Heidfeld: “Dovremmo avere o potrebbe essere non conta nulla”

Heidfeld: “Dovremmo avere o potrebbe essere non conta nulla”

10 feb, 2015

Fonte:

 

Londra, Gran Bretagna. 9 Febbraio 2015-02-09. C’è un vecchio detto in sport che risuona ancora vero: la tabella non mente.

Un rapido sguardo ai punti della classifica della Formula E rivela che è al 16esimo posto, dopo aver segnato solo cinque punti.

Chi non avessi visto nessuna delle prime quattro gare non potrebbe mai indovinare dai punti che Heidfeld è stato uno dei piloti più veloci finora: uno che ha portato alla fine tre delle quattro gare ed era sulla buona strada per vincere l’altra quando è stato buttato fuori …

Cosa potrebbe essere stato e cosa avrebbe dovuto essere la stella della sono solo congetture, ma con sei gare ancora da correre, scopriamo che il veterano di 183 Gran Premi di Formula Uno ha appena cancellato le sue possibilità di titolo appena ancora.

Nick, sembra che tu abbia la fortuna peggiore di qualsiasi altro pilota di Formula E con quello che è successo a Pechino, essere escluso a Putrajaya e la penalità a Buenos Aires, come si potrebbe riassumere la tua stagione finora?

“In effetti … non dimenticate che sono stato preso da [Franck] Montagny ed ho avuto un’altra penalizzazione! [a Punta del Este]. Questi eventi sono, purtroppo, ancora nella mia mente e si dovrebbe cercare di guardare le cose positivamente, ma è molto difficile da fare. Le cose avrebbero dovuto essere molto buone, senza tutti questi incidenti, ma avrebbero dovuto essere o potrebbero essere state non conta nulla, tanto meno in sport. Quindi sì, è frustrante per il momento, soprattutto sapendo che abbiamo un buon passo. Naturalmente stiamo lavorando duramente per garantire di avere nuovamente una macchina forte per le prossime gare. Abbiamo perso molte buone opportunità”.

Dato che la Venturi ha degli ottimi piloti, pochi si aspettavano che sarebbe stata in fondo alla classifica a squadre, dopo quattro gare. Cosa che si può fare per cambiare questa situazione in tempo per il Miami ePrix?

“Naturalmente alcune delle cose sono difficili da cambiare, ma dal punto di vista di un pilota cerco sempre di migliorare e di fare qualsiasi cosa in mio potere per evitare di commettere errori. Alcune cose sono solo sfortuna. A volte però facciamo degli errori dal punto di vista di una squadra e questo è su quello che stiamo lavorando e cercando di migliorare come qualsiasi altra squadra avrebbe fatto”.

La squadra sembrava di aver fatto passi in avanti durante il test ufficiale a Punta del Este, che cosa hai imparato da questo?

“Penso che abbiamo fatto grandi miglioramenti nel corso della stagione, sia sulla squadra che dal lato del set-up. Abbiamo detto pubblicamente che i test dopo Punta del Este [svolti da Stephane Sarrazin della Venturi] è stato fondamentale per  aper aver fatto enormi passi avanti. Penso che non abbiamo ottenuto tanto quanto avevamo sperato nella gara di Buenos Aires, ma è da aspettarselo, non si può tradurre sempre tutto quello che trovate su un circuito all’altro. Siamo stati veloci in gara per tutta la stagione, ma siamo stati carenti in qualifica, quindi questo è stato uno degli obiettivi del test di Punta. Abbiamo fatto un passo avanti in quel senso”.

Hai vinto FanBoost tre volte su quattro ora, qual è la tua opinione al riguardo?

“Mi piace l’idea di ottenere un plus dai tifosi coinvolti e penso che è fantastico, ma non crea condizioni di parità. Naturalmente, se i miei fans e sostenitori mi danno il voto io sono sempre molto grato e allora io uso!”

 

 

In English

Heidfeld: “Could have and should have counts for nothing”

 

London, United Kingdom. February 9, 2015. There’s an old saying in sport that still rings true – the table doesn’t lie.

A quick look at the Formula E points standings reveals Nick Heidfeld to be down in 16th place, having scored just five points.

If you hadn’t seen any of the first four races you would never guess from the points that Heidfeld’s been one of the fastest drivers so far: one who’s led three of the four races and was on course to win the other when he was taken out…

What could have and should have been for the Venturi star are just conjecture, but with six rounds still to go, we find out if the veteran of 183 grands prix has written off his title chances just yet.

Nick, you seem to have the worst luck of any Formula E driver with what happened in Beijing, being excluded in Putrajaya and your penalty in Buenos Aires, how would you sum up your season so far?

“Indeed… don’t forget being taken out by [Franck] Montagny and another penalty on top of that! [in Punta del Este] These events are unfortunately still on my mind and you should try and always look at things positively but it is quite hard to take. Things should have been very good without all these incidents, but could have, should have doesn’t count for anything, even less in sport. So yes it is frustrating at the moment, especially knowing that we have good pace. Of course we’re working hard in order to ensure we have a strong car again for the next races. We’ve missed a lot of good opportunities.”

Given Venturi’s strong driver line-up, few expected it would be lying bottom of the team standings after four races, what can be done to turn this around in time for the Miami ePrix?

“Of course some of the things are difficult to change but from a driver’s perspective I always try to improve and to do anything I can to avoid making mistakes. Some things are just unfortunate. Sometimes though we make mistakes from a team’s perspective and this is something we’re working on and trying to improve as any other team would do as well.”

The team seemed to make steps forward during the official test in Punta del Este, what did you learn from that?

“I think we’ve made big improvements over the course of the season, both on the team and the set-up side. I think we’ve quite publically stated the test after Punta del Este [topped by Venturi’s Stephane Sarrazin] was crucial for us as we found massive improvement there. I think we didn’t show as much as we’d hoped at the next race [Buenos Aires], but it’s to be expected as you can’t always translate everything you find on one circuit to the other. We’ve been quick in the races all season long but we’ve been lacking in the qualifying, so this was one of the objectives of the Punta test. We made a step forward there.”

You’ve won FanBoost three times out of four now, what’s your opinion of it?

“I like the idea of getting the fans involved and I think that is fantastic but it doesn’t create a level playing field. Of course, if my fans and supporters give me the vote – which I’m always very grateful for – then I’ll use it!”

 

 


Share and Enjoy

  • Google Plus
  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon

TAGS: FIA Formula E Championship formula e nick heidfeld venturi

Lascia una risposta

 
Pinterest