Michelin Pilot Sport EV, le gomme della Formula E

Michelin Pilot Sport EV, le gomme della Formula E

4 set, 2014

: una nuova rivoluzione nei pneumatici

 

Fonte: Michelin

 

Clermont Ferrand, Francia. 1° settembre 2014. L’automobilismo contemporaneo da competizione è pronto per dire “ciao” ad un pneumatico che è unico nel suo genere. Esternamente classificato come ‘pneumatico di produzione’, il Michelin Pilot Sport EV è infatti un pneumatico rivoluzionario capace di prestazioni incredibili e ancor più in monoposto da competizione.

Il Michelin Pilot Sport EV, che è stato sviluppato appositamente per le vetture di del primo campionato di monoposto elettriche da corsa, condivide il suo look con il Michelin Pilot Sport Cup 2, attualmente visto sulle vetture super-sportive di tutto il mondo: vetture come la Ferrari 458 Speciale, la Mercedes SLS-AMG Black Series o la Porsche 918 Spyder, sulla quale viene offerta in primo equipaggiamento.

Tutto sulla Michelin Pilot Sport EV, dai suoi fianchi ad effetto velluto (un prodotto della Michelin Velvet Technology), la facciata, le dimensioni posteriori (rispettivamente 245/40R18 e 305/40R 18) e anche il suo battistrada, suggerisce che questo singolo pneumatico sia infatti un pneumatico standard.

La verità è che questo è un vero pneumatico da corsa con gli ultimi sviluppi integrati in esso, e uno i cui livelli di prestazioni solleverà qualche sopracciglia.

 

Come far parlare tutti insieme: Michelin Motorsport sviluppa il Michelin Pilot Sport EV

Lo sviluppo di uno pneumatico da corsa è sempre qualcosa di speciale, soprattutto quando lo pneumatico in questione è stato fatto per andare su una vettura da corsa elettrica, che sta ancora prendendo forma in sé – e parteciperà al primo campionato FIA nel suo genere.

Ma Michelin gusta una sfida tecnologica, sapendo che ha persone altamente qualificate e collaudate su cui contare per le procedure di sviluppo.

Il primo passo nella progettazione del nuovo Michelin Pilot Sport EV è stato quello di istituire un gruppo di sviluppo per supervisionare il progetto all’interno della struttura di gestione Michelin Motorsport.

Tutta una serie di tecniche specialistiche si sono riunite per sviluppare lo pneumatico per un periodo di un anno. Ciascuno degli ingegneri ha portato un tipo specifico di competenza nel gruppo, sia essa l’architettura, di design, di chimica, di informatica o di altro.

Il primo compito del gruppo è stato quello di redigere un breve profilo tecnologico del nuovo pneumatico in conformità ai regolamenti tecnici della FIA.

Tale documento ha dovuto prendere un certo numero di parametri in considerazione.

Prima vennero i livelli di prestazione che gli utenti finali (ad esempio, i piloti della Formula E Championship) si aspettano in termini di aderenza, frenata, resistenza al rotolamento e durata. Successivamente, il gruppo ha capito come trattare con le esigenze climatiche – pioggia o temperature estreme.

Il Michelin Pilot Sport EV è stato progettato per offrire versatilità senza precedenti: ha un battistrada scanalato come si addice al primo pneumatico per offrire sicurezza e prestazioni su superfici bagnate o asciutte. Tenete a mente che il layout delle tracce dell’E-Prix (diversi tipi di asfalto, attraversamenti di binari del tram, ciottoli – dopo tutto questi sono circuiti nel centro città) era ancora sconosciuto al momento che lo pneumatico è stato progettato, mentre le specifiche tecniche delle monoposto della Spark Technologies era ancora in fase di ultimazione. Quindi, una certa quantità di lavoro ipotetico è andato in creazione di simulazioni che hanno permesso gli ingegneri della Michelin ad arrivare a una prima versione della Michelin Pilot Sport EV.

 

Dalla pista alla strada: la nuova gamma Michelin Pilot Sport

Michelin Pilot Sport EV: questo pneumatico è stato sviluppato appositamente per le monoposto di Formula E Championship, dotati da potenti motori elettrici che erogano una coppia costante da zero giri. Ciò significa che questi pneumatici specifici devono essere in grado di assorbire la coppia di avviamento, oltre a fornire una trazione perfetta nelle riprese e in curva.

Realizzato esclusivamente per i veicoli elettrici, il Michelin Pilot Sport EV deve offrire resistenza al rotolamento ottimizzata al fine di mantenere l’autonomia delle batterie.

Ultimo ma non meno importante, il composto impiegato sul battistrada utilizza tecnologie di nuova generazione che rendono lo pneumatico utilizzabile su piste asciutte o bagnate – un cambiamento radicale da quello che siamo abituati in altre categorie, sottolineando le qualità eccezionali di questa distillazione di nuova tecnologia .

 

Aiutano l’ambiente

Una volta che l’obiettivo è stato fissato, lo pneumatico poteva essere progettato. Sì, tutti i pneumatici sono rotondi e neri … ma ci sono ancora un molte di differenze da uno pneumatico all’altro. Ogni pneumatico ha quattro fattori chiave del suo make-up: la sua struttura interna, le materie prime utilizzate, il profilo e il battistrada. Ciascuno può differire selvaggiamente da un tipo di pneumatico ad un altro, ma tutti devono essere sviluppati in armonia – semplicemente non si può lavorare isolatamente su uno qualsiasi.

Michelin è sempre stato un front-runner in cui l’eco-compatibilità è stata presa in considerazione, utilizzando un potente software di simulazione per provare diverse soluzioni tecniche per lo pneumatico del futuro piuttosto che produrre centinaia di prototipi che tutti dovrebbero essere riciclati nel lungo periodo.

