Hans-Jürgen Abt: “La Formula E è un modello di successo”

Hans-Jürgen Abt: “La Formula E è un modello di successo”

13 lug, 2015

Fonte: ABT Sportsline

 

Kempten, Germania. 8 Luglio 2015. ABT Sportsline è stata l’unica squadra tedesca ad affrontare l’avventura della . La squadra di Hans-Jürgen Abt traccia un bilancio positivo dopo la prima stagione –dal punto di vista sportivo, ma anche dal punto di vista dei fan, dei partner e dei media.

 

Avendo avuto il tempo di riflettere, quanto sei soddisfatto con il terzo posto in entrambi i campionati piloti e squadre di Formula E?

Hans-Jürgen Abt:

“Abbiamo iniziato la stagione con l’obiettivo di vincere delle gare e di essere in grado di lottare per il titolo. Abbiamo raggiunto entrambi gli obiettivi. La battaglia per vedere chi sarebbe stato il primo Campione di Formula E si è decisa a filo dell’ultima gara, qualsiasi cosa sarebbe potuto accadere. Siamo orgogliosi di svolgere un ruolo importante come squadra e con Lucas di Grassi e Daniel Abt di essere stato in questo campionato ad alto livello. Va da sé che volevamo il titolo ed abbiamo fatto tutto quanto in nostro potere per raggiungere questo obiettivo – ma siamo soddisfatti del terzo posto”.

 

Qual è stato il motivo per il più grande trofeo non è finito a Kempten?

“Una cosa è chiara; chi è in cima dopo undici gare è un campione degno – questo va per entrambi i campionati di piloti e lsquadre. Come buon sportivo devi riconoscere questo. Abbiamo avuto un buon anno, ma purtroppo non è stato perfetto. Lucas è salito sul podio sei volte nelle undici gare; è stato la maggior pare del tempo primo e secondo classificato tra i piloti del campionato. Ma ha subito due battute d’arresto gravi: a Buenos Aires con la sospensione rotta quando era in testa e non ha potuto fare nulla ed essere stato squalificato dopo aver vinto a Berlino. Questoe sono state due battoste da 25 punti ciascuna, che in realtà hanno fatto male a tutti noi”.

 

Come si fa a riorientare i piloti e la squadra dopo questi incidenti?

“Non c’è molto da dire su questo. Lucas non è solo un pilota incredibilmente forte; ha anche una personalità fantastica. Proprio come ha trattato i meccanici dopo essere stato squalificato a Berlino, come ha costruito il rapporto e ha dato loro la sua fiducia e degno di merito e non è qualcosa che si incontra ogni giorno. L’intero team ha dato esattamente la risposta giusta solo due settimane dopo a Mosca con un altro podio”.

 

E’ questo spirito di squadra il segreto del vostro successo?

“Il lavoro di squadra gioca un ruolo importante all’interno del team. Non si può vincere delle gare senza la fiducia reciproca e la professionalità assoluta. Nel pit-stop, ad esempio, che è di enorme importanza in Formula E – si può farlo nel miglior tempo, ma anche perdere tutto se si torna in pista troppo presto. In media, Daniel e Lucas hanno fatto le fermate migliori tra tutti i piloti e il nostro team in gara ha fatto le migliori fermate tra tutte le squadre. Una grande prestazione di cui sono molto orgoglioso”.

 

Cosa ne pensi della prima stagione di Formula E?

“Le nostre aspettative erano alte, ma sono state ancora superate. Abbiamo apprezzato i dieci eventi in luoghi affascinanti e nonostante le grandi sfide, l’organizzazione è stata sempre vicina ad essere perfetta – per questo siamo in grado di porgere solo i nostri più sentiti ringraziamenti al team di Formula E intorno ad Alejandro Agag, Alberto Longo e Ali Russell. Tuttavia, ciò che è ancora più impressionante è che i ragazzi non sono mai soddisfatti, ma in realtà vogliono sempre di più. Li distingue che stimano i pareri delle squadre e che vedono la serie come un progetto comune per tutti i soggetti coinvolti”.

 

Quanto sei soddisfatto con il feedback da parte dei fans e dei partner?

“Sono assolutamente felice per l’entusiasmo dimostrato dai tifosi. Nel corso del fine settimana presso l’ultimo evento a Londra c’erano 60.000 persone al Battersea Park per vedere la Formula E dal vivo. Abbiamo avuto quasi 400.000 persone in pista nella prima stagione. Questi sono numeri impressionanti per una nuova serie di gare nella sua stagione di debutto. In futuro faremo anche di tutto per dare agli spettatori una giornata indimenticabile. I nostri partner meritano un grande grazie! Sono stati molto coraggiosi, perché dopo tutto la stagione inaugurale di Formula E è stata per tutti i coinvolti – i team, piloti e sponsor – una grande avventura. Tuttavia, tutti i nostri sponsor vivevano e respiravano l’oggetto della Formula E e si sono immersi completamente in esso. Solo questo significa che siamo già impazienti di cominciare l’anno prossimo”.

E il feedback da parte dei media?

“Senza ombra di dubbio la Formula E è un modello di successo. Per gli appassionati di numeri: nella prima stagione sono stati trasmessi complessivamente 6.700 ore di rapporti in tutto il mondo, circa 190 milioni di persone hanno visto i programmi televisivi, se si includono i rapporti nei telegiornali. Nelle gare abbiamo avuto regolarmente tra 250 e 400 rappresentanti dei media come ospiti. Ci sono ancora molte figure più imponenti da cui questi provengono. Tuttavia, sono anche lieto di altre cose: il motorsport, o più precisamente, un rapporto sulla Formula E, è stato fatto sulle pagine della rivista di Greenpeace – e anche titolo di copertina. Il nostro tema raggiunge e ispira completamente il target dei nuovi gruppi”.

ABT si aggiunge alla griglia della prossima stagione come un produttore dedicato. A che punto sono i preparativi?

“Siamo nel bel mezzo. La nostra nuova macchina, che si chiama ‘′, ha avuto il suo shakedown l’11 giugno e da allora ha completato più prove nel sud della Germania ed in Ungheria. Sia Daniel e Lucas hanno già testato i nuovi componenti; altre date seguiranno nelle prossime settimane. Ovviamente si tratta di un momento molto speciale il caso di nuove auto che girano per la prima volta. Ma vediamo anche quanto lavoro ci aspetta nel corso delle prossime settimane. L’intero team sta facendo il massimo in modo di risolvere la maggior quantità di problemi possibili prima di Pechino nel mese di ottobre”

Quale design avrà la nuova macchina?

“La situazione attuale è che ogni partner importante rimarrà a bordo, ci potrebbe essere una o due sorprese ancora da annunciare. Noi svilupperemo il nostro nuovo progetto quando tutti avranno espresso i loro desideri. La cosa più importante in questo momento è che la nostra macchina sia veloce”.


Share and Enjoy

  • Google Plus
  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon

TAGS: ABT Schaeffler FE01 FIA Formula E Championship formula e Hans Jürgen Abt

Lascia una risposta

 
Pinterest