Intervista ad Alejandro Agag, CEO della FIA Formula E

Intervista ad Alejandro Agag, CEO della FIA Formula E

9 set, 2014

Fonte: Holdings

 

Londra, Gran Bretagna. 8 settembre 2014 Tu hai la tua prima gara a Pechino, in arrivo il 13 settembre. Siete tutti pronti? Ci sono ancora molte cose da portare a termine prima che la prima gara?

Non possiamo aspettare la prima gara! Abbiamo lavorato per due lunghi anni o due brevi anni – dipende da come la si guarda – due anni è un breve periodo di tempo per mettere insieme un campionato come questo. Ma ora è il momento della verità. Siamo davvero lieti di questo e siamo pronti. Durante tutto l’anno fino al mese di agosto, le vetture hanno attraversato cinque prove ufficiali e due simulazioni di gara presso la nostra sede operativa a Donington Park. Niente è stato lasciato al caso. Tutto è stato collaudato fino allo stress, dalle auto alle verifiche. E sarà uno spettacolo fantastico.

 

Perché verranno cambiate le auto invece delle batterie?

La modifica delle vetture è stata una decisione della FIA per motivi di sicurezza e la sicurezza viene prima di tutto. E’ anche importante ricordare che, mentre la Formula E è un campionato di corse – è anche un banco di prova per la tecnologia dei veicoli elettrici. La tecnologia richiede tempo per svilupparsi, basta guardare l’evoluzione dai telefoni ‘mattoni’ agli smartphone e dai computer desktop ai tablet. Allo stesso modo, crediamo che le auto elettriche hanno bisogno di tempo per evolversi e siamo solo all’inizio dell’era elettrica delle corse – questo è molto eccitante. Allo stato attuale le nostre batterie durano 25-30 minuti, ma come la tecnologia migliora – il nostro obiettivo sarà quello di compiere l’intera gara con una macchina e una batteria.

 

Cosa rende la Formula E diversa ed eccitante quando ci sono altri campionati?

Sono un grande appassionato di tutti gli sport del motore, soprattutto Formula 1 e GP2. La Formula E è il ‘motorsport dirompente’. Assolutamente tutto è nuovo e pionieristico. Stiamo sperimentando l’ignoto, l’inizio dell’era elettrica degli sport motoristici.

Noi corriamo in nuove sedi nei centri urbani, non in piste esistenti. Abbiamo prodotto il 100% dell’auto da corsa elettrica da zero e guardare 40 auto elettriche che corrono intorno ai centri città un Sabato pomeriggio è senza precedenti.

Stiamo anche fondendo i social media e gli sport motoristici in un modo che non è mai stato fatto prima – e come fare della Formula E una fusione tra una vera e propria gara e un videogioco. I fan potranno votare direttamente per il loro pilota preferito e potenzialmente influenzare l’esito della gara.

Sul fronte della sostenibilità, puntiamo a diventare il primo campionato motorsport neutro di emissioni di carbonio. E, infine, la Formula E si rivolge ai giovani fan dello sport automobilistico, la giovane generazione degli smartphone.

 

Guardando i piloti in linea di partenza, quanto è stato difficile attirare i grandi piloti d’elite in una nuova forma di sport automobilistico?

Attirare buoni piloti è stata una sfida dall’inizio, perché i piloti volevano vedere che cosa fosse la Formula E, e soprattutto volevano vedere la macchina.

Credo che il punto di svolta è stato quando Jarno Trulli – un ex pilota di Formula 1 ha testato la macchina per la prima volta ed è stato molto impressionato da essa. Lucas di Grassi e Ho-Ping Tung hanno fatto dopo un ottimo lavoro di sviluppo della vettura, per avere una macchina con una grande prestazione come è quella che ha attirato i driver.

I piloti hanno anche voluto vedere che questa è una vera e propria gara. Non è una manifestazione o uno spettacolo. Questa è una vera e propria gara ed i piloti hanno una macchina con cui possono combattere per vincere.

 

Che tipo di spettacolo in termini di mancanza di rumore e schiamazzi della Formula E dovrebbe invogliare i fan?

La Formula E ha un suono unico, futuristico e divertente. Penso che il suono della Formula E è un suono fresco; è il suono di un motore elettrico. Penso che sia il suono del futuro delle corse.

Penso che il suono sia abbastanza forte per entusiasmare i fan ma è abbastanza basso da permetterci di correre in centro città – senza causare inquinamento acustico. Quindi è il livello di rumore ideale per noi.

 

Come pensate di ricaricare le auto?

In alcune città la corrente verrà presa dalla rete, ma dobbiamo fare in modo che l’elettricità provenga da fonti rinnovabili. In altri casi useremo generatori Aquafuel – che ottengono la loro energia da glicerina ottenuta da alghe marine. Noi pensiamo che è una tecnologia completamente nuova che ha emissioni molto basse, nessun fumo e nessun rumore. Essa dimostra anche che il campionato si impegna nella sostenibilità, non solo promuovendo le auto elettriche, ma anche tutti gli altri aspetti del campionato nel suo complesso.

 

Qual è il piano quinquennale per la Formula E?

Abbiamo due vie di crescita per la Formula E, la geografia e la tecnologia. Geograficamente, vorremmo correre in tutto il mondo. Vorremmo essere in Africa e in Australia o Nuova Zelanda, vorremmo espanderci in Asia e in Europa. Stiamo pensando di aggiungere una o due gare all’anno – fino ad arrivare ad un calendario di gare tra le 16 e le 18. In termini di numero di corse questo è l’obiettivo. Abbiamo molte di domanda da diverse città.

Tecnologicamente: la crescita verrà dai produttori che progetteranno e prepareranno le auto per il campionato, in particolare i powertrain elettrici. Stiamo parlando di diversi OEM. Da due anni ci piacerebbe avere nuovi produttori in arrivo, non necessariamente che facciano tutta la macchina, ma il powertrain, ovvero il gruppo batteria, motore elettrico, ecc

 

Ci si aspetta che le città ed il pubblico modifichino il modo in cui si avvicinano alla mobilità urbana dopo la Formula E?

Vogliamo essere una forza trainante nel diffondere l’idea della mobilità urbana pulita e sostenibile. Siamo fiduciosi che possiamo raggiungere questo obiettivo a causa della potenza dello sport mondiale.

Vogliamo che la Formula E diventi un quadro di ricerca e sviluppo per accelerare la rapida adozione di questa tecnologia nei veicoli elettrici di tutti i giorni. In breve, vogliamo che la gente ci creda nelle auto elettriche. Uno dei più grandi problemi da affrontare è l’immagine. Molte persone pensano che i veicoli elettrici non funzionano per loro o siano troppo lenti. La gente non sa la verità e vogliamo mostrare a tutti ciò che le auto elettriche possono davvero fare.

 

 

Share and Enjoy

  • Google Plus
  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon

TAGS: Alejandro Agag FIA Formula E Championship formula e

Lascia una risposta

 
Pinterest