I dettagli di Porsche per le gare del WEB

I dettagli di Porsche per le gare del WEB

24 dic, 2013

Il programma più completo da corsa di tutti i tempi
Impegno in gara dei modelli 919 ibrida e 911 RSR

Fonte: Porsche

Stoccarda. Germania. 14 dicembre 2013. Porsche si avvicina alla stagione 2014 con il più vasto programma sportivo mai varato dalla casa di Stocccarda. Oltre il nuovo progetto nella categoria LMP1, Porsche Motorsport ha programmato la partecipazione di due vetture GT nelle piste di tutto il mondo. Il Porsche AG Team Manthey sarà di nuovo in pista con due Porsche 911 RSR nel Sports Car (), così come nelle 24 Ore di Le Mans. Porsche North America correrà nel nuovo Tudor United Sportscar Championship con il team CORE autosport, nella nuova stagione che avrà il via con la gara delle 24 Ore di Daytona il 25 gennaio. Anche la squadra dei piloti di Porsche Motorsport è cresciuta. Per la prossima stagione, Porsche ha firmato il contratto con 20 piloti Porsche, includendo quattro piloti del team Porsche Junior due dei quali giovani piloti provenienti della scuola Porsche scelti dalla serie internazionale. I piloti hanno tutti firmato un contratto con Porsche per la stagione 2014.

“Non abbiamo mai avuto una tale quantità e livello di piloti nella storia della società”, ha detto , membro del Consiglio per la Ricerca e Sviluppo di Porsche AG.

 

La rosa al completo dei piloti della Porsche 919 ibrida LMP1

Porsche AG annuncia i driver ed il nome del veicolo per ritornare alla categoria top del World Endurance Championship Sports Car (WEC) nel 2014, con l’apice della stagione che sarà a Le Mans: in occasione della Porsche Night of Champions tenutasi a Weissach, il giovane neozelandese (24) ed il pilota tedesco Porsche di lunga data (33) sono stati confermati come piloti titolari dell’auto di LMP1, ufficialmente chiamata “Porsche 919 ibrida”. Hanno anche firmato per il progetto LMP1 i piloti (Germania, 32), Roman Dumas (Francia, 36), Neel Jani (Svizzera, 30) e l’ australiano (37).

Wolfgang Hatz , membro del Consiglio per la Ricerca e Sviluppo di Porsche AG, ha detto:

“Siamo molto orgogliosi della nostra schiera di forti piloti di livello internazionale. Tre dei sei piloti provengono dalla nostra squadra Porsche, due di loro sono stati nella squadra juniores Porsche. Questo è qualcosa di cui siamo particolarmente orgogliosi”. Hatz continua: “Il nome dell’auto 919 ibrida dà seguito alla tradizione della vincitrice di Le Mans, la 917, ma richiama anche la 918 Spyder e riconosce la mira della società verso un futuro ibrido. Con auto sportive ibride come il SUV Cayenne, la Panamera Gran Turismo e la supersportiva tre litri 918 Spyder, siamo sulla strada giusta. L’obiettivo è di continuare la strada che porta nel futuro e di fondersi con la sostenibilità sportività, abbiamo bisogno di continuare ad imparare. Massima efficienza nel consumo di energia è la direttiva del nuovo Regolamento del WEC per i prototipi di classe 1 come per la gestione del futuro dell’automobile”

, capo della LMP1, ha spiegato: “Abbiamo avuto una serie di candidati rilevanti provenienti da tutte le classi per la guida delle due 919 ibride. Stavamo cercando esperienza, velocità pura, conoscenza tecnica e volevamo piloti della squadra perché questo è più significativo nelle gare di durata che in qualsiasi altra disciplina”.

 

Squadra forte con il coinvolgimento dei piloti Hartley e Lieb

Timo Bernhard e sono stati i primi piloti ad essere selezionati. I due portano l’esperienza di sette vittorie assolute in ogni gara da 24 Ore – Nürburgring, Daytona, Spa e la vittoria assoluta a Le Mans con Audi. Nel luglio 2013, l’ex collaudatore di Formula 1 Neel Jani è entrato nel team, con Mark Webber confermato dopo la fine della stagione 2013 di Formula 1. Con Brendon Hartley e Marc Lieb ora la squadra è completa.

