La Formula E punta al titolo di Campionato del Mondo?

La Formula E punta al titolo di Campionato del Mondo?

21 giu, 2017

da: Scott Mitchell, Giornalista

Tradotto da: Chiara Rainis, Giornalista

Fonte: Motorsport.com

 

20 Giugno 2017. Per la serie “full electric” internazionale potrebbe arrivare prestissimo la titolazione iridata da parte della FIA, tuttavia i costi e i doveri ad essa connessi lasciano ancora perplesse molte delle squadre iscritte.

Non è del tutto una novità. La aveva mostrato interesse nell’essere inserita dalla FIA nella lista dei campionati iridati sin dal suo debutto nel 2014 e ora che ha soddisfatto tutti i criteri dettati dall’Autorità Sportiva nel Codice Sportivo Internazionale in termini di crescita questo desiderio potrebbe tramutarsi in realtà.

“Abbiamo già intavolato la discussione con la FIA. Quindi ci resta soltanto da decidere il momento opportuno per questo passaggio”, ha spiegato ad Autosport il patron .

“È sicuramente positivo assumere il titolo di mondiale, tuttavia dovremo prima parlarne con le scuderie dato che implicherà delle spese aggiuntive per quanto riguarda le tasse da versare alla Federazione”.

Per diventare un Campionato del Mondo una categoria deve vedere coinvolti quattro costruttori ed infatti la Formula E annovera nove produttori di motopropulsori, oltre a diversi partner tecnici come Renault, Audi, BMW, DS e Jaguar.

Inoltre, le gare devono svolgersi in almeno tre continenti e nel 2016-2017 la serie al cento per cento elettrica ha visitato Europa, Nord America, Sud America, Asia e Africa.

Va ricordato che malgrado l’adempimento di tutte le richieste la FIA può organizzare ispezioni a sorpresa in uno dei round per verificare il rispetto dal Codice Sportivo, mentre un commissario federale deve essere eletto a presidente del pannello degli Stewards presenti a ciascun evento per riportare eventuali gravi infrazioni.

“Non credo sia la questione più importante da affrontare adesso. Anzi, quando ne abbiamo discusso il parere condiviso è stato ‘non ora’…”, ha affermato ad Autosport il co-team principal della Andretti e capo dell’Associazione Scuderie di Formula E, .

“Tutti vorremmo acquisire questo status, ma è proprio necessario l’anno prossimo o si può aspettare il 2018, piuttosto che il 2021? Soddisfiamo tutti i criteri, potremmo dare vita ad un trofeo costruttori, di conseguenza avremmo il diritto di chiamarci ‘mondiale’. Magari con l’ingresso di nuove Case potrebbe anche aumentare il valore”.

“Tuttavia se questa denominazione portasse ad un beneficio in termini di città rilevanti frequentate, un 100 per cento di spettatori in più e una migliore promozione, allora sarebbe giustificabile , ma non siamo ancora stati informati sulle cause dell’incremento dei costi e quanto sarebbe alta la cifra”, ha concluso il dirigente inglese.

.

Share and Enjoy

  • Google Plus
  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon

TAGS: Alejandro Agag FIA Formula E Championship formula e jean todt Roger Griffiths

Lascia una risposta

 
Pinterest