La NASCAR farà gare di auto elettriche

La NASCAR farà gare di auto elettriche

2 ago, 2011

Le gare vanno verso le auto ecologiche

NASCAR pronta a ospitare le gare delle auto a batterie

da Jim Motavalli

2 agosto 2011. L’idea che gli amanti della NASCAR possano ospitare una serie di corse di auto elettriche suona stravagante, ma in realtà è un passo logico e non può essere lontana. Le piste della NASCAR sono già al lavoro con le prove delle moto elettriche a tempo e di gare di resistenza. E la tecnologia sta migliorando rapidamente, quindi la NASCAR è determinata ad andare avanti verso le corse ecologiche.

Immaginate se volete, un futuro in cui le corse NASCAR Sprint Cup non si svolgano con i motori V-8 degli attuali stock cars attuali, ma con i motori elettrici allimentati a batterie al litio ion. Vi sembra inverosimile? Dieci anni fa, avrei detto di sì …. Ma tenendo conto del modo in cui stanno andando le cose, non sarei sorpreso di vedere un giorno le auto elettriche negli ovali della NASCAR.

Due sono gli ostacoli principali che rimangono da risolvere prima che il sogno diventi realtà: l’auto non può andare molto lontano quando corre a pieno regime, e non fanno molto rumore – al di là delle sgommanre.

Il fattore “rumore”

Senza il ruggito dei V-8, la volontà delle folle di accettare i veicoli elettrici sugli ovali è ancora una grande domanda.

“Forse dovremo mettere una carta da gioco nei raggi” – ha affermato , presidente della NASCAR all’Infineon Raceway in California.

, vincitore della 500 Miglia di Indianapolis nel 1985 e un sostenitore degli EV, mi ha anche detto che lui si preoccupa del problema del rumore. Ma , amministratore delegato della , la prima serie di corse elettriche che ha gareggiato in California alla fine di quest’anno, dice che il problema del rumore è sopravvalutato.

Quando le automobili sono di passaggio in velocità, la maggior parte di quello che si sente è il rumore del vento e dei pneumatici. Il motore è per lo più sentito quando le macchine stanno accelerando. Quando le auto da corsa elettriche stanno andando a 120 mph, non saranno affatto silenziose, e la gente resterà molto sorpresa.

NASCAR: Determinata ad seguire l’ecologia

Gli EV da corsa hanno davvero bisogno della NASCAR, perché è uno sport spettacolare negli Stati Uniti (più popolare del calcio). E la NASCAR è sicuramente ecologica. Il portavoce Scott Warfield punta all’etanolo E15 come carburante nei serbatoi di tutte le tre serie nazionali, alle iniziative solari di e di altre piste, e di grandi programmi di riciclaggio in corso. Infineon è un impianto ultra-verde a nord della California, che aiuta forse a spiegare la rasatura del prato delle pecore nello spazio interno ed i pannelli solari Panasonic (che forniscono il 41 per cento dell’energia elettrica della pista) su sei edifici.

La pagina  dell’Infineon Raceway dice che gli operatori di pista ed i funzionari NASCAR sono entusiasti per “lanciare alcune idee, anche se osservano gli sguardi fissi nel vuoto da alcune persone. Le vetture dovranno avere un’autonomia sufficiente per essere credibile.

“Le gare di EV Cup sono solo di 25 miglia, rispetto alle 350-400 miglia di molte gare NASCAR. Un modo per rendere le gare di auto elettriche più lunghe è con la sostituzione rapida delle batterie, che potrebbe rappresentare un pit stop emozionante. Gli equipaggi cambiano le gomme in pochi secondi, e potrebbero sicuramente fare lo stesso con un pacco batterie in circa un minuto”. Gli standard di sicurezza sono allo studio solo per lo scambio di questo tipo.

NASCAR non dirà molto sui record delle corse di auto elettriche, anche se sta cercando uno sviluppo. Secondo il portavoce John Schwartz, “Stiamo valutando costantemente il modo di ridurre l’impatto del nostro sport per l’ambiente”.

Primi tentativi di sperimentazione

Nel frattempo, le piste NASCAR organizzano insieme alle gare alcune mostre ed eventi speciali. Una cosa è certa, i motori elettrici hanno la coppia massima da subito nella partenza, e queste auto non sono lenti. Il Westfield iRacer sviluppato per la serie EV Cup accelera da zero a 60 mph in meno di cinque secondi.

A Laguna Seca la scorsa settimana, la moto elettrica Mission Motors ha segnato il record della pista di un minuto, 47 secondi sul giro. Il Rocket electric drag racer impiega sette secondi per percorrere il quarto di miglio.

Sullivan è ottimista sul fatto che dalle corse elettriche avranno le loro giornate, anche se con le attuali vetture Indy che ingurgitano carburante a una velocità di due miglia per gallone non è sicuro che il Brickyard potrà avere presto queste gare. “Le corse si stanno muovendo nella direzione elettrica”, ha detto.

“Alcuni dei motocicli elettrici che ho visto sono molto più avanti delle macchine”.

 

 

Share and Enjoy

  • Google Plus
  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon

TAGS: danny sullivan ev cup nascar pocono Steve Page Sylvain Filippi

Lascia una risposta

 
Pinterest