Hartley ha lasciato presto la sua patria per avanzare nella sua carriera agonistica in Europa. Sulla scia dei successi in Formula Renault e Formula 3 è arrivato il tanto atteso contratto in Formula 1 – come collaudatore con ben poche opportunità di correre. Quindi, parallelamente ai suoi impegni in F1, Hartley alternava nelle corse automobilistiche sportive.

Egli ha detto: “Sono incredibilmente orgoglioso che Porsche mi abbia scelto. Sono stato profondamente colpito nella mia prima uscita a Le Mans. Correre tutto l’anno nella LMP1 per un’azienda iconica come Porsche è completamente un’altra dimensione”.

Marc Lieb aveva 20 anni quando la sua carriera come pilota Porsche è decollata: nel 2000 ha vinto la selezione del driver Porsche Junior. Oltre a una serie di vittorie di classe, lui ha anche segnato cinque vittorie di classe in gare di 24 Ore, quattro sul Nürburgring ed una a Spa.

“Ho avuto la fortuna di celebrare le vittorie con Porsche in tutto il mondo” – disse Lieb, “anche nella classe GT a Le Mans. La gente ci ha sempre detto di quando sarebbe piacevole ritornare alla classe LMP1. Dato che il progetto ha avuto il via libera, volevo solo una cosa: essere coinvolto. Le Mans e Porsche, non possono nemmeno cominciare a descrivere quanta eccitazione mi fa sentire questo”.

Ha detto Mark Webber:

“Per me tutto questo è familiare, molti sono stranieri, tutto è speciale. Sto assorbendo ogni bit di informazione che posso e sto già guardando avanti per i prossimi test”. Il nove volte vincitore nei Gran Premi di Formula Uno ha preso il volante della 919 ibrida per la prima volta alcuni giorni fa a Portimão, in Portogallo.

Timo Bernhard ha più chilometri a suo credito. Ha detto:

“Sono stato con Porsche per 15 anni e sento una responsabilità enorme che viene data dal ritorno alla LMP1. Nello sviluppo, sono necessarie tutte le nostre abilità come piloti. La premessa iniziale è stata quella di non guidare veloce, ma rivolta a sentire quello che la macchina fa e di condividere nei minimi dettagli con gli ingegneri”.

Romain Dumas che ha festeggiato il suo 36° compleanno nella Night of Champions, ha sottolineato:

“Siamo una buona squadra per lo sviluppo della 919 ibrida. Abbiamo molto lavoro davanti a noi. La vittoria di classe nel 2013, con Marc Lieb e Richard Lietz con le Porsche 911 RSR ufficiali è stata davvero fantastica, ma ora andiamo in un nuovo territorio e con tutte le innovazioni tecniche complesse, la nostra nuova squadra affronta una sfida enorme”.

Neel Jani riassume:

“E ‘sempre stato il mio obiettivo di battagliare un giorno per la vittoria assoluta nel WEC a Le Mans. Per fare questo, bisogna fare una buona opera di squadra ed in questa situazione è dove mi trovo ora. Competere per Porsche è un grande onore e d una grande responsabilità. Vogliamo scrivere un nuovo capitolo della grande storia di Porsche Motorsport, anche se ci vorrà del tempo. La nuova tecnologia è completamente nuova e abbiamo bisogno di crescere insieme come squadra”.

 

Frédéric Makowiecki ha firmato come pilota ufficiale Porsche

Il francese Frédéric Makowiecki (33) si aggiungerà alla truppa della squadra GT di Porsche Motorsport in questa stagione e sarà il pilota di una 911 RSR.

Porsche acquisisce partecipazione di maggioranza nella Manthey Racing GmbH

Porsche ha acquisito una quota del 51 per cento della Manthey Racing GmbH ed ha continuato ad espandere la lunga e proficua collaborazione con Meuspath al Nürburgring.
 

 

Share and Enjoy

  • Google Plus
  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon

TAGS: Brendon Hartley Fritz Enzinger Marc Lieb Mark Webber motori ibridi porsche 919 hybrid Romain Dumas Timo Bernhard WEC Wolfgang Hatz world endurance championship

Lascia una risposta

 
Pinterest