Ottimo inizio di stagione per la Porsche 919 Hybrid

Ottimo inizio di stagione per la Porsche 919 Hybrid

1 apr, 2016

Campionato mondiale Endurance (), LMP1

Fonte: Porsche Italia

 

Stoccarda. Germania. 31 Marzo 2016. La stagione 2016 del Campionato Mondiale Endurance (WEC) ha preso il via con il Prologo ufficiale. La due giorni di test al Circuito , lungo 2,197 chilometri e situato nel sud della Francia, è stato il primo incontro di una parte importante della griglia di partenza del WEC. Per la 2016, la vettura che difenderà il titolo e che è stata presentata poco prima del Prologo, è stata la prima apparizione nell’ambito del campionato del mondo. Il team Porsche si è presentato schierando due vetture. Il venerdì è stato il turno della vettura numero 2 con i piloti , e . Sabato, i campioni del mondo in carica, Timo Bernhard, e sono subentrati con la loro vettura numero 1.

Durante la due giorni, i prototipi del team Porsche, modificati in modo rilevante a partire dal 2015, hanno coperto una distanza complessiva di 863 km. Al termine di ogni sessione, la vettura più veloce era sempre una Porsche 919 Hybrid. Il tempo sul giro complessivamente più veloce del Prologo è stato realizzato il sabato da Brendon Hartley con 1:37.44 minuti.

“È stata una corsa fondamentalmente senza problemi per entrambe le nostre vetture”, ha dichiarato , , “e abbiamo ricevuto feedback positivi dai nostri piloti. Quindi, siamo fiduciosi per la gara di apertura a Silverstone il 17 Aprile: solo lì sarà possibile valutare correttamente la concorrenza e attendiamo questo momento con enorme entusiasmo. Il Prologo è come un primo esame della griglia e rappresenta un grande evento organizzato dal WEC, molto utile per i team e i media, e piacevole per gli spettatori che oggi hanno avuto libero accesso alla pista e ai paddock.”

Il Direttore del Team, , ha precisato:

“Dopo essere stati qui la scorsa settimana con la nostra vettura di prova, ora è il momento di testare i primi due nuovi telai della generazione 2016. Far correre di nuovo le due vetture è stata una buona prova generale per la squadra prima della gara iniziale. Le norme stabiliscono anche delle modifiche alle procedure del pit stop, che dobbiamo provare. I piloti hanno eseguito molti test durante le ultime settimane, ma al Prologo si sono trovati ad affrontare il traffico in pista per la prima volta dopo la finale in Bahrain. Alla fine del Prologo abbiamo raggiunto gli obiettivi che ci eravamo prefissati in termini di preparazione per la stagione. Team e tecnologia sono pronti per Silverstone.”

Piloti della vettura numero 1

Timo Bernhard (35, Germania):

“Per me saltare a bordo di una nuova auto da corsa è sempre qualcosa di speciale. Ma se la vettura porta il numero uno, l’esperienza è ancora più emozionante. Sabato abbiamo ripreso a spuntare la lista delle cose da fare proprio da dove il venerdì la vettura gemella aveva terminato il lavoro, e abbiamo beneficiato al cento per cento di quello che avevano scoperto. Questo tipo di lavoro di squadra è uno dei nostri punti di forza e lo applichiamo anche quando lavoriamo per migliorare la coreografia insieme all’equipaggio dei box. Al Prologo c’era quasi un’atmosfera da corsa e siamo tutti in attesa della prima gara della stagione.”

Brendon Hartley (26, Nuova Zelanda):

“È stato un test di successo. Dopo le nostre prove recenti, che erano più focalizzate sulla resistenza, abbiamo trattato effettivamente il Prologo come un weekend di gara. Eravamo in pista in perfetto orario quando è partita la sessione e abbiamo cercato di migliorare le nostre prestazioni, proprio come si farebbe in un weekend di gara. Certo, è bello essere in testa in ogni sessione, ma non sappiamo cosa nasconde la concorrenza.”

Mark Webber (39, Australia):

“In generale è un test positivo per noi. Abbiamo prevalso in un gran numero di giri. Non sappiamo molto dei nostri avversari, ma ci siamo preparati nel miglior modo possibile per Silverstone. Prima di venire qui, non avevamo svolto molto lavoro sulla deportanza elevata e quindi questo è stato un bene. Il poggiatesta più grande, ora obbligatorio, per me non è un problema nel cambio pilota.”

Piloti della vettura numero 2

Romain Dumas (38, Francia):

“Per noi è stato molto produttivo correre al Prologo. Anche la comunicazione con il nostro nuovo ingegnere di gara, Jeromy Moore, è buona. Abbiamo provato diversi set-up e sembra che abbiamo capito la vettura ancora meglio dell’anno scorso. Nonostante il minor consumo di carburante stabilito dalle restrizioni delle nuove regole, siamo riusciti ad essere veloci quasi quanto nel 2015. Sono molto curioso di vedere ciò che i nostri concorrenti faranno a Silverstone.”

Neel Jani (32, Svizzera):

“Grazie al buon funzionamento della nostra vettura abbiamo potuto realmente concentrarci sulla preparazione per Silverstone. Abbiamo portato a termine ottimi miglioramenti sul set-up della vettura. Abbiamo anche provato le procedure operative di un weekend di gara, inclusi i cambi pilota.”

Marc Lieb (35, Ludwigsburg):

“Per noi è stata una prova eccellente. Abbiamo lavorato per la prima volta con la nostra nuova organizzazione dell’equipaggio, con il nostro nuovo ingegnere di gara e diversi meccanici. La vettura ha funzionato senza intoppi e rispondeva bene, entrambi fattori molto utili per la partenza. Questo circuito permette diversi set-up aerodinamici ed è molto difficile dire chi gestisce una determinata configurazione, quali pneumatici e carichi di carburante sceglie. Quindi, abbiamo dati interni molto buoni rispetto all’anno scorso, ma non sappiamo che cosa riuscirà a fare la concorrenza.”

.

Share and Enjoy

  • Google Plus
  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon

TAGS: Andreas Seidl Brendon Hartley Fritz Enzinger Marc Lieb Mark Webber Neel Jani Paul Ricard porsche 919 hybrid Romain Dumas Timo Bernhard Vice Presidente LMP1 WEC world endurance championship

Lascia una risposta

 
Pinterest