Molti problemi per il Trulli Formula E Team

Molti problemi per il Trulli Formula E Team

12 gen, 2015

Fonte: Trulli Team

 

Buenos Aires, Argentina. 10 Gennaio 2015. Dopo la quarta gara in Buenos Aires, il team Trulli di Formula E rimane con i 12 punti che ha guadagnato nella terza gara, a Punta Del Este.

La Formula E è stata finora abbastanza imprevedibile sia nella zona del podio che in quella dei punti, quindi la squadra è ancora fiduciosa di poter fare un buon risultato alla fine della stagione inaugurale.

 

, 20esima posizione

“Ancora una volta io sono fuori dalla zona punti, che è molto deludente, naturalmente. Fre un testa coda già al primo significa dover entrare prima ai box e cambiare auto per avere la possibilità di fare buoni tempi in una maggior quantità di giri. Mi dispiace per la mia squadra perché tutti hanno lavorato molto duramente per fare che tutto questo accada – quindi vorrei rivolgere un grande grazie a loro per questo.

Sapendo di avere solo una macchina significava che presto sarei stata fuori dai giochi perchè la batteria non può durare tutta una gara, ma siamo riusciti a ottenere qualche buon parziale in pista e, a questo punto, tutta l’esperienza è benvenuta. E’ bello per me lavorare con Jarno che ha tanta esperienza in circuiti cittadini, ora non mi resta che mettere in pratica tutto quello che ho imparato.

Ora torniamo al tavolo da disegno e vedere cosa possiamo fare di diverso per Miami, dove spero davvero che la mia fortuna cambi e mi faccia segnare i miei primi punti. “

 

, 16esima posizione

“Prima di tutto vorrei ringraziare i meccanici, gli ingegneri, i nostri sponsor e il resto della squadra per tutto il loro duro lavoro. Senza di loro, niente di tutto questo sarebbe stato possibile. Mi piacerebbe anche ringraziare l’ambasciatore saudita in Italia per venire al garage ad augurarmi buona fortuna.

I problemi e la sfortuna sono iniziati nelle prove di qualificazione con il testa coda di questa mattina è oggi si sono rivelati senza fine. Partire dal fondo della griglia non è mai facile, ma abbiamo fatto dei buoni progressi per salire in qualifica. Dopo il cambio auto abbiamo fatto ancora più progressi, ma la fortuna ci ha aiutati solo fino al 33esimo giro, quando il motore si è spento ed ho dovuto tornare ai box.

I miei meccanici stanno dando un’occhiatta al momento e speriamo di fare qualche modifica in tempo per Miami. Per riassumere oggi, siamo stati così vicino, eppure così lontani.

Nonostante questa volta sia andata senza punti, abbiamo dimostrato che cosa possiamo fare e io sono fiducioso che il Miami ePrix sarà un successo”.

 

, Team Principal

“Come Jarno e Michela, vorrei iniziare con ringraziare i meccanici, gli ingegneri, i nostri sponsor Jihua e il resto del nostro team per il duro lavoro che hanno fatto in questo fine settimana. Un ringraziamento particolare ai meccanici che sono riusciti a mettere in ordine la macchina di Jarno in tempo per la gara dopo un bel brutto incidente nella prova di qualificazione. Il duro lavoro della squadra ha reso possibile che tutto ciò accada.

Né Jarno nè Michela hanno avuto il meglio dei loro giorni di gara, con molti testacoda.

E ‘stato un week-end di sentimenti contrastanti per noi. Fino alla qualifica è stato molto buono ed entrambi i piloti hanno dimostrato il loro potenziale, anche Michela con un solo giro. Le vetture avevano una buona velocità e la preparazione per il fine settimana è stata eccellente. Purtroppo, hanno fatto entrambi degli errori di guida che hanno portano loro a posizioni in griglia abbastanza arretrate.

Durante la gara Michela ha fatto un errore di guida già al primo giro costringendola a dover abandonare un’auto nei box per saltare rapidamente nell’altra. Sapendo che la batteria non può durare tutta una gara, anche con una mappatura lenta è stato impossibile per lei finire la gara.

