Il Michelin Pilot Sport EV2 nella polverosa pista di Città del Messico

Il Michelin Pilot Sport EV2 nella polverosa pista di Città del Messico

2 apr, 2017

Fonte: Michelin

 

Città del Messico, Messico. 1° Aprile 2017. Il Round 4 del campionato 2016/2017 FIA di nell’Autodromo Hermanos Rodriguez a Città del Messico ha visto la vittoria di Lucas di Grassi (Audi Sport Abt Schaeffler). Il brasiliano è stato raggiunto sul podio del Sabato dal francese Jean-Eric Vergne (Techeetah) e dal britannico Sam Bird (DS-Virgin Racing).

Come previsto, la gara si è svolta con un sole caldo, con temperature elevate per il periodo dell’anno, dal momento che i tecnici Michelin hanno registrato tra 27 °C e 47 °C per la temperatura ambiente e quella dell’asfalto rispettivamente quando lo scontro ha dato il via alle 16.00 ora locale.

Il circuito è usato raramente e, di conseguenza piuttosto sporco, mentre la presenza del vento aggiungeva un ulteriore rivestimento di polvere sulla superficie. Di conseguenza, i piloti hanno trascorso il giorno della gara in lotta con il cambiamento dei livelli di grip, specialmente nella porzione dello stadio di baseball che viene utilizzato solo dalla Formula E, rispetto ad altre curve molto più esposte.

La configurazione del circuito di 2,092 km con 17 curve di cui 5 a sinistra e 12 a destra, utilizza l’ovale completo, mentre la Formula 1 utilizza solo la metà, oltre a una pista più stretta e tortuosa attraverso lo stadio di baseball.

Come l’anno scorso, i 40.000 biglietti disponibili sono stati tutti esauriti ben prima del giorno della gara.

“Quest’anno il Città del Messico ePrix è sicuramente all’altezza delle aspettative in termini dello spettacolo offerto” – ha osservato Serge Grisin, responsabile del programma di Formula E di Michelin.

“Le variazioni di temperatura, la quantità di polvere sulla pista e le differenze di grip a causa dei cambiamenti della superficie hanno mantenuto i driver molto attenti. Per fortuna, abbiamo tenuto conto di tutte queste situazioni nel design del per renderlo più versatile possibile. Sapevamo che il campionato avrebbe dovuto affrontare una vasta gamma di condizioni e difficoltà come tombini e segnaletica orizzontale, e siamo stati anche consapevoli che alcuni circuiti, come la pista permanente di Città del Messico, potevano aggiungere altre sfide. La porzione di circuito attraverso lo stadio di baseball è una caratteristica unica della stagione. L’emozionante gara di oggi è un’ulteriore prova che il permette ai piloti di continuare a lottare fino alla fine!”

 

In English

The Michelin Pilot Sport EV2 performs in Mexico City dust

Source: Michelin

Mexico City, Mexico. 1st April 2017. Round 4 of the 2016/2017 at Mexico City’s Autodromo Hermanos Rodriguez saw victory go to Lucas di Grassi (Audi Sport Abt Schaeffler). The Brazilian was joined on Saturday’s podium by Frenchman Jean-Eric Vergne (Techeetah) and Briton Sam Bird (DS-Virgin Racing).

As expected, the race took placed in hot sunshine, with high temperatures for the time of year, since Michelin’s technicians recorded 27°C and 47°C for the ambient and track temperatures respectively when the clash kicked off at 4pm local time.

The circuit is rarely used and consequently quite dirty, while the day’s wind blew an additional coating of dust onto the surface. As a result, the drivers spent race day battling with changing grip levels, especially through the baseball stadium portion which is used only by Formula E, as well through the most exposed turns.

The 12-turn 2,092km configuration (five left-handers / 12 right-handers) used the complete oval section (Formula 1 uses only half of it), plus a tighter and twistier run through the baseball stadium grandstands. Like last year, the 40,000 available tickets were all sold out well ahead of race day.

“This year’s Mexico City ePrix certainly lived up to expectations in terms of the show it provided,” remarked Serge Grisin, manager of Michelin’s Formula E programme.

“The temperature fluctuations, the quantity of dust on the track and the grip differences due to the surface changes kept the drivers on their toes. Thankfully, we dialled all these situations into the design of the MICHELIN Pilot Sport EV2 to make it as versatile as possible. We knew the championship would throw up a wide variety of conditions and difficulties such as drain covers and painted road markings, and we were also aware that some venues, like Mexico City’s permanent racetrack, would pose other challenges. The portion through the baseball stadium is a unique feature of the season. Today’s exciting race is further evidence that the MICHELIN Pilot Sport EV2 allows the drivers to keep fighting to the very end!”

.

Share and Enjoy

  • Google Plus
  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon

TAGS: FIA Formula E Championship formula e Michelin Pilot Sport EV2 sergè grisin

Lascia una risposta

 
Pinterest