Hans-Jürgen Abt: “Vogliamo cogliere ogni occasione”

Hans-Jürgen Abt: “Vogliamo cogliere ogni occasione”

8 apr, 2017

Fonte:

 

Kempten, Germania. 7 aprile 2017. Con la prima vittoria in Formula E della stagione, e ABT Schaeffler Audi Sport hanno dato un piccolo passo verso la contesa del titolo. Nell’intervista, il Team Principal Hans-Jürgen Abt parla della gara drammatica del Messico, l’equilibrio di potere nella serie di corsa elettrica e il suo entusiasmo per le gare in Europa.

Come hai trovato la gara di Formula E in Messico?

“E’ stata una delle più emozionanti di sempre. Non riesco a immaginare qualcuno che non sia stato in piedi sulla sedia nei giri finali. Il Messico ePrix ha scritto un piccolo pezzo di storia della Formula E. Sono orgoglioso del fatto che abbiamo dato un contributo a questo con il nostro team.”

Come ha fatto Lucas di Grassi a riuscire a vincere questa gara dal 15esimo posto sulla griglia di partenza e con una fermata in più?

“Non è la prima volta che abbiamo saltato in avanti con una buona strategia di gara – se si pensa a Hong Kong, Lucas ha guidato dal 19esimo posto sulla griglia di partenza fino al podio. Ma in Messico, i piloti e il team hanno fatto un capolavoro: la squadra ai box, perché hanno avuto il coraggio di prendere una strategia estremamente rischiosa. I meccanici, perché sono rimasti freschi durante la sosta non programmata. E Lucas di Grassi, perché era incredibilmente motivato, non ha fatto errori ed ha guidato tutti i suoi giri con il pieno controllo del consumo di energia.”

Sarebbe stato il suo compagno di squadra ad essere stato in lizza per la vittoria se non avesse perso la pole position? “

Ovviamente. Non solo, era anche della squadra e mi dispiace per Daniel, ma pure per i tifosi. Egli ancora una volta ha tirato fuori una prestazione sensazionale in qualifica, battendo il suo compagno di squadra per la terza volta in quattro gare. In gara, ha guadagnato undici posizioni e ha preso punti per il settimo posto- So che non vuole più sentirlo, ma la situazione di stallo si sarebbe rotta presto e sarebbe stato in cima al podio.

Il primo terzo della stagione è completo. Come vede i rapporti di forza in Formula E?

“Proprio come molti prevedevano prima della stagione: lo schieramento di forze è molto più vicino nell’insieme e molte squadre hanno fatto passi da gigante – invece di tre o quattro, ora ci sono una dozzina di candidati per la vittoria ogni gara. Come previsto, la Renault è la squadra da battere. Ma come si può vedere: se lavoriamo duro, non molliamo mai e abbiamo un po’ di fortuna, allora possiamo continuare a bussare alla porta. Quando l’occasione arriva, vogliamo coglierla.”

Dopo le visite in Asia, Africa, Sud America e Nord America, la Formula E arriverà in Europa a Maggio. Quanto siete in attesa di questo?

“Tantissimo – e non solo noi, ma anche i molti appassionati, gli operatori dei media e anche i partner. La Formula E finalmente arriva a Monaco, e poi ci si contenderanno quattro gare in quattro settimane. Sono sicuro che la serie attirerà ancora più interesse – anche perché le trasmissioni televisive avverranno nel pomeriggio. Con il passaggio da Eurosport a DMAX in Germania, ci aspettiamo anche di raggiungere molti nuovi spettatori.”

Uno dei punti forti è le due gare di casa a Berlino il 10 e 11 giugno. Cosa ne pensi del nuovo tracciato a Tempelhof?

“Sono convinto che i tifosi potranno sperimentare un mega-evento a Berlino. La prima reazione dei nostri piloti per il nuovo layout è assolutamente positiva, e ci saranno molti sorpassi e molta azione. L’area a Tempelhof è ideale anche per gli appassionati: essi sperimenteranno l’intero programma di Formula E in uno spazio fitto all’interno di uno scenario impressionante – e, auspicabilmente, anche una buona performance da parte del team tedesco“.

Parallelamente alle gare in corso sono i preparativi per la prossima stagione. Qual è lo stato attuale delle cose?

