La stagione di Formula E secondo e.Dams Renault

La stagione di Formula E secondo e.Dams Renault

23 feb, 2015

La storia della stagione di secondo

Fonte: e.Dams e Formula E

 

Francia. 13 Febbraio 2015. Quattro gare. Quattro vincitori drivers. Quattro squadre vincenti. Finora, il  FIA di Formula E Championship ha dimostrato di essere un campionato completamente aperto. Nessun pilota è ancora riuscito a convertire la pole position in una vittoria, mentre partire indietro nella griglia non è stato un ostacolo per finire sul podio.

Nonostante queste statistiche impressionanti, c’è una squadra che ha dimostrato un piccolo, ma significativo, vantaggio. Con tre pole (anche se una è stata negato a causa di una sanzione precedente), una vittoria e tre podi, la squadra e.dams-Renault è all’avanguardia nella classifica delle squadre.

 

Il background

E.dams è stata creata quando il quattro volte campione mondiale di Formula 1 ha collaborato con il team Dams di Jean-Paul Driot. Utilizzando l’esperienza ed i contatti di Prost e la fantastica esperienza tecnica e il know-how organizzativo di Dams, la combinazione è stata un successo immediato, con Sebastien Buemi più veloce in quattro dei cinque test pre-stagionali.

“Alain e suo figlio (Nicolas) guardavano la Formula E. Anch’io stavo guardando la Formula E, è stata una grande scommessa che ho voluto condividere con qualcuno e credo che Alain era il miglior partner di sempre, in termini che lui fa una grande comunicazione e PR ed ha dei contatti incredibili”, spiega Driot. “E da parte mia penso di aver dimostrato di poter gestire un team. E insieme credo che sia stata la migliore combinazione”.

Sorprendentemente Buemi non ha mai lottato al vertice nella prima gara di Formula E – il Pechino ePrix – ma Prost Jr ha rafforzato la forza del pacchetto, segnando la  pole e conducendo tutta la strada fino al suo famigerato incidente all’ultima curva con la Venturi di Nick Heidfeld.

Questo ha lasciato il team con soli tre punti e un po’ in retroguardia per la corsa al titolo.

Prost, ancora una volta ha guidato i tempi di qualificazione quando la categoria si riunì per il secondo round nella città malese di Putrajaya. Tuttavia, la sua penalità per l’incidente di Pechino significava che avrebbe di fatto iniziare nell’undicesima posizione.

Buemi faceva un’altra qualifica da dimenticare e un errore da parte del team significava ancora una volta iniziare la gara dietro in griglia. Questa volta ha avuto il tipo di gara indicato nelle prove di pre-campionato, ha attaccato e si è fatto strada fino ritornare a casa terzo.

La vittoria della terza gara in Punta del Este per Buemi è stata seguita dal dominio assoluto nelle sessioni di prove e di qualificazione a Buenos Aires. Ma un piccolo errore di valutazione in gara ha portato lui a muro rompendo la sua ruota anteriore destra e di conseguenza il ritiro immediato.

Prost ha avuto il suo miglior risultato fino ad oggi, il secondo posto.

Tenendo tutto questo in mente, non c’è da meravigliarsi che Alain Prost pensa che la squadra dovrebbe essere in una posizione ancora più forte.

“Siamo soddisfatti, ovviamente, con le prestazioni della squadra e dei piloti” – afferma. “Ma pensiamo che avrebbe potuto essere migliore”.

 

Il segreto del successo

Per eventuali seguaci di lunga data delle monoposto juniores, le prestazioni di e.dams non sarà una sorpresa. Per più di 25 anni, Dams è stata una delle sqadre più importanti nei campionati direttamente sotto la Formula 1, come quelli di F3000, GP2, Formula Renault 3.5 o A1GP.

Ma nel corso delle ultime quattro stagioni, la squadra ha goduto di una corsa particolarmente notevole al successo. Dopo aver vinto il campionato GP2 con Romain Grosjean nel 2011, Dams ha preso altri due titoli piloti con Davide Valsecchi e Jolyon Palmer e due titoli squadre. E’ entrata nella Formula Renault 3,5 nel 2012. Un anno dopo ha vinto il titolo piloti e squadre, una prodezza che ripetè anche l’anno scorso.

“Dams è ora una società da 27 anni. Noi non siamo nelle corse solo da ieri”, dice Driot. “Anche le persone nella Dams rimangono molto a lungo, quindi ci conoscono molto bene con tutti i nostri beni e le nostre debolezze.

“Anche i meccanici e le persone restano con noi per un bel po’ –  non cambiamo ogni fine settimana, o ogni sei mesi o ogni anno – e questo è il motivo per cui, ad esempio, l’anno scorso in GP2 non abbiamo mai avuto un solo problema meccanico durante l’intera stagione. Per vincere i campionati c’è bisogno di prestazioni e affidabilità”.

Il livello di preparazione ha impressionato molto i piloti.

“Abbiamo fatto un buon lavoro fino ad ora, ma se si guarda il successo della squadra Dams in altre serie, hanno vinto tutto quello che hanno fatto”, dice Buemi. “Penso che stanno facendo un ottimo lavoro in quando a ingegneria della macchina e in termini di cura della macchina da utilizzare si per avere le prestazioni che l’affidabilità. Abbiamo avuto una buona macchina per le qualifiche, probabilmente la migliore, ma ora stiamo puntando anche sul miglioramento appositamente per la gara. I meccanici stanno facendo un lavoro fantastico per ottenere il massimo dalla macchina”.

