I piani del Team Aguri per la seconda stagione

I piani del Team Aguri per la seconda stagione

15 lug, 2015

Fonte:

 

Donington, Gran Bretagna. 14 Luglio 2015. Il cambiamento era nell’aria, la Formula E non è più nella stagione inaugurale e anche se le macchine hanno lo stesso aspetto dal prossimo anno c’è una differenza significativa sotto la carrozzeria.

Dalla stagione 2015/16, la serie diventerà un campionato aperto consentendo ai produttori di seguire le loro innovazioni in-house. A partire dello sviluppo di motopropulsori su misura.

Cosa ha programmato ogni squadra per la seconda stagione?

Squadra:

Driver: Entrambi da confermare

Classifica nella stagione precedente: 7 °

Miglior risultato stagione 2014/15: 1° , Buenos Aires

“Abbiamo scelto di rimanere con lo stesso powertrain perché non vedevamo molti cambiamenti nelle regole e pensiamo che quella della è un’unità forte e affidabile” – ha detto , team principal del Team Aguri.

Il Team Aguri sarà l’unica squadra a ripresentarsi sulla griglia con l’attuale propulsore McLaren, e come spiega il team principal Mark Preston, questo potrebbe portare a risultati in termini di affidabilità.

“Vogliamo prendere quello che abbiamo e lavorare per ottimizzare tutto fino al pieno potenziale”, ha detto Preston. “Possiamo giocare con il software come tutti perché è permesso di farlo e pensiamo che ci sia ancora molto che possiamo imparare con questo pacchetto. Quindi abbiamo bisogno di saperne di più su quello che abbiamo prima di iniziare a sviluppare altri propri powertrain su misura”.

Con i test ufficiali di pre-stagione a Donington Park previsti in sei giorni e solo una quantità limitata di test disponibili durante la stagione, avere il chilometraggio e le prestazioni richieste potrebbe essere difficile in un tale fitto calendario.

“Quando si guardano i problemi che affliggono la Honda in Formula 1 quest’anno con risorse quasi illimitate e quando si guarda alla dimensione delle squadre che tutti noi abbiamo in Formula E, capiamo che siamo molto piccoli in confronto” – ha aggiunto Preston. “Quindi, prendere nuovi rischi significa che se qualcosa va storto con lo sviluppo non ci sono molti giorni di test ufficiali per risolvere il problema.

Abbiamo scelto di rimanere con lo stesso powertrain perché non potevamo vedere molti cambiamenti nelle regole e pensiamo che l’unità McLaren è forte e affidabile”.

Il Team Aguri è sceso in pista in uno dei due giorni di test pre-campionato non ufficiali a Donington Park lo scorso fine settimana con al volante.

Ai team con i nuovi produttori sono consentiti 15 giorni di test privati, con altri sette giorni attribuiti ai produttori in modo di poter fornire buone unità anche ad altri partecipanti.

Era la prima volta che l’ex pilota di F1 ha assaporato le macchine completamente elettriche ed è stato pronto a fornire alcune risposte importanti sui livelli di potenza previsti per la prossima stagione.

“E’ stato davvero un buon test e le risposte avute da un pilota esperto come Pedro sono state importanti per la squadra”, ha detto Preston. “E’ stato pilota e collaudatore negli ultimi 10 anni per squadre del calibro di McLaren e Ferrari ed ha gestito molto lavoro di sviluppo  compresi i sistemi di recupero di energia. Potremmo correre tutto il giorno senza interruzioni delle bandiere rosse con grande affidabilità”.

Attualmente vi è una proposta di aumentare il livello di potenza da 150 kW a 170kW. Ciò potrebbe avere un profondo effetto sul modo in cui i team ed i piloti sfruttano l’energia durante la gara.

“La FIA sta cercando di modificare la potenza di picco specialmente in gara. La quantità di giri e la distanza finale saranno probabilmente le stesse, ma potremmo avere un livello superiore di potenza disponibile. Bisognerà probabilmente essere affidabile e utilizzare la potenza di picco alcune volte nel giro o forse nelle fasi particolari della gara. Non è stato ancora ratificato ma il nostro obiettivo è quello di eseguire in modo affidabile i livelli attesi in modo da vedere come sarà”.

Il lavoro di test sull’auto dello scorso anno dovrebbe essere un buon punto di riferimento per determinare quanto si è andato avanti ma Preston ritiene che ogni squadra fin dall’inizio della scorsa stagione ha cominciato a capire molte cose sviluppando tutto durante l’anno.

“Abbiamo imparato tutti così tanto dallo scorso anno”, ha detto Preston. “In ogni singola gara abbiamo imparato tonnellate di cose sulla macchina e sulla tecnologia.

Se guardiamo indietro ci vediamo tutti ingenui un anno fa! Penso che Punta del Este, nel mese di dicembre, è stato l’ultimo vero test che abbiamo avuto l’anno scorso. Questo test è stato davvero la prima occasione di tornare ai principi fondamentali e guardare se abbiamo o no ragione riguardo il percorso che stiamo prendendo il prossimo anno”.

Share and Enjoy

  • Google Plus
  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon

TAGS: aguri suzuki Antonio Felix da Costa FIA Formula E Championship formula e Mark Preston McLaren pedro de la rosa team aguri

Lascia una risposta

 
Pinterest