Buenos Aires accoglie la Formula E con la cerimonia ufficiale

Buenos Aires accoglie la Formula E con la cerimonia ufficiale

6 nov, 2014

Fonte: Holdings

 

Buenos Aires, Argentina. 4 novembre 2014. I funzionari del governo, le autorità locali e l’Automovil Club Argentino () si sono riuniti a Buenos Aires oggi per una conferenza stampa per accogliere ufficialmente la Formula E, che vedrà la capitale argentina ospitare una gara per i prossimi tre anni.

Il prestigioso evento ha visto la partecipazione di oltre 100 ospiti illustri e si è tenuta presso lo – che è a pochi passi dalla pista si trova nel famoso quartiere di Puerto Madero.

Buenos Aires si unisce ad una lista di nove città annunciate per la stagione inaugurale e una delle due gare che si svolgono in Sud America. Insieme con il CEO della Formula E, , i funzionari del governo ed il Presidente dell’ACA hanno invitato i media prima della prima gara elettrica della città, che si terrà il 10 gennaio 2015.

, Capo di Gabinetto di Buenos Aires, ha detto:

“Come collegare lo sport con lo sviluppo sostenibile e la cura dell’ambiente, questo è il percorso che abbiamo scelto per fare di Buenos Aires un luogo più sano per vivere. E’ anche molto importante svolgere questo tipo di attività che attraggono non solo migliaia di turisti, ma anche centinaia di vicini di casa nella città, che possono godere di questo evento attraente con le loro famiglie. “

, Presidente del Automovil Club Argentino, ha detto:

“Sono felice di dare il benvenuto alla Formula E a Buenos Aires. L’Argentina è un paese di grande tradizione automobilistica e un ambiente unico per ospitare una gara. Vorrei ringraziare la FIA per il suo costante sostegno per la Formula E e l’impegno per la mobilità pulita e per le tecnologie sostenibili”.

Alejandro Agag, CEO di Formula E, ha dichiarato:

“Siamo molto entusiasti di correre in Argentina e vogliamo ringraziare il governo della città, l’ACA e tutte le autorità locali per il loro continuo sostegno e gli investimenti. Crediamo che questa gara offrirà uno spettacolo fantastico per la gente di Buenos Aires e per gli appassionati della Formula E di tutto il mondo”.

Buenos Aires vedrà anche il debutto del primo evento Greenpower sotto forma di una gara di supporto del calendario di Formula E, progettato per promuovere l’ingegneria sostenibile per i giovani. Il progetto vede gli studenti delle scuole locali che progettano e costruiscono la loro propria piccola macchina da corsa elettrica in scala, che poi competerà sul circuito completo di Formula E.

Tutti i dettagli sui biglietti per l’evento saranno rivelati a breve.

 

Alejandro Agag in conferenza stampa

Nei sogni, ci devi credere con convinzione per puntare alla loro realizzazione. Dopo tutto, questa è stata la forza trainante che ha iniziato il progetto della Formula E una volta che il Presidente della FIA Jean Todt ha avuto l’idea di creare una competizione mondiale riservata alle vetture completamente elettriche in grado di promuovere lo sviluppo di nuove tecnologie per la mobilità sostenibile.

“Non c’era nulla: né auto, né circuiti, né piloti, c’era solo un tavolo di lavoro senza nulla da cui partire” – ha detto l’Amministratore Delegato di Formula E Alejandro Agag agli oltre 150 ospiti, tra cui giornalisti, autorità e rappresentanti della ditta che ha raccolto allo Yacht Club di Puerto Madero per la presentazione della gara che si terrà nella capitale argentina il 10 gennaio.

Agag ha continuato: “Buenos Aires è stata una delle prime città che ha intrapreso questa avventura quando dovevano ancora costruire tutto quindi è giusto che stata scelta per ospitare una delle tappe di questa stagione inaugurale”.

“E ‘una delle più belle capitali del mondo e speriamo che possa rimanere sul calendario per molto tempo. Oggi ci sono più di 50 le città che hanno fatto a gara per ospitare una data del calendario di Formula E”.

Il quarto round del campionato 2014-2015 si svolgerà su un percorso costruito all’interno della zona di Puerto Madero. Agag spiega:

“Forse il più bel layout della stagione, con alcune curve molto veloci come la curva 3, che daranno le opportunità di sorpassi spettacolari”.

Speriamo che la nostra presenza qui continui a contribuire a cambiare la mentalità dei cittadini di Buenos Aires e la loro percezione di veicoli elettrici e di dare impulso allo sviluppo delle infrastrutture dedicate. Abbiamo bisogno di aiutare le persone a capire che questo è il futuro, soprattutto per quanto riguarda la mobilità urbana”.

In un paese dove il motorsport ha una tradizione molto forte, ci dovevano essere le domande sul confronto con la Formula 1. Agag non è sfuggito alla curiosità dei presenti, ma ha messo in chiaro che non ci dovrebbe essere nessun confronto diretto.

“La Formula E è complementare alla Formula 1 e, allo stesso tempo, si differenzia molto da essa. Abbiamo l’obiettivo non solo di una competizione ma anche del divertimento e, soprattutto, uno stimolo per promuovere tecnologie per lo sviluppo delle auto elettriche. Inoltre, ci rivolgiamo a un pubblico più giovane, più abituato a giocare con gli smartphone per rimanere quasi due ore a guardare la televisione, e vogliamo renderlo parte attiva del nostro spettacolo.

“Abbiamo creato il FanBoost, ovvero la possibilità per chiunque di votare per il loro pilota preferito e permettergli di avere un surplus di accensione per 5 secondi in ogni gara. È il primo esperimento di partecipazione diretta dello spettatore all’esito del risultato. E ‘ovvio che non si vince una gara con solo questo, ma è altrettanto vero che mai prima d’ora è stato visto che lo spettatore diventi protagonista. Nessuno ha mai segnato dal divano in una partita di calcio o vinto un tiro al volo in una partita da tennis!”

Prima della gara a Buenos Aires ci sono due gare, il 22 novembre la Formula E sarà a Putrajaya, Malesia, ed il 13 dicembre a Punta del Este, proprio dall’altra parte del Rio de la Plata.

“Dopo il successo di Pechino è stata una lunga attesa per la seconda gara,” ha dichiarato Agag – “Due mesi è un tempo lungo e tutti noi, i piloti e la squadra abbiamo fame di correre di nuovo”.

 


Share and Enjoy

  • Google Plus
  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon

TAGS: aca Alejandro Agag automobil club argentino Carlos Garcia Remohi FIA Formula E Championship formula e Horacio Rodriguez Larreta Yacht Club di Puerto Madero

Lascia una risposta

 
Pinterest