Battaglia Audi per il terzo titolo nella gara finale del WEC

Battaglia Audi per il terzo titolo nella gara finale del WEC

14 nov, 2015

Ottava gara della stagione FIA del () in

Due squadre di piloti ancora in corsa al titolo del WEC

Il mercato della regione del Medio Oriente è in crescita per Audi

Fonte: Audi Motorsport

 

Bahrain. EAU. 13 Novembre 2015. Audi ha mantenuto la decisione nel FIA World Endurance Championship (WEC) aprirsi alla finale. In Bahrain, i piloti saranno in lotta con i driver Porsche per il titolo mondiale il 21 novembre.

, e , con sette podi in successione, hanno mantenuto le loro possibilità di raggiungere il titolo di campione fino alla fine. Al secondo posto della classifica, sono in viaggio al Bahrain con un distacco di dodici punti, quando ci sono ancora 26 punti da assegnare, nello stato isola.

“Questa è senza dubbio la stagione più emozionante del FIA World Endurance Championship. Il titolo verrà assegnato solo nel finale di gara”, ha detto il capo di Audi Motorsport . “I miei ringraziamenti per questo va a una squadra instancabile che non ha mai rinunciato, ha continuato a sviluppare l’ e hanno lavorato sodo”.

Una statistica sottolinea la qualità di questa squadra in corsa al titolo: nessun’altra squadra piloti è stata sul podio quest’anno tutte le volte quanto Fässler / Lotterer / Tréluyer. Hanno celebrato due vittorie, un secondo e quattro terzi posti.

Allo stesso tempo, Audi è a conoscenza di quanto sia difficile vincere un titolo FIA WEC per la terza volta dopo quelli vinti nel 2012 e nel 2013. Anche se Fässler / Lotterer / Tréluyer, come nel 2012, dovevano condurre una doppietta Audi alla vittoria in Bahrain, un tale risultato non sarebbe un sicuro successo in campionato per loro. In questo caso, gli attuali leader della classifica, Timo Bernhard / Brendon Hartley / Mark Webber, avrebbero dovuto finire non meglio del quarto posto per permettere ai piloti Audi di conquistare il titolo.

“Siamo pronti a dare tutto ed a sperare in un po’ di fortuna per vincere ancora il campionato”, afferma , capo del LM presso Audi Sport. “Rinunciare è fuori questione per noi – è vero il contrario. Finché c’è una possibilità, siamo pronti a combattere per il titolo. In condizioni difficili come quelle del Bahrain, tutto è possibile”.

La gara nel deserto esige massime attenzione sia sulla tecnologia che sui piloti. La pista di 5,412 chilometri, ha quattro rettilinei seguiti da curve, molto strette. Ciò si traduce in frenate difficili da quasi 300 km/h più volte al giro. In aggiunta, ci sono richieste geografiche e climatiche che rendono il set-up dell’auto da corsa ancora più difficile. La sabbia del deserto circostante compromette l’aderenza sull’asfalto, con temperature dell’aria tra i 25 ed i 30 gradi centigradi e temperature della pista di 40 gradi che dovrebbero essere la norma. Mentre il sole tramonta circa due ore dopo l’inizio della gara, la corsa di 6 ore come in una gara in notturna si svolge sotto i riflettori che potrebbero avere ulteriori elementi imponderabili in serbo.

 

In English

Audi to battle for third title in the Final WEC

 

Eighth race of the FIA World Endurance Championship (WEC) season in Bahrain

Two driver squads still in WEC title race

Region Middle East growth market for Audi

Source: Audi Motorsport

 

Bahrein, UAE. 13th November 2015. Audi has kept the decision in the FIA World Endurance Championship (WEC) open up to the finale. In Bahrain, the drivers from Audi Sport Team Joest will be battling with the Porsche drivers for the World Championship title on November 21.

Marcel Fässler, André Lotterer and Benoît Tréluyer, with seven podium places in succession, have maintained their chances for the championship title up to the end. In second place of the standings, they are traveling to Bahrain with a twelve-point deficit, with 26 points yet to be awarded in the island state.

“This is arguably the most thrilling season of the FIA World Endurance Championship. The decision will only be made in the final race,” says Head of Audi Motorsport Dr. Wolfgang Ullrich. “My thanks for this go to an untiring squad that has never given up, continued to develop the Audi R18 e-tron quattro, and worked hard.”

A statistical characteristic underscores the quality of this title race: no other driver squad has been on podium this year as often as Fässler/Lotterer/Tréluyer. They celebrated two victories, a second and four third places.

At the same time, Audi is aware of how difficult a feat winning an FIA WEC title for the third time after 2012 and 2013 will be. Even if Fässler/Lotterer/Tréluyer, as in 2012, were to lead an Audi one-two victory in Bahrain, such a result would not secure success in the championship for them. In this case, the current leaders of the standings, Timo Bernhard/Brendon Hartley/Mark Webber, would have to finish in no better than fourth place for the Audi drivers to claim the title.

“We’re going to give everything and hope for a little fortune to still win the championship,” says Chris Reinke, Head of LMP at Audi Sport. “Giving up is out of the question for us – the opposite is true. As long as there’s a chance, we’re going to battle for the title. In tough conditions such as those in Bahrain, quite a bit is possible.”

The race in the desert makes maximum demands on the technology and the drivers. The 5.412-kilometer track has four longer straights, followed by very narrow corners. This results in hard braking maneuvers from near-300 km/h several times per lap. In addition, there are geographic and climatic demands that make the set-up of the race cars even more difficult. Sand from the surrounding desert impairs grip on the tarmac, with air temperatures between 25 and 30 degrees centigrade and track temperatures of 40 degrees being the rule. As the sun sets about two hours after the start, the 6-hour round as a night race under floodlights will be holding further imponderables in store.

Share and Enjoy

  • Google Plus
  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon

TAGS: André Lotterer Audi R18 e-tron quattro audi sport team joest Bahrain Benoît Tréluyer Chris Reinke Marcel Fässler WEC Wolfgang Ullrich world endurance championship

Lascia una risposta

 
Pinterest