Il software di Michelin è in grado di simulare migliaia di differenti situazioni di guida portando in ogni combinazione concepibile le tecniche dell’architettura degli pneumatici e del battistrada, ma non fino a quando il ‘pacchetto’ tecnologico è stato raffinato viene svolta una breve produzione di pneumatici prototipo considerati prima da provare nel vero laboratorio che è La pista stessa.

 

La cruciale fase finale

Gli pneumatici prototipo sono stati testati meccanicamente, in primo luogo, in laboratorio.

La sicurezza è un prerequisito per la Michelin, quindi la robustezza dello pneumatico sarà stata verificata applicando forze e carichi che sono di gran lunga superiori a quello che avrebbero bisogno di assorbire nell’uso normale.

Questo test sul banco sarà anche visto dagli ingegneri Michelin dal punto di vista della durata dello pneumatico. Una volta fatto ciò, gli pneumatici sono montati su vetture per le prove da piloti collaudatori nominati da Michelin.

Per il Michelin Pilot Sport EV, il test su una vettura di Formula E nella sua specifica finale è stato eseguito dagli ingegneri responsabili del progetto di sviluppo, assistiti da piloti esperti, che potrebbero mettere lo pneumatico attraverso un dettagliato esame conclusivo.

Il testing dinamico degli pneumatici copre una serie di parametri, sia oggettivi che soggettivi. Il driver di Michelin Motorsport ha avviato così quella fase difficile, scegliendo un layout che ha messo la tenuta di strada sotto i riflettori, con ogni curva suddivisa in quattro zone: frenata, ingresso curva, corda e uscita di curva.

Le sensazioni dei driver sono state poi confrontate con le letture accelerometriche per dare i risultati più affidabili disponibili.

La sessione di test finale del processo di progettazione del Michelin Pilot Sport EV, è stata svolta lo scorso aprile al Issoire Auverdrive Circuit con tutti i partner tecnici della Formula E presenti, che hanno visto quattro possibili opzioni testate per la prima della scelta finale degli pneumatici, che a sua volta è stata fatta per nuove questioni di posti macchina.

Una volta che è stato fatto, la produzione ha preso il via presso l’impianto Cataroux a Clermont-Ferrand, Francia.

 

Una gara, un pneumatico

In anteprima per le gare di livello mondiale, specialmente per le monoposto, queste vetture avranno un solo set di pneumatici per durare l’intera giornata (pratica, qualifiche e gara), indipendentemente dalle condizioni meteorologiche. Su piste bagnate o asciutte, sia essa calda o fredda, tutti i concorrenti dovranno tenere le stesse gomme, senza pregiudizio né per la sicurezza e tantomeno per le prestazioni. Qui sta la vera forza del Michelin Pilot Sport EV: la sua versatilità pura, che significa anche che la Michelin può ridurre il numero di pneumatici che devono essere fatti e poi trasportati in ogni gara (circa 200 per 40 auto), in modo tale che i mezzi abbiano il minore impatto sull’ambiente.

A titolo di confronto, e nonostante una riduzione del 40% dell’indennità di pneumatici negli ultimi due anni, un singolo evento del FIA WRC richiederebbe 1.500 pneumatici per lo stesso numero di auto.

 

Una rivoluzione da 18 pollici

Michelin ha messo l’idea in avanti – e la FIA l’ha sposata pienamente. I cerchi ruota del misurano 18 pollici. Perché l’insistenza su quelle dimensioni? In primo luogo, Michelin ha sempre dichiarato la sua preferenza per le auto da corsa che utilizzano ruote e pneumatici di dimensioni analoghe alle automobili dei normali automobilisti, in linea con la sua filosofia di trasferire la tecnologia dalla pista alla strada.

In Formula 1, ad esempio, i cerchi sono da 13 pollici, mentre i pneumatici hanno anche pareti laterali spesse e sono molto ampi, il che rende impossibile estrarre alcuna informazione utile da loro quanto i pneumatici di serie sono interessati.

Con l’adozione del Michelin Pilot Sport EV nella dimensione 245/18 40R, ampiamente usato oggi su vetture stradali, la Formula E diventa effettivamente un banco di prova per i pneumatici Michelin di nuova generazione offerti sul mercato di massa.

Il secondo motivo per l’adozione di pneumatici di diametro da 18 pollici ha a che fare con la ricerca nell’efficienza energetica. Un pneumatico con bassi fianchi è soggetto a meno deformazioni durante l’uso, riducendo l’accumulo di calore ed il suo impatto sul consumo di carburante.

 

La magia di un pneumatico ‘connesso’

Una delle chiavi del successo nelle corse automobilistiche è la raccolta dati e di analisi per aiutare a capire tutto quello che succede all’interno della vettura.

Quello stesso pensiero sta dietro la decisione di incorporare un RFID (Radio Frequency Identification Device) chip del Michelin Pilot Sport EV.

Ospitato nel fianco, il chip aiuterà a rintracciare tutto quello che è successo dalla fase di produzione a quando sono restituiti alla fabbrica per il riciclaggio. Ma la memoria elettronica di questi micro-componenti “sarà anche benefica sia per le prestazioni racing che agli ingegneri di Michelin. In tandem con sensori di temperatura e di pressione, il chip memorizza ogni bit di dati relativi alle sollecitazioni che il pneumatico subisce. Questi preziosi dati aiuteranno gli ingegneri della Michelin ad analizzare il comportamento dello pneumatico in ogni fase e adattare rapidamente le lezioni apprese sia per tenere traccia delle prestazioni che per gli pneumatici di produzione.

 


Share and Enjoy

  • Google Plus
  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon

TAGS: FIA Formula E Championship formula e Michelin Pilot Sport EV

Lascia una risposta

 
Pinterest