Nuova Audi R18 e-tron quattro ancora più efficiente

Nuova Audi R18 e-tron quattro ancora più efficiente

23 mar, 2015

• Migliorati l’aerodinamica, la trazione ibrida e molti altri dettagli

• L’efficiente motore TDI consuma ancora meno carburante rispetto a prima

• Tecnologie usate a Le Mans applicate su vetture Audi attualmente in produzione

Fonte: Audi Motorsport

 

Ingolstadt, Germania. 21 marzo 2015. Audi inizia la stagione 2015 con un fondo rivisto nell’R18 e-tron quattro. Nel () e alle 24 Ore di Le Mans come evento culmine della stagione, Audi correrà con una vettura ibrida sportiva nella classe 4-megajoule.

Una doppia quantità di energia ibrida, aerodinamica fondamentalmente rivista, un ulteriore passo avanti nel design leggero e molto lavoro nei dettagli caratterizzano la quinta generazione dell’Audi R18.

Le possibilità dei regolamenti rivoluzionari che sono state in vigore dal 2014 negli auto sport dell’LMP dal 2014 sono lungi dall’essere pienamente utilizzate. Le regole offrono così tanto potenziale che ci sarà spazio per grandi sviluppi futuri”, dice , nuovo Head of Engineering Audi Sport.

“Ci aspettiamo che il progresso tecnologico derivante dalla feroce pressione competitiva esercitata dalle quattro case automobilistiche che oggi sono coinvolte migliorerà in modo significativo i tempi sul giro in questa stagione, riducendo contemporaneamente il consumo di carburante.

La nuova R18 e-tron quattro si differenzia visivamente nettamente dal suo predecessore, anche se la sua struttura di base è strettamente affine al modello precedente.

Il look più fresco permette un nuovo modo di condurre il flusso d’aria attorno e attraverso l’estremità anteriore, nella zona delle fiancate e sul retro del prototipo LMP1. Le grandi prese d’aria nei passaruota anteriori riducono la resistenza aerodinamica della carrozzeria e hanno portato ad un nuovo design dei fari.

Le unità sono dotate di illuminazione Matrix con tecnologia combinata LED con Audi Laserlight, due innovazioni che migliorano la sicurezza attiva nel traffico stradale e che i clienti Audi possono ora anche ordinare per i loro modelli di produzione.

Mentre Audi ha adottato la monoscocca, la cellula di sicurezza centrale della macchina da corsa è di nuovo design rispetto al modello precedente, anche il cofano con l’ala e parafanghi anteriore presenta un nuovo design. Dato che questo elemento della carrozzeria incorpora la struttura di crash, Audi ha effettuato un nuovo crash test per la stagione 2015. Il flusso d’aria modificato che passa attraverso le fiancate con nuove configurazioni di radiatore per il raffreddamento del motore e del sistema ibrido ottimizza ulteriormente la resistenza aerodinamica. La copertura del motore, che racchiude l’unità ancora più strettamente e in particolare si assottiglia dietro l’abitacolo, contribuisce a questo.

Quest’anno, Audi sta ancora preparando due varianti di carrozzeria per i vari circuiti del calendario FIA WEC. In combinazione con un telaio ottimizzato e in stretta collaborazione con i partner di pneumatici Michelin, Audi ha migliorato ulteriormente il potenziale di prestazioni del suo sport prototipo.

Audi, pioniere del sistema Hybrid, ora percorre il passo successivo nel settore del recupero di energia. L’azienda è l’unico produttore ad oggi ad aver vinto le 24 Ore di Le Mans con vetture sportive ibride.

Dal 2012, la R18 e-tron quattro è imbattuta nella classica francese di resistenza. Per quest’anno, gli ingegneri hanno raddoppiato la quantità di energia da 2 a 4 megajoule per giro di gara a Le Mans. Durante la frenatura, l’energia viene recuperata dal sistema che alimenta successivamente l’asse anteriore in accelerazione. La macchina elettrica che esegue questo compito ora eroga una potenza superiore a 200 kW (272 CV), che è un aumento significativo rispetto allo scorso anno. Pertanto, Audi ha aumentato la capacità del sistema di accumulo energetico. Il sistema di accumulo di energia del volano incapsulato che si trova nella cabina di guida a fianco del conducente è in grado di immagazzinare fino a 700 kJ di energia che poi ritorna alla macchina elettrica e che è di circa il 17 per cento in più rispetto al 2014.

Nonostante questi aumenti di prestazioni Audi ha raggiunto il peso minimo di soli 870 chilogrammi, un particolare importante in quello che è attualmente la più complessa categoria di corse al mondo. L’uscita ibrida migliorata, però, comporta una limitazione per il motore a combustione interna.

Secondo i regolamenti sportivi la quantità di combustibile ed energia deve essere ulteriormente ridotto se i tecnici optano per la maggior produzione del sistema ibrido. Di conseguenza, la R18 e-tron quattro deve arrangiarsi con il 2,5 per cento in meno di carburante diesel al giro rispetto al 2014.

Anche per questo motivo, Audi ha ulteriormente sviluppato il motore V6 TDI quattro litri eseguendo molti lavori nei dettagli per raggiungere i livelli di consumo ottimizzati. La potenza dell’impianto più efficiente nel settore ora offre 410 kW (558 CV). Grazie al suo consumo ottimizzato gli sviluppatori sono riusciti a compensare la perdita in uscita risultante dalla ridotta quantità di carburante. Un’altra nuova regola di quest’anno segnala che solo cinque motori per auto da corsa potranno essere utilizzati durante tutta la stagione. La centrale elettrica ora può fornire una maggiore efficienza del carburante continuando una tendenza importante.

Nel 2006, il motore TDI Audi ha debuttato a Le Mans, seguito da otto vittorie fino al 2014. Anche se i tempi sul giro sono costantemente migliorati, il consumo di carburante è diminuito del 38 per cento in questo periodo.

Come risultato, la più giovane generazione della R18 evidenzia la finalità di cui si serve Audi nello sport motoristico ed in molti altri campi. Sin dalla prima Audi quattro schierata nel 1980, il marchio è stato costantemente nelle gare su circuito e rally per lo sviluppo di tecnologie lungimiranti che vengono successivamente utilizzate nella produzione – dalla trazione quattro a quattro ruote motrici all’iniezione diretta TFSI benzina, all’ulteriore sviluppo dei motori TDI, passando attraverso innovazioni nelle luci con Audi Laserlight come matrice dei LED.

Al Salone di Ginevra di marzo, Audi ha presentato altre due innovazioni con riferimento al motorsport. Per la prima volta, il marchio ha presentato un modello ibrido – la Q7 – che unisce il principio di e-tron quattro abbinato al motore TDI. E la nuova R8* è il primo modello con l’Audi Space Frame come una costruzione multi-materiale. Oltre all’alluminio, il telaio comprende dei componenti in fibra di carbonio e plastica rinforzata (CFRP), un materiale che da tempo è diventato un fiocco nelle corse.


Share and Enjoy

  • Google Plus
  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon

TAGS: 24 ore le mans Audi R18 e-tron quattro FIA World Endurance Championship Jörg Zander WEC

Lascia una risposta

 
Pinterest