Buona giornata di test per le tre Porsche 919 Hybrid

Buona giornata di test per le tre Porsche 919 Hybrid

3 giu, 2015

Fonte: Porsche Aktiengesellschaft

 

Stoccarda. Germania. 1° Giugno 2015 Il pre-test ufficiale di Domenica a Le Mans era tanto affollato  come positivo per il Team Porsche con le sue tre 919 Hybrid.

Questa giornata rappresenta l’unica opportunità di testare sul circuito lungo 13,629 km de la Sarthe.

Più di nove chilometri di pista che sono costituiti in buona parte da quelle che sono normalmente strade pubbliche. In totale, i nove piloti che condividono le tre vetture, che procedono nello sviluppo della tecnologia del futuro con il loro potente powertrain di oltre 1000 HP, hanno completato 124 giri.

Il pilota Porsche (Nuova Zelanda) ha fissato il giro più veloce delle 67 vetture che hanno preso parte al pre-test.

Hartley ha fatto il miglior giro al circuito in 3m21s061 nel corso di un periodo di pista asciutta nel pomeriggio. Come confronto, nel 2014 il pilota più veloce in qualifica è stato (Francia) con un giro di 3m 22s146, che allora era abbastanza buono per raggiungere la seconda posizione sulla griglia di partenza (l’anno scorso la pole è stata di 3m21s789 della Toyota).

La modifica delle condizioni meteorologiche nell’ovest della Francia ha fornito al team delle nuove sfide per quanto riguarda il lavoro di set-up, ma anche con la possibilità di testare sull’asciutto, sull’umido ed in una pista completamente bagnata.

, Team Principal ha detto:

“Certamente il programma di test è stato un po’ limitato a causa delle mutevoli condizioni meteorologiche. Questa sarà una variabile importante per la valutazione degli pneumatici affidabili che tutte le squadre hanno voluto per una pista costantemente asciutta, e controllare l’usura degli pneumatici sarà un fattore decisivo nella corsa. Era importante che tutte e tre le fossero in pista tutto il giorno. I nostri nuovi piloti hanno completato i loro obbligatori dieci giri per essere autorizzati a correre, e questo ha incluso Frédéric Makowiecki nella 919 Hybrid. Per quanto si può giudicare dai tempi sul giro, vedremo molto stretta la concorrenza tra i piloti di punta. Come previsto, tutti erano più veloci rispetto al 2014. Ora è importante guardare con attenzione l’enorme quantità di dati che abbiamo raccolto oggi. E ‘stata un grande lavoro di squadra per preparare bene questa giornata di test ed avere il massimo profitto. E’ stata anche una buona prova per noi che dobbiamo gestire tre macchine”.

 

I piloti della Porsche 919 Hybrid numero 17

(34, Germania):

“Abbiamo cercato di fare tanto lavoro di set-up quanto possibile nel periodo di tempo limitato in cui la pista era asciutta. In generale, il bilanciamento della vettura è notevolmente migliorato rispetto la Porsche 919 Hybrid dello scorso anno. Quello che è facile vedere è che la concorrenza nel gruppo dei prototipi più veloci è incredibilmente stretto”.

Brendon Hartley (25, Nuova Zelanda):

“E ‘fantastico essere di nuovo a Le Mans e in pista con la nostra vettura rossa numero 17 per la prima volta. E’ stato un inizio produttivo nella mattina con i test in condizioni di asciutto, e poi è stato anche buono per raccogliere esperienza in pista bagnata. Per la sessione pomeridiana abbiamo fatto un grande passo in avanti ed abbiamo un buon ritmo sull’asciutto”

(38, Australia):

“E ‘stata una giornata di test molto trafficata ed è incredibile quanto stiamo ancora imparando in quella che è la nostra seconda apparizione a Le Mans. Sapevamo che avremmo avuto qualche pioggia oggi, ma tutti e tre abbiamo avuto il tempo di salire in macchina quando ancora era asciutto. In ogni caso per me è stato molto utile guidare sotto la pioggia, perché io non ha molta esperienza con pista bagnata”.

