Vittoria di Piquet al Moscow ePrix

Vittoria di Piquet al Moscow ePrix

6 giu, 2015

Piquet trionfa a Mosca ed è saldo leader del campionato

 

Fonte:

 

Mosca, Russia. 6 Giugno 2015. Russia e Stati Uniti sono geograficamente e politicamente agli antipodi, ma per la performance è stata la stessa.

Proprio come ha fatto a Long Beach nel mese di aprile, saltò in testa al Mosca ePrix all’inizio prima di andare a costruire un gap considerevole che ha semplicemente mantenuto dopo il cambio auto.

“Ci siamo preparati davvero molto bene per venire in Russia”, ha detto. “Sapevamo che sarebbe stata una gara importante per noi dopo, direi, la non grande performance di Berlino. Credo che tutto era importante – le prove libere e soprattutto una buona qualifica è stata davvero importante. Penso che se non mi avessi qualificato in prima fila sarebbe stato quasi impossibile vincere la gara. Superare in pista era molto difficile, si poteva vedere che non c’era molta azione nella parte finale della gara, quindi sono contento di avermi qualificato molto bene di aver avuto un ottimo inizio. Penso che la nostra procedura è una miscela di un po ‘di fortuna, buona reazione, e credo che un buon set-up aiuta tanto. Abbiamo appena fatto un grande lavoro, tutto ha funzionato alla perfezione e abbiamo fatto il nostro dovere”.

La Formula E ha corso a Mosca

La seconda vittoria di Piquet per la squadra ha aumentato il suo vantaggio nel campionato e assicura di andare verso il finale di stagione nella doppia gara a Londra con un vantaggio di 12 punti”.

E’ stata una gara mista per i suoi rivali per il titolo.

Lucas di Grassi cercato di avvicinarsi al suo rivale brasiliano nella seconda parte della gara, riducendo il gap da sei secondi fino ad 1.6s nel momento in cui si è avvicinato di più. Ma la batteria della vettura Audi Sport ABT è salita alla sua temperatura massima e fu costretto a rallentare per lasciarla raffreddare.

Chissà cosa la gara sarebbe stata se avesse trovato un modo per sorpassare il poleman Jean-Eric Vergne prima del pit-stop, ma con possibilità di sorpasso estremamente difficile nelle strade di Mosca ha dovuto aspettare il suo momento. Dopo la delusione di Berlino era contento di aver dimostrato che lui e la squadra hanno avuto ancora un buon passo.

“Per tutti coloro che avevano dubbio che la nostra macchina fosse illegale per qualche motivo o di non aver avuto alcun vantaggio dall’ala che abbiamo avuto a Berlino, questo dimostra solo che avevamo una macchina molto veloce anche oggi”, ha detto. “La posizione in pista è molto importante e se fossimo partiti in prima fila magari non sarebbe stato come a Berlino, ma abbiamo dimostrato a tutti che abbiamo avuto di nuovo una macchina veloce. Non importa che abbiamo fatto una piccola riparazione che è stata considerata illegale a Berlino, che ci è costata 25 punti, un podio e la testa al campionato, alla fine era qualcosa che, per me, è stata una decisione non giusta”.

Per Sebastien Buemi la gara era ancora più combattuta. Bloccato dietro Vergne e Di Grassi fin dall’inizio, è stato in grado di risparmiare energia e rimanere fuori un giro in più rispetto i suoi rivali. Avrebbe potuto essere una strategia vincente, ma incredibilmente la sua squadra e.dams-Renault sbagliò il tempo minimo del pitstop e ha tenuto il pilota svizzero ai box per 68 secondi, piuttosto che quello indicato di 58.

