Corse dai dragster alla Pikes Peak

Corse dai dragster alla Pikes Peak

25 lug, 2013

Auto elettriche da corsa, dai dragster alla Pikes Peak

Di Antony Ingram
Fonte: GreenCarReports

19 luglio 2013. Le auto elettriche sono certamente diventate una vista più familiare sulle strade in questi giorni, ma nel mondo ultra competitivo dello sport professionistico del motore stanno inoltre cominciando a puntare i piedi ed ottenere maggior attenzione.

I lettori più assidui conoscono molti di questi veicoli, che affrontano discipline diverse come attraversare l’Australia a energia solare, registrare dei tempi di record nell’impegnativa Pikes Peak Hill Climb e sfidare i veicoli a benzina nelle gare americane dei dragster.

Abbiamo deciso mostrare alcuni di questi veicoli insieme in una galleria per celebrare la loro esistenza, perché sono più importanti di quanto si possa pensare.

Il motorsport è stato a lungo l’arena in cui si sviluppano le migliori tecnologie per i veicoli stradali e le sollecitazioni e le richieste uniche di questo sport faranno lo stesso per i veicoli elettrici.

Forse ancora più importante, perchè hanno il potenziale per cambiare completamente la percezione delle auto elettriche alla gente normale della strada. Se vedi un top driver vincere la gara del fine settimana in TV, ti farà pensare in un modo tutto rispetto le auto simili che puoi trovare nello showroom – e può convincere a fare il grande passo verso l’elettrica.

elettrica, prototipo per Le Mans

Svelata a 24 Ore di Le Mans di quest’anno, nel nord della Francia, la Nissan Zeod RC è seguirà le orme dell’Audi nel 2014 per la partecipazione in gara. Basata in parte sulla sorprendente auto da corsa Nissan Deltawing del 2012, la Zeod RC promette di essere ancora più veloce. La trasmissione è prevista con una sorta di installazione elettrica ad autonomia estesa, utilizzando un generatore per alimentare l’auto per interi giri con energia elettrica.

Il 2012 è stato il primo anno in cui la Mitsubishi ha affrontato la famosa Pikes Peak Hill Climb in Colorado, ma un incidente e le conseguenti difficoltà non hanno permesso di ottenere i risultati sperati. Il 2013 è stato più fruttuoso, e mentre la Peugeot a benzina di Sebastien Loeb ha rubato la scena, la Mitsubishi e la sua concorrente elettrica diretta Tajima no hanno sfigurato.

Come suggerisce il nome, la Formula Student “pesca” nei team universitari provenienti da tutto il mondo in competizione diretta tra di loro con auto a ruote scoperte appositamente costruite. Per la prima volta nella storia della competizione, un veicolo elettrico ha vinto l’evento. Perché questo è importante? Basti pensare cosa potrebbero fare gli studenti tra dieci o venti anni.

I veicoli elettrici sono praticamente nati per le drag racing. Coppia istantanea, il potenziale di enorme potenza da scaricare immediatamente, senza ingranaggi di cui preoccuparsi e nessuna preoccupazione per l’autonomia! White Zombie, una Datsun del 1970, è stata una delle prime ad avere un impatto reale sulla scena – e una vera e propria macchina da celebrare per i risultati.

Il grande problema della Nissan Leaf NISMO RC è che non ha nessun posto dove correre davvero. Invece, è un esercizio tecnico da Nissan e la sua messa a punto del braccio NISMO, per mostrare ciò che è possibile fare con i veicoli elettrici. E’ un pò più aggressiva rispetto l’auto stradale Leaf, ma mentre non fa nessuna gara, resta ancora come uno prototipo di studio: alcune delle sue tecnologie verranno applicate alla Zeod RC per competere a Le Mans il prossimo anno.

’s electric

Un’altra concorrente della Pikes Peak, ma anche felice di correre nella pista di Laguna Seca è la EV West’s electric BMW M3. Costruita sulla base di una BMW M3 del 1995 che produce normalmente circa 240 cavalli da un motore a sei cilindri, la conversione elettrica di EV West l’ha portata ad erogare 400 cavalli con un potenziale ancora maggiore.

Condivide il nome con altri detentori di record di velocità, Bluebird è l’auto elettrica del record di velocità su terra di ed è circa di quanto più veloce i veicoli elettrici possono essere. In realtà, ci sono piani per raggiugnere le 400 e 500 mph (650 e 800 km/h circa), eventualmente usando veicoli elettrici dello stesso livello dei loro antenati alimentati a combustione. Il nome Bluebird è previsto anche per partecipare al Campionato della Formula E del prossimo anno.

Black Current

La classica Volkswagen Bug non è mai stata progettata per essere un’auto di velocità, ma molte persone l’hanno trasformata in un’auto che probabilmente può fare invidia a qualsiasi altro veicolo. Black Current e le sue successive versioni è stata equipaggiata con motori elettrici modificati mettendo migliaia di libbre di coppia a terra. Il risultato finale? 0-60 mph (0-96 km/h) in meno di due secondi!

racer

Ok, non è ancora diventato una realtà, ma potete vedere il prototipo elettrico da corsa di Andretti Autosport non essere competitivo quando la serie di Formula E inizierà alla fine del 2014? Attratto dal basso budget necessario per affrontare il campionato, aspettiamo di vedere se il nome Andretti farà grandi le corse elettriche come ha fatto nelle altre serie a ruote scoperte.

A differenza delle auto di drag racing, che hanno bisogno di molta potenza in un breve spazio di tempo, Baja off-road racing punta di più alla resistenza – e le lunghe distanze non sono terreno ideale per le auto elettriche. Purtroppo, la EV1 si ritirò dalla gara di quest’anno, ma di certo ha trasformato alcune teste come primo passo per cambiare la percezione dei piloti e delle corse di auto elettriche.

 

Share and Enjoy

  • Google Plus
  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon

TAGS: Andretti Formula E black current III Bluebird BMW M3 Don Wales EV West formula student mitsubishi miev evolution II nissan leaf nismo rc Nissan ZEOD RC Pikes Peak International Hill Climb Strategic Recovery Institute EV1 Baja racer White Zombie

Lascia una risposta

 
Pinterest