 

Piloti della Porsche 919 Hybrid numero 18

Romain Dumas (37, Francia):

“E ‘stata una buona giornata perché siamo stati in grado di guidare con tutti i tipi di condizioni diverse. Naturalmente, la pista con cambiamento in continuo è difficile per quanto riguarda il lavoro del vero e proprio set-up, ma per la guida è davvero una buona pratica. Possiamo vedere che noi siamo competitivi ed è una stretta concorrenza con gli altri. Rispetto allo scorso anno, la nostra Porsche 919 Hybrid è molto più agile. Abbiamo fatto buoni progressi per quanto riguarda l’assetto dei cambi di direzione. “

(31, Svizzera):

“Come sempre il circuito era molto sporco e polveroso all’inizio, che è normale per un circuito non permanente. E’ stata una bella sorpresa che sia rimasto a secco per due ore al mattino, perché questo era più di quanto ci si poteva aspettare e ci ha permesso di svolgere immediatamente un bel po ‘di lavoro. Anche se era solo un test, siamo stati più veloci rispetto le prove di qualificazione del 2014. Tuttavia, questo è anche il caso della concorrenza. “

(34, Germania):

“E ‘stato un buon test. Siamo riusciti a provare una buona quantità di cose diverse su una pista asciutta. Sentivo bene la vettura anche con le gomme intermedie, ma dopo le modifiche delle condizioni è sempre difficile giudicare i dettagli. Sessantasette auto sulla pista significa un traffico pesante. In gara c’è ne saranno di di meno”.

 

I piloti della Porsche 919 Hybrid numero 19

(24, Nuova Zelanda):

“E ‘stato incredibile guidare la Porsche 919 Hybrid per la prima volta a Le Mans. E ‘una bellissima pista – una delle migliori al mondo. La velocità della vettura e il sistema ibrido sono incredibili. Con il sistema di trazione sulle quattro ruote è un piacere da guidare sotto la pioggia – è come guidare in condizioni di asciutto. Era magico prendere le curve per la prima volta con la Porsche a circa 230 km/h. Per noi equipaggio della vettura numero 19 è la prima volta qui. Abbiamo completato un buon chilometraggio e abbiamo una buona velocità “.

Nico Hülkenberg (27, Germania):

“Ho apprezzato molto i miei primi giri qui a Le Mans, in quanto è stata un’esperienza davvero interessante. La pista è eccezionale con i suoi lunghi rettilinei e la sua grande larghezza. È possibile avere un buon ritmo e ci sono molte traiettorie nelle curve che hanno una grande armonia. La zona dopo il ponte Dunlop è incredibile, e anche le Curve Porsche sono veramente eccezionali. A queste curve, però, difficilmente ci si arriva da solo. Solitamente bisogna fare i conti in questa zona con le vetture più lente durante la maggior parte del tempo. Posso ancora imparare molto qui, ma i miei primi passi sono stati molto divertenti”.

(30, Gran Bretagna):

“Dopo la sessione bagnata del mattino, mi sono divertito molto ed è da vivere veramente il pieno potenziale e la potenza della 919 Hybrid in condizioni di asciutto. Essa è assolutamente incredibile quanto quando si arriva nella zona di frenata ad una velocità molto elevata alla fine del rettilineo. Tuttavia, anche sul bagnato mi ha colpito la il buon grip che abbiamo avuto. “


Share and Enjoy

  • Google Plus
  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon

TAGS: 24 ore le mans Andreas Seidl Brendon Hartley Earl Bamber Marc Lieb Mark Webber Neel Jani Nick Tandy nico hulkenberg porsche 919 hybrid Romain Dumas Timo Bernhard WEC world endurance championship

Lascia una risposta

 
Pinterest