“Lo stato attuale è che i nostri ingegneri e meccanici avranno poco tempo per le loro famiglie nelle prossime settimane e c’è molta carne al fuoco. Il nostro programma fino all’inizio della nuova stagione è stato completato e tutte le prove in pista e in sede sono state pianificate. Alla fine di marzo siamo stati in grado di provare un paio di piccole cose in Spagna. Le cose veramente importanti verranno provate nelle settimane intorno alla gara a Berlino. La collaborazione tra Audi, Schaeffler e ABT funziona bene – è bello vedere come tutte le parti lavorano insieme sul comune obiettivo di continuare a giocare un buon ruolo in Formula E.”

In English

Hans-Jürgen Abt: “We want to seize every chance”

Source: ABT Schaeffler Audi Sport

Kempten, Germany. 7th April 2017. With the first Formula E victory of the season, Lucas di Grassi and ABT Schaeffler Audi Sport took a small step back towards title contention. In the interview, Team Principal Hans-Jürgen Abt talks about the dramatic race in Mexico, the balance of power in the electric racing series and his excitement for the races in Europe.

How did you find the Formula E race in Mexico?

“It was one of the most exciting ever. I can’t imagine anyone not on the edge of their seats in the final few laps. The Mexico ePrix has written a small piece of Formula E history. I am proud that we have made a contribution to this with our team.”

How did Lucas di Grassi manage to win this race from 15th on the grid and with an extra stop?

“It is not the first time that we’ve jumped forward with a good race strategy – if you think back to Hong Kong, Lucas drove from 19th on the grid to the podium. But in Mexico, the racing drivers and the team delivered a masterpiece: the crew in the pits, because they had the courage to take an extremely risky strategy. The mechanics, because they remained cool during the unscheduled stop. And Lucas di Grassi, because he was incredibly focussed, mistake-free and drove his laps with full control over the energy consumption.”

Would his teammate Daniel Abt have been in contention for victory if he had not lost his pole position?“

Of course. Not only were the team and I sorry for Daniel, but the fans as well. He once again pulled out a sensational performance in qualifying, beating his teammate for the third time in four races. In the race, he made up eleven positions and took points for P7. I know he doesn’t want to hear it anymore, but the deadlock will be broken soon and he will stand on top of the podium.

The first third of the season is complete. How do you see the balance of power in Formula E?

“Just as many predicted before the season: the field is much closer together and many teams have come on leaps and bounds – instead of three or four, there are now a dozen candidates for victory each race. As expected, Renault is the team to beat. But as you can see: If we work hard, never give up and get a little bit of luck, then we can keep knocking on the door. When a chance comes, we want to seize it.”

After visits to Asia, Africa, South America and North America, Formula E will come to Europe in May. How much are you looking forward to this?

“Massively – and not just us, but the many fans, media workers and partners are too. Formula E finally takes off in Monaco, and then we will contest four races in four weeks. I’m sure the series will attract even more interest – not least because the TV broadcasts will run in the afternoon. With the change from Eurosport to DMAX in Germany, we also expect to reach many new viewers.”

One of the highlights is the two home races in Berlin on the 10 and 11 June. What do you think of the new track layout in Tempelhof?

“I am convinced that the fans will experience a mega-event in Berlin. Our drivers’ first reaction to the new layout is thoroughly positive, and there will be many overtaking manoeuvres and plenty of action. The area in Tempelhof is also ideal for the fans: they will experience the entire Formula E programme in a tightly-packed space within an impressive setting – and hopefully a strong performance by the German team too.”

Parallel to the current races are the preparations for next season. What is the current state of affairs?

“The current state is that our engineers and mechanics will have little time for their families in the coming weeks and are on the road a lot. Our schedule until the start of the new season has been completed, and all tests on the track and on the bench have been planned out. At the end of March we were able to try a few small things in Spain. Things really get going in the weeks around the race in Berlin. The cooperation between Audi, Schaeffler and ABT works well – it’s nice to see how all sides work together on the common goal of continuing to play a good role in Formula E.”

.

Share and Enjoy

  • Google Plus
  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon

TAGS: ABT Schaeffler Audi Sport Daniel Abt Hans Jürgen Abt lucas di grassi

Lascia una risposta

 
Pinterest