Formula E con l’Ambiente dell’ONU per migliorare la qualità dell’aria

Formula E con l’Ambiente dell’ONU per migliorare la qualità dell’aria

25 mag, 2017

Fonte:

 

Londra, Gran Bretagna. 23 Maggio 2017. Il , la prima serie di corse di monoposto completamente elettriche a livello mondiale, ha unito le forze con UN Environment per lanciare un partenariato globale nella lotta per migliorare la qualità dell’aria urbana, continuando a rafforzare il profilo di soluzioni di energia alternativa e l’aumento della diffusione di veicoli elettrici.

Il partenariato pluriennale si concentrerà sulla sensibilizzazione sui vantaggi dei veicoli elettrici tra le generazioni più giovani e gli appassionati di motori a livello globale – educare i consumatori futuri delle auto elettriche e sfidare le grandi città ed i governi a intraprendere azioni per combattere l’inquinamento.

Il nuovo partenariato sfrutta la crescente popolarità del FIA Formula E Championship, che porta il motorsport elettrico in alcune delle principali città del mondo, tra cui Hong Kong, Marrakesh, Buenos Aires, Parigi, Berlino, New York e Montreal.

La competizione è da sempre un laboratorio per lo sviluppo della tecnologia nell’industria automobilistica, precedentemente con gli autoveicoli a combustione e ora con veicoli elettrici. Formula E e FIA ​​vogliono svolgere un ruolo nel fornire una soluzione – per aiutare più persone a comprare e guidare automobili elettriche.

“Formula E mette un nuovo riflettore su veicoli elettrici ed è un’impressione inizio di ciò che verrà – l’età di un trasporto pulito e sostenibile”, ha dichiarato Erik Solheim, responsabile dell’ambiente delle Nazioni Unite. “La Formula E e l’ambiente delle Nazioni Unite condividono l’obiettivo di inaugurare questa era e accelerare l’accettazione di queste tecnologie per combattere l’inquinamento atmosferico. L’inquinamento atmosferico ha preso il centro della scena quest’anno come grave minaccia per la salute pubblica”.

, fondatore e CEO di Formula E, ha dichiarato:

“Di fronte alle grandi sfide ci sono i cambiamenti climatici, l’inquinamento urbano e la produzione di energia in modo sostenibile in tutto il mondo. Ecco perché abbiamo collaborato con Environment delle Nazioni Unite per aiutare a continuare il processo educativo. La Formula E e l’obiettivo di FIA di fare il passaggio alle vetture elettriche hanno un senso per i consumatori, sono più efficienti e più accessibili “.

, presidente della FIA, ha dichiarato:

“Accogliamo con favore la partnership tra Environment dell’ONU e il FIA Formula E Championship e non vedo l’ora di vedere che questo rapporto cresca. Quando abbiamo creato la Formula E, uno dei nostri obiettivi principali è stato quello di sensibilizzare sui problemi della sostenibilità ambientale e guidare lo sviluppo della tecnologia che sarà vantaggioso per il nostro futuro e quello del nostro pianeta. Mentre corriamo con veicoli completamente elettrici in alcune delle più grandi città del mondo stiamo diffondendo questo messaggio e questa collaborazione con l’ambiente delle Nazioni Unite ci aiuterà a raggiungere ancora più persone “.

Formula E attualmente lavora in collaborazione con Enel – Power Partner ufficiale del FIA Formula E Championship – per promuovere l’avanzamento delle infrastruttura tecnologica del campionato, attraverso l’ottimizzazione della generazione di energia pulita, della distribuzione e della gestione e di presentare soluzioni energetiche avanzate. Enel sta progettando una mini-griglia di energia completamente digitale per la Formula E, utilizzando la tecnologia intelligente di misurazione dell’azienda per monitorare l’utilizzo dell’energia e dare ai fan l’opportunità di interagire con un sistema energetico avanzato in tempo reale.

Le 40 auto completamente elettriche di Formula E vengono caricate da generatori che utilizzano glicerina a emissioni zero. I generatori utilizzano la tecnologia brevettata da Aquafuel alimentata dalla glicerina. Il carburante in sé è un sottoprodotto del processo di produzione di bio-diesel, ed è così pulito che si può bere.

L’Organizzazione Mondiale della Sanità stima che 6,5 milioni di persone muoiono prematuramente ogni anno dalle malattie legate all’inquinamento atmosferico e che l’80% dei residenti urbani in tutto il mondo respirano l’aria inquinata – con una serie di effetti negativi per la salute a breve e lungo termine. Il trasporto contribuisce oggi ad un quarto di tutte le emissioni di gas a effetto serra legate all’energia.

