Nick Heidfeld difende la Formula e da Sebastian Vettel

Nick Heidfeld difende la Formula e da Sebastian Vettel

16 set, 2014

difende la dopo l’attacco di

Da GMM

Fonte: Auto123.com

 

16 Settembre 2014. Nick Heidfeld ha difeso la nuova serie Formula e dopo le critiche dall’interno del paddock di F1.

Il campione del mondo in carica di F1 Sebastian Vettel ha recentemente sbattuto la serie completamente elettrica come “cheese” (formaggio).

In definitiva, il tedesco Heidfeld – un veterano di non meno di 185 Gran Premi e 13 podi in Formula 1 – è stato senza dubbio la star dello show, andando a schiantarsi in modo spettacolare in un affondo all’ultimo giro tentando di prendere la vittoria contro Nicolas Prost, figlio della leggenda di F1.

Ma Vettel ha recentemente dichiarato: “Io non sono un fan della Formula e, e come spettatore non sarei interessato”.

Heidfeld, che guida per il team co-fondato dall’attore di Hollywood Leonardo DiCaprio, è stato chiesto dal Spox in lingua tedesca a reagire all’atteggiamento di Vettel.

“Mi piace Sebastian e non so in che contesto abbia detto questo” – ha risposto il 37enne

“Ma penso che la Formula E attualmente non può competere contro la Formula uno e in realtà non vuole. Il concetto è molto diverso.

“Ma la serie è giustificata se si considera lo sviluppo della mobilità elettrica e l’interesse che i produttori hanno in essa. Quanto avrà, dovremo vederlo.

“Penso che anche la Formula uno è attualmente alle prese con alcuni titoli negativi, ma è il picco degli sport motoristici e rimarrà a lungo.

“Ma questo non significa che non ci può essere qualcos’altro” – ha aggiunto Heidfeld.

È stato detto che, almeno per ora, la Formula e non potrà mai rappresentare un pericolo per il successo della F1 a causa della velocità degli autoveicoli.

Nella sua relazione, Spox ha detto che i tempi sul giro mostrano che la Formula e è “più la formula 3″ della F1.

“Rispetto la Formula uno, le prestazioni sono modeste”, concordò Heidfeld.

“Abbiamo quasi 300 cavalli di potenza in qualifica e le vetture pesano 900 chili. E le gomme Michelin che stiamo usando non sono slick, quindi sono più lente, ma le possiamo usare sia sul bagnato che sull’asciutto.

“Alla fine sono normali vetture monoposto, che sono sempre difficili da guidare al limite. Ma un altro motivo per cui ho scelto di correre è perché ci sono degli avversari in termini di qualità dei driver, non abbiamo bisogno di nasconderci dalla Formula uno” – ha detto.

Nick Heidfeld ha spiegato che la tendenza è quindi diversa della F1, dove i cosiddetti “piloti con la valigia” sono armati di livelli economici senza precedenti per poter entrare e restare in questo sport sempre più costoso.

“Rispetto a qualche anno fa, la differenza è evidente”, ha detto. “E’ difficile entrare in formula uno ora solo con il talento.

“Non voglio criticare le squadre”, ha aggiunto Heidfeld. “Chiaramente c’è chi preferirebbe ingaggiare piloti basati soltanto su ciò che possono fare in pista ma devono anche pagare loro, la Formula Uno è troppo costosa per la maggior parte delle squadre, il che è una vergogna. Ma così sono le cose”.

Infine, Heidfeld ha commentato l’età declinante dei rookie in F1, con Daniil Kvyat, Max Verstappen e ora la riserva Mercedes Pascal Wehrlein, tutti hanno firmato da adolescenti.

“Fondamentalmente, la maturità e l’esperienza aumenta se si è più anziani”, ha spiegato Heidfeld.

“Abbiamo visto che ha funzionato con Kimi (Raikkonen nel 2001), ma anche lui era più vecchio di Max”, ha detto il tedesco, che è stato il primo compagno di squadra di Raikkonen nel 2001.

“In generale sarebbe meglio e più sicuro se ci fosse un’età minima in Formula Uno. Chiaramente è possibile che ci siano dei driver eccezionali come Kimi e forse Max che possono farlo, ma è molto difficile prevederlo in anticipo” – ha aggiunto Heidfeld.

 


Share and Enjoy

  • Google Plus
  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon

TAGS: FIA Formula E Championship formula e nick heidfeld sebastian vettel

Lascia una risposta

 
Pinterest