Jarno Trulli si difende degli attachi di Antonio Felix Da Costa

Dopo aver perso 10 secondi, Buemi era uscito in ritardo e andò ruota a ruota con Vergne. Buemi ha tagliato la chicane e rallentò per far passare il francese. Ma anche Vergne rallentò è questo ha permesso Nick Heidfeld di trarre pieno vantaggio della confusione per infilarsi in terza posizione. Tutte e tre le vetture si sono toccate percorrendo il tornante 11 e sono state coperte da detritti mentre attraversavano la linea del traguardo.

“Abbiamo fatto un errore al pit stop”, ha confermato. “Abbiamo perso circa 10 secondi, ho dovuto spingere molto. Ovviamente ho fatto un giro più degli altri con la prima macchina così ho potuto andare più forte nella seconda macchina. Stavo prendendo Jean Eric Vergne e lui spesso tagliava la chicane, quindi era difficile prenderlo negli ultimi giri perché stava guadagnando del vantaggio. Poi, nell’ultimo giro ho usato il FanBoost e sono arrivato un po ‘lungo alla curva 3 e poi ho avuto un contatto con lui. Poi abbiamo avuto un altro contatto nell’ultima chicane, abbiamo dovuto tagliare entrambi la chicane e poi Heidfeld ci ha sorpassato”.

 

La penalizzazione a Buemi

A fine gara i commissari hanno penalizzato Sebastien Buemi che in questo modo ha perso il terzo posto del Mosca ePrix dopo che la sua squadra e.dams-Renault l’ha fatto uscire dopo il pit-stop in modo non sicuro.

La squadra aveva già trattenuto Buemi per 68 secondi, molto più a lungo rispetto alla richiesta minima di 58 e poi hanno dato il via libera a Buemi per andare in pista quando si avvicinava la Venturi di Nick Heidfeld che a sua volta stava rientrando.

Come risultato Buemi ora ha 29 secondi aggiunti al suo tempo di gara – l’equivalente di un drive-through – che lo hanno rimandato al nono posto.

Questo significa che tutti i driver dal quarto al nono sono stati promossi di una posizione – tra cui Heidfeld che per la prima volta ha perso un posto sul podio.

Significa anche che Buemi scende dietro Lucas di Grassi al terzo posto in classifica del campionato, 23 punti dietro da Nelson Piquet Jr.

 

Dietro ci sono state molte battaglie

Vergne ha avuto la soddisfazione di prendere due punti e il trofeo Visa Fastest Lap, così come il quarto posto dopo la penalità di Buemi.

Daniel Abt ha avuto una corsa senza problemi raggiungendo il quinto posto per il team ABT, mentre Salvador Duran ha segnato il suo miglior risultato di sempre nella Formula E con un convincente sesto posto per il team Amlin Aguri.

Il compagno di squadra Antonio Felix da Costa ha dovuto combattere duramente per arrivare al settimo posto, trovando sulla sua strada un inflessibile Jarno Trulli.

L’italiano ha speso gran parte della gara a difendere la sua posizione fino a quando finalmente la sua determinazione è stato perforata da una frenata in ritardo di Loic Duval che ha speronato la parte posteriore dell’auto di Trulli con la sua Dragon Racing mentre stava realmente combattendo con Justin Wilson.

Il francese aveva fatto una grande rimonta dalle retrovie dopo che la sua qualifica è stata rovinata quando la vettura è andata in folle.

La gara di Trulli era finita, il che significava Wilson prese un punto per decimo posto al debutto Formula E. Il nono posto in pista poi convertito in ottavo con la penalità di Buemi ottenuto da Nicolas Prost praticamente pone fine alla sua sfida per il titolo, mentre un problema nel pitstop per Jerome D’Ambrosio significa che ora è effettivamente una lotta a tre per il titolo.

Potete leggere e/o  scaricare la classifica finale ufficiale cliccando nel link sotto queste righe (PDF):

Final Classification


Share and Enjoy

  • Google Plus
  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon

TAGS: FIA Formula E Championship formula e nelson piquet jr nextev tcr Sébastien Buemi

Lascia una risposta

 
Pinterest