L’ambiente delle Nazioni Unite vede il trasporto elettrico come uno dei componenti essenziali per raggiungere città più sostenibili e più pulite. Il suo programma di mobilità elettrica funziona in 50 paesi in via di sviluppo e di transizione per sostenere il loro passaggio dai motori a combustione interna ai veicoli elettrici. L’ambiente delle Nazioni Unite è un partner fondatore della campagna Breathe Life, la campagna più grande dell’ONU sulla qualità dell’aria, che mira a sensibilizzare gli impatti globali e locali dell’inquinamento atmosferico e l’ampia gamma di soluzioni vitali per le città ei governi per migliorare la qualità dell’aria.

 

In English

Formula E Teams Up with UN Environment in race to improve Inner-City air quality

Source: Formula E

London, UK. May 23 2017. The FIA Formula E Championship, the world’s first fully-electric single-seater racing series, has joined forces with UN Environment to launch a global partnership in the fight to improve inner-city air quality – continuing to boost the profile of alternative energy solutions and the increased uptake of electric vehicles.

The multi-year partnership will focus on raising awareness of the benefits of electric vehicles among younger generations and motorsport fans globally – educating future consumers of electric cars, and challenging major cities and governments to take action to tackle pollution.

The new partnership will leverage the growing popularity of the FIA Formula E Championship, which brings electrifying motorsport to some of the world’s leading cities, including Hong Kong, Marrakesh, Buenos Aires, Paris, Berlin, New York and Montreal.

Racing has always been a laboratory for the development of technology in the motor industry, previously with combustion-engine cars and now with electric vehicles. Formula E and the FIA want to play a role in providing a solution – to help more people buy and drive electric cars.

“Formula E puts a fresh spotlight on electric vehicles and is an exciting glimpse of what is to come -  the age of clean, viable transport,” said Erik Solheim, head of UN Environment. “Formula E and UN Environment share the aim to usher in this era and speed up acceptance of these technologies to combat air pollution. Air pollution has taken centre-stage this year as a serious public health threat, and with good reason.”

Alejandro Agag, Founder & CEO of Formula E, said:

“We face big challenges ahead of us – climate change, inner-city pollution and producing energy in a sustainable way all around the world. That’s why we’ve teamed up with UN Environment to help continue the education process. Formula E and the FIA aim to make the switch to electric cars make sense for consumers – more efficient and more affordable.”

Jean Todt, FIA President, said:

“We welcome the partnership between UN Environment and the FIA Formula E Championship and I look forward to see this relationship growing. When we created Formula E, one of our main goals was to raise awareness of issues of environmental sustainability and drive the development of technology which will be beneficial to our future and that of our planet. As we go racing with fully-electric vehicles in some of the greatest cities around the world we are spreading this message, and this collaboration with UN Environment will help us to reach even more people.”

Formula E currently works in collaboration with Enel – Official Power Partner of the FIA Formula E Championship – to promote the advancement of the championship’s power technology infrastructure, through optimising clean energy generation, distribution and management, and showcasing advanced energy solutions. Enel is designing a fully-digitised energy mini-grid for Formula E, using the company’s smart metering technology to monitor power usage and give fans the chance to interact with an advanced energy system in real time.

The 40 fully-electric Formula E cars are charged by generators using zero-emissions glycerine. The generators use Aquafuel’s patented technology to run on glycerine. The fuel itself is a by-product of the bio-diesel production process, and it’s so clean you can drink it.

The World Health Organization estimates that 6.5 million people die prematurely each year from air pollution-related diseases, and 80 per cent of urban residents worldwide breathe polluted air – with a whole host of detrimental short and long-term health effects. Transport contributes one-quarter of all energy-related greenhouse gas emissions today.

UN Environment sees electric transportation as one of the essential components of achieving more sustainable and cleaner cities. Its Electric Mobility Programme works in 50 developing and transitioning countries to support their move from internal combustion engines to electric vehicles. UN Environment is a founding partner of the Breathe Life campaign, the UN’s biggest-ever campaign on air quality, which aims to raise awareness of global and local impacts of air pollution and the broad range of viable solutions for cities and governments to improve air quality.

.

Share and Enjoy

  • Google Plus
  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon

TAGS: Alejandro Agag ambiente ONU environment united nations FIA Formula E Championship formula e jean todt nazione unite

Lascia una risposta

 
Pinterest