Nuovo programma per la Green GT H2

Nuovo programma per la Green GT H2

3 giu, 2013

Fonte: Green GT

Le Castellet, in Francia. 1° giugno 2013. E’ iniziata una nuova sessione di test della versione da corsa H2 GreenGT che proseguiranno fino al 5 giugno.

Le prestazioni ottenute in pista sono in linea con i risultati del banco di prova, e questo conferma la validità della scelta coraggiosa di GreenGT nel prendere questo percorso innovativo che contiene una grande speranza per il futuro della mobilità pulita.

Tuttavia, la complessa fase di messa a punto delle celle a combustibile ad idrogeno ad alta potenza è in conflitto con il programma di test di durata in pista, un requisito essenziale per la partecipazione a una gara impegnativa come la manifestazione Le Mans Classic.

GreenGT ha quindi deciso, in accordo con ACO, di non occupare il Box 56, come avrebbe diritto, nel 2013.

Jean-François Weber, direttore generale e responsabile delle attività di Ricerche e Sviluppo di GreenGT, dice:

“GreenGT H2 è già mostrando un grande potenziale e ha un grande margine di miglioramento.

Tuttavia, la complessità e il costo di questo modello unico richiede l’utilizzo di metodi estremamente rigorosi in termini di tempo e di nuove procedure.

Siamo solo all’inizio di questa avventura, ed è essenziale per noi continuare lo sviluppo di quell’altamente efficace dimostrazione della tecnologia a idrogeno, che è la GreenGT H2 “.

, Sales & Marketing Director di GreenGT, dice:

“Prima di tutto, vogliamo ringraziare l’ACO per la sua fiducia in GreenGT. Il Box 56 è una splendida iniziativa per promuovere le tecnologie innovative. La GreenGT H2 si inserisce perfettamente in questo scenario e, anche se l’evento Le Mans 2013 è arrivato troppo presto per noi, stiamo lavorando attivamente con l’ACO su un programma di presentazione in tutto il mondo della GreenGT H2.

I nomi dei piloti di fama mondiale saranno annunciati alla 24 Ore di Le Mans. Essi saranno i nostri ambasciatori per la presentazione di questa tecnologia del futuro”.

, direttore sportivo dell’ACO, dice:

“La tecnologia del GreenGT H2 è perfettamente in linea con lo spirito di innovazione che l’ACO intende promuovere con il Box 56. Funziona, e l’ACO aveva ragione nel credere nei meriti tecnologici di questo progetto.

Ma le 24 Ore di Le Mans è un evento ad alta resistenza, ed è prematuro per la GreenGT H2 raccogliere questa sfida.

Tuttavia, continueremo a sostenere questa iniziativa e, insieme con GreenGT, presto annuncieremo un tour dimostrativo in tutto il mondo che si svolgerà nel corso della stessa settimana, come la 24 Ore di Le Mans e, possibilmente, una presenza fuori classifica all’inizio di un gara di Campionato del Mondo Endurance, qualora i regolamenti consentano la presenza di questo tipo di veicolo sulla griglia di partenza”.

 

 

Share and Enjoy

  • Google Plus
  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon

TAGS: Jean François Weber Jean-Michel Bouresche Vincent Beaumesnil

Lascia una risposta

 
Pinterest