Drammatica prima vittoria Porsche nel WEC

Drammatica prima vittoria Porsche nel WEC

2 dic, 2014

Prima vittoria per la Porsche 919 Hybrid in circostanze drammatiche

Fonte: Porsche AG

 

Stoccarda, Germania e San Paolo, Brasile. 30 novembre 2014. Il Team Porsche ha raggiunto la sua prima vittoria con la Porsche 919 Hybrid nella gara finale del FIA 2014 a San Paolo con il trio di guida di (Francia), (Svizzera) e (Germania).

Allo stesso tempo che la squadra ha raggiunto il maggior successo della sua stagione d’esordio, ha avuto la sua più profonda scossa quando ha avuto un grave incidente nella macchina sorella a meno di mezz’ora della fine della gara di sei ore.

L’australiano, che condivide il prototipo Le Mans con (Germania) e (Nuova Zelanda), ha urtato pesantemente contro le barriere nella veloce ultima curva del giro.

Era in sesta posizione.

Le prime informazioni che il team ha ricevuto dal centro medico in pista era che lui non era stato gravemente ferito. Tuttavia, egli è stato trasferito in un ospedale di San Paolo per ulteriori controlli. La gara è finita dietro la safety car con Neel Jani al volante della vettura vincente.

 

Come è andata la gara per la vettura numero 14

Lieb ha iniziato dalla seconda posizione, ma ha perso un posto con una Toyota al primo giro. Dopo mozzafiato ha tentato di recuperare la posizione, dopo 37 giri ha consegnato la macchina, ancora terza, a Jani. Lo svizzero ha continuato ad attaccare la Toyota, che a sua volta cambiava pilota, ma quando Jani ha consegnato il sedile a Dumas dopo 76 giri la macchina era ancora terza. Dumas è riuscito a sorpassare solo quando la Toyota ha avuto un contatto con un’altra vettura nel giro 88.

Nel giro 105 Dumas ha dovuto rientrare ai box in anticipo a causa di una foratura nella posteriore destra. Lieb si è di nuovo accodato e ha preso il comando dopo 119 giri, quando la vettura sorella ha sofferto problemi.

Lieb dopo 144 giri ha consegnato l’auto a Dumas. Dopo 183 giri Jani ha preso la macchina in seconda posizione. Al suo pit-stop finale dopo 222 giri è rimasto in macchina e ha preso il rischio di non cambiare le gomme per risparmiare tempo. Il rischio ha pagato.

 

Come la gara è andata per la vettura numero 20

Bernhard è partito dalla pole position ed è stato in vantaggio di 12 secondi, quando ha consegnato l’auto a Webber dopo 38 giri. Webber è rimasto in testa alla gara, nonostante qualche difficoltà nel traffico, e l’ha consegnata a Hartley alla fine del giro 79. Per il Kiwi e l’auto numero 20 il sogno di vincere la gara era finito come conseguenza di un problema tecnico non identificato che faceva perdere certa potenza del motore.

Dopo 119 giri Hartley ha consegnato l’auto a Bernhard, che continuava in terza posizione. Durante un giro completo in regime di bandiere gialle dopo 153 giri Hartley ha di nuovo ricevuto il volante di nuovo.

Dopo 193 giri Webber ha assunto ancora una volta la guida, con la vettura che nel frattempo era caduta indietro al sesto posto. Ha avuto il suo ultimo pit stop, dopo 227 giri e un brutto incidente nell’ultima veloce curva del tracciato, quando la gara era nel suo 239esimo giro con meno di mezz’ora dalla fine.

 

Risultato in gara 6 ore di São Paulo (Brasile):

 

1. Dumas / Jani / Lieb (F / CH / D), Porsche 919 Hybrid, 249 Laps

2. Davidson / Buemi (GB / CH), Toyota TS040 Hybrid, – 0170 s

3. Di Grassi / Duval / Kristensen (BRA / F / DK), Audi R18 e-tron quattro, – 1 Lap

4. Wurz / Sarrazin / Conway (A / F / GB), Toyota TS040 Hybrid, – 1 Lap

5. Fässler / Lotterer / Tréluyer (CH / D / F), Audi R18 e-tron quattro, – 1 Lap

 

FIA World Endurance Champonship () dopo l’ultima di 8 turni

Classifica piloti:

1. Davidson / Buemi (GB / CH), Toyota, 166 (campione del mondo)

2. Lotterer / Tréluyer / Fässler (D / F / CH), Audi, 127

3. Dumas / Jani / Lieb (F / CH / D), Porsche, 117

4. Di Grassi / Kristensen (BRA / DK), Audi, 117

5. Wurz / Sarrazin (A / F), Toyota, 116

6. Lapierre (F), Toyota, 96

7. Duval (F), Audi, 81

8. Nakajima (J), Toyota, 71

9. Bernhard / Hartley / Webber (D / NZ / AUS), Porsche, 64,5

 

Classifica costruttori:

1. Toyota, 289 (campione del mondo)

2. Audi, 244

3. Porsche, 193

 

 


Share and Enjoy

  • Google Plus
  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon

TAGS: Brendon Hartley Marc Lieb Mark Webber Neel Jani porsche 9191 hybrid Romain Dumas Timo Bernhard WEC world endurance championship

Lascia una risposta

 
Pinterest