Nonostante sia stato in 20esima posizione sulla griglia di partenza ed avere una macchina ricostruita dopo l’incidente della qualifica, Jarno è riuscito a fare una buona gara fino all’ultimo minuto, quando un problema elettrico l’ha costretto al ritiro. E ‘un vero peccato perché avrebbe potuto facilmente finire al sesto posto.

Anche se il risultato non lo dimostra, questa è stata la gara in cui entrambi i piloti hanno mostrato il miglior potenziale finora.

Vorremmo inoltre estendere i nostri ringraziamenti per l’organizzazione, alla città di Buenos Aires ed a tutte le parti coinvolte nella creazione di questa gara sorprendente. Le strutture sono all’avanguardia e delle migliori nel motorsport. Il popolo argentino è molto accogliente e il loro cibo è fantastico.

Ora passiamo con le nostre lezioni apprese e delle idee di migliorare ancora di più per il Miami ePrix”.

 

In English

A lot of troubles to the Trulli Formula E Team

Source: Trulli Formula E Team

 

Buenos Aires, Argentina – January 10, 2015. After round four in Buenos Aires, Trulli Formula E remains on the 12 points they scored in round three, in Punta Del Este. Formula E has so far been quite unpredictable both podium and points wise so the team are still confident that they can make a good result at the end of the inaugural season.

Michela Cerruti, P20

“Again I’m out of the points, which is very disappointing of course. Spinning out already in lap one meant i quickly had to box and change car to have a chance to get some more lap times in. I feel sorry for my team who are all working very hard to make all of this happen – so I’d like to extend a very big thank you to them for this.

Knowing I had only one car meant that I was out of the game early as the battery can’t last a whole race, but we managed to get some good practice on the track and at this point, all experience is welcome. It’s great for me to work with Jarno who has so much experience in street circuits, now I just have to put everything I learnt to practice.

Now we go back to the drawing board and see what we can do different for Miami where I really hope my luck will change I will score my first points.”

 

Jarno Trulli, P16

“First of all I would like to thank the mechanics, the engineers our sponsors and the rest of the team for all their hard work. Without them, none of this would be possible. I’d also like to thank the Saudi Arabian ambassador in Italy for coming by the garage to wish me good luck.

The problems and bad luck from this morning’s qualifying spin-out proved to be without end today. Starting at the bottom of the grid is never easy, but we made some good progress climbing the ranks. After the car-change we made even better progress, but the luck only lastsed until lap 33 when the engine shut down and I had to box. My mechanics are having a look at the moment and will amend it in time for Miami. To sum up today, so close, yet so far.

Despite being without points this time, we’ve showed what we can do and I’m confident that the Miami ePrix will be successful.”

 

Lucio Cavuto, Team Principal

“Like Jarno and Michela, I would like to start with thanking the mechanics, engineers, our sponsor Jihua and the rest of our team for the hard work they put in this weekend. A special thanks to the mechanics who managed to put Jarno’s car back together in time for the race after quite a bad crash in the qualifying race earlier today. Full on team work made it all happen.

Neither Jarno nor Michela had the best of race days with a lot of spin outs.

It’s been a weekend of mixed feelings for us. Until qualifying it was very good and both drivers were increasing their potential, even Michela with only one lap. The cars have been going in a good speed and the preparation for the weekend has been excellent. Sadly, they both had driving mistakes leading to low grid positions.

During the race Michela had a driving mistake already in lap one leaving her having to abandom one car and quickly box to jump in the other one. Knowing that a battery can’t last a whole race, even on a slow map made it impossible for her to finish the race.

Despite being P20 on the starting grid and having one car to rebuild from qualifying, we managed to produce a good race until the very last minute when an electrical problem caused Jarno to retire. It’s a real shame as he easily could have ended up 6th.

Even if the result doesn’t show, this was the race where both drivers showed the best potential so far.

We’d also like to extend our thanks to the organisation, the city of Buenos Aires and all parties involved in creating this astonishing race. The facilities are state of the art and some of the best in motorsport. The Argentinean people are very welcoming and their food is fantastic.

Now we move on with our lessons learnt and ideas of even more improvement for the Miami ePrix”.

 

.

 

Share and Enjoy

  • Google Plus
  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon

TAGS: buenos aires e-prix FIA Formula E Championship formula e Jarno Trulli lucio cavuto Michela Cerruti

Lascia una risposta

 
Pinterest