 

Le più grandi sfide

Con così tanti vincitori diversi e con gare così ricche di azione, il fatto di avere una macchina veloce non è garanzia di successo in Formula E. Il formato unico di un giorno è anche incredibilmente difficile per entrambi i piloti e le squadre allo stesso modo.

“E ‘molto difficile, si tratta di qualcosa di molto nuovo per noi e un molto stress per tutti”, dice Alain Prost. “Dobbiamo prendere la macchina il giovedi e quindi dobbiamo prepararela. Tutto è fatto in un giorno, quindi se si fa un piccolo errore dal driver, la meccanica o chiunque allora la nostra corsa è quasi compromessa. E’ molto diverso, ma alla fine della giornata penso che per gli spettatori e per il pubblico e per noi è molto eccitante e penso che quello sia più importante”.

Driot è d’accordo:

“C’è una grande grande pressione. Siamo abituati ad altro modo nelle corsa, senza la pressione. Quando vinco in GP2 o 3.5 sono felice, ma non è niente di eccezionale, ma qui ho la stessa emozione che ho fatto quando ho avuto una macchina con la quale stavamo arrivando al traguardo alla 24 Ore di Le Mans”.

 

I driver

Sia Buemi che Prost corrono anche al di fuori della Formula E. Lo scorso novembre Buemi è stato incoronato campione del mondo Endurance Car, e quest’anno lui sarà a difendere il suo titolo per il team Toyota. E’ anche un test driver della quadra Red Bull Formula 1, anche se le restrizioni dei test significa che il suo tempo effettivo al posto di guida sia limitato.

Prost corre anche nel WEC, guida per Rebellion, dove Heidfeld è il suo compagno di squadra.

“Il mio passaggio alle vetture sport non è stato un passaggio completo” – dice. “Era il 2009 e stavo facendo l’A1 all’inizio dell’anno per la Francia e il campionato LMP1, e il piano era quello di continuare a fare entrambe i campionati con le monoposto e le sport. Purtroppo A1 non ha potuto continuare così mi sono trasferito alle gare su ghiaccio durante l’inverno e poi nel 2010 ho fatto il mio primo test in F1 con quello che allora era il Team Renault F1. Da allora sono sempre stato coinvolto con la Renault [ora Lotus GP] negli ultimi sei anni. A quel tempo non c’era davvero l’opportunità per me di correre in monoposto, ma poi, quando la Formula E è arrivata ero molto emozionato, perché ho pensato che sarebbe stato davvero un buona opportunità per me”.

 

Il futuro

Per la seconda stagione e oltre, i regolamenti di Formula E aprono la serie che consentirà ai produttori di entrare e mostrare le loro capacità. Avere una tale stretta collaborazione con la Renault potrebbe essere cruciale quando il campionato entri nella sua fase successiva.

“Speriamo di essere molto più coinvolti con la Renault, perché ora stiamo iniziando lo sviluppo delle vetture, quindi è molto importante essere con un produttore”, dice Driot. “Fino ad ora non ci sono state interferenze con noi nelle corse. Ora stiamo iniziando a lavorare sul secondo anno e speriamo di essere una voce unisona”.

Alain Prost ha vinto nove gare come pilota della Renault in Formula 1, più ulteriori sette e il titolo del 1993 con un motore Renault sulla Williams. Ora lavora come ambasciatore dell’azienda, quindi è naturalmente molto ansioso di vedere il rapporto esteso.

“E’ sempre più vicino. Ho i due ruoli, ma ci stiamo avvicinando sempre di più e sarà sempre di più ogni anno. Volevamo vedere come sarebbe stato il campionato in corso e si vede che sta andando in modo molto positivo e molto buono, quindi penso che la Renault sarà più coinvolta”.

Ma ci sono ancora sette gare da correre in questa stagione ed entrambi i piloti sanno che combatteranno fino in fondo se si vuole avere l’onore di essere il primo campione di Formula E.

“Ho sempre saputo che sarebbe stata una concorrenza molto dura perché ci sono molti buoni piloti e molte buone squadre”, calcola Prost. “Non c’è nessuno che guardi e pensi ‘oh, sarà facile batterli’. D’altra parte, ho detto che ho sempre avuto un buon passo nelle monoposto e sapevo di essere abbastanza buono gareggiare sulle strade da quando ho corso su di loro in passato. Si sapeva che sarebbe stata una lotta dura, ma mi sento di poter tenere il passo che finora è stato buono, ma cerchiamo di ottenere di più e di essere nella dura lotta per il titolo”.

Buemi aggiunge:

“Penso che non posso essere felice con la mia stagione finora perchè avremmo potuto ottenere molto di più. Abbiamo una buona macchina e ho perso troppi punti. Si può sempre guardare indietro e dare la colpa al pilota o alla squadra, ma io ho fatto alcuni errori di guida che è qualcosa di molto facile da fare in queste vetture. Avrei potuto fare meglio, ma siamo ancora nel gruppo che insegue per vincere il campionato. Lucas [di Grassi] è leggermente davanti ma abbiamo un pacchetto competitivo e se non facciamo errori possiamo avere una grande possibilità di lottare per il titolo. In questo momento abbiamo bisogno di essere sicuri di fare il lavoro di base in modo giusto e possiamo avere una possibilità realistica”.

 


Share and Enjoy

  • Google Plus
  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon

TAGS: Alain Prost e.dams renault FIA Formula E Championship formula e jean paul driot nicolas prost renault Sébastien Buemi

Lascia una risposta

 
Pinterest