come si sente il team davanti alle gare europee?

, Direttore di Squadra, Panasonic Jaguar Racing:

“Il Messico ePrix è stato uno di quei giorni speciali. Con forse una delle gare più emozionanti e competitive nella storia della serie, raggiungere e celebrare i nostri primi punti nel campionato è qualcosa che non dimenticherò in fretta. Uscire da una corsa così frenetica è stato difficile, ma mantenere la nostra freddezza e avere sia Mitch che Adam a dimostrare un ritmo competitivo e segnare i loro punti di partenza per la squadra è stato molto speciale.

“Detto questo, le nostre aspettative rimangono in guardia per le prossime gare, mentre continuiamo a acquisire una comprensione e una conoscenza delle esigenze uniche della Formula E. Stiamo imparando una quantità enorme di cose in ogni gara e continuamente ci affiniamo come ci avviciniamo ad ogni evento. Stiamo lavorando sodo per costruire l’esperienza delle ultime gare e siamo emozionati per la sfida che ci aspettano davanti alle gare europee. Va da sé che non vediamo l’ora di tornare in pista e continuare il nostro viaggio”.

Monaco è un circuito iconico per molte ragioni. Come sta la squadra in attesa di correre lì?

JB: “Monaco è un posto molto speciale. Anche coloro che non seguono il motorsport sono consapevoli del significato e del patrimonio di corse su strada a Monaco. Come squadra, molti dei nostri eroi delle corse sono lì e molti dei momenti più grandi del nostro sport si sono svolti sullo stesso asfalto che condivideremo sabato”.

“Stiamo andando in un circuito dove molti degli altri team e piloti hanno corso prima, quindi ci concentriamo sul dare ai nostri piloti un set-up competitivo. Adam e Mitch hanno una forte storia di corse in Monaco in altre categorie e sono entrambi veramente appassionati di andare forte con le loro Jaguar I-TYPE”.

Adam, sei stato un vincitore di gara in Monaco nella GP2. Come stai usando quella esperienza nel Monaco ePrix?

Adam Carroll, # 47:

“Ho vinto la prima gara di Monaco nella GP2 nel 2005. Era una gara dura e ho condiviso il podio con Gianmaria Bruni e l’attuale campione di F1 Nico Rosberg quel giorno. Conosco bene il circuito di F1, come fa la maggior parte dei piloti dello schieramento, e spero che la mia esperienza mi aiuterà ad arrivare nuovamente a questo circuito impegnativo. Il tempo può essere abbastanza fresco e potrebbe rendere le cose impegnative, ma spero di spingere e trovare il limite il più rapidamente possibile».

Quali sono le richieste di chi corre a Monaco?

AC: “Monaco è una gara impegnativa per molte ragioni – non da ultimo il circuito stretto e avvolgente. Per quanto siamo abituati a correre in città in Formula E, Monaco è in un altro livello. E’ un esame per ogni pilota e ci piace la sfida. E’ emozionante portare il futuro del motorsport in questo posto storico”.

“Monaco è anche famosa per le gare bagnate. Qui tutto può succedere. Per questo motivo, le qualifiche diventano ancora più importanti. Sono sicuro che non vedremo la mancanza di sorpassi in questa gara, ma lo scopo sarà sempre quello di fare la miglior partenza possibile”.

Mitch, hai fatto due corse di fila. Come stai imparando ad adattarti alle esigenze della Formula E?

Mitch Evans, # 20:

“Il Messico è stata una gara veramente dura, ma divertente. Non riesco a ricordare una gara con tante cose che mi sono circondate, ma mi sono sentito a casa, spingendo al limite. Sono stato molto fortunato nei giri finali di non riportare danni pesanti quando sono stato colpito da dietro. Portare a casa i miei primi punti di Formula E per la Panasonic Jaguar Racing solo nella nostra quarta gara è diventato un sogno”.

Questo circuito è un territorio familiare per te, dopo aver girato diverse volte in GP2. Cosa rende speciale Monaco per i piloti?

ME: “Le strade di Monaco sono famose per essere uno dei test più grandi che un pilota può affrontare e non mi aspetto che il circuito di Formula E sia una sfida minore. Ho sempre amato correre e sono stato tre volte sul podio nella GP2 a Monaco. Il Monaco ePrix nella prima stagione è stato una pazzia da vedere, con una grande collisione sulla prima curva del primo giro. Penso che ogni pilota sarà sparato per fare il meglio che potrà fare quest’anno. Una prestazione buona a Monaco significa solo molto di più per un pilota e tutti e 20 di noi saremo in pista per mostrare cosa possiamo fare”.

.

Share and Enjoy

  • Google Plus
  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon

TAGS: Adam Carroll fia jaguar i-pace formula e formula e championship James Barclay mitch evans monaco eprix panasonic jaguar racing

Lascia una risposta

 
Pinterest