Audi R18 e-tron quattro con nuova aerodinamica

Audi R18 e-tron quattro con nuova aerodinamica

1 mag, 2015

Fonte: Audi Motorsport

 

Ingolstadt, Germania. 29 aprile 2015 – Al 6 Ore di Spa, la Audi R18 e-tron quattro debutta con una nuova configurazione della carrozzeria. Si differenzia notevolmente dalla versione con la quale Audi ha vinto la gara inaugurale della stagione FIA ​​ a Silverstone. , responsabile dell’aerodinamica presso , spiega i retroscena.

Nel frattempo, è diventata una piccola tradizione Audi quella di sviluppare diverse configurazioni di carrozzeria per essere perfettamente attrezzata per l’alta velocità del circuito di Le Mans, dove la velocità media sul giro superare i 240 km/h. Per fare un confronto bisogna dire che sulla pista di Shanghai, nella gara che è prevista per novembre, i piloti raggiungono una media di soli 180 km/h – questo è in media il 25 per cento in meno.

Mentre i cambiamenti visivi negli anni precedenti erano a malapena riconoscibili ad un occhio inesperto, Audi ha sempre seguito un percorso diverso dal 2013.

“La coda lunga è stata una caratteristica distintiva efficace per il pubblico”, afferma Jan Monchaux.

Insieme al suo team, ha sviluppato una versione di carrozzeria appositamente per le 24 Ore di Le Mans. Questa configurazione finiva a filo dell’ala posteriore e allo stesso tempo conteneva molte soluzioni nei dettagli. L’obiettivo è quello di una significativa bassa resistenza omettendo il carico aerodinamico, al fine di essere meglio attrezzati per le velocità più elevate. La downforce è la forza che i componenti aerodinamici creano e preme l’auto da corsa sul terreno consentendo di conseguenza maggiori velocità in curva.

Quando la versione che crea meno deportanza verrà impiegata per la prima volta quest’anno a Spa, le differenze con la specifica sorella, che genera livelli di effetto suolo più alti, sono più evidenti che mai. Una carenatura fondamentalmente diversa nel frontale, fiancate modificate, aperture trasferite sulla superficie interna dei parafanghi posteriori per lo scarico dei passaruota e il bordo della carrozzeria posteriore con un supporto dell’alettone posteriore insolito, caratterizzano l’auto da corsa di nuova concezione.

“Perché la downforce a Le Mans non è così importante come lo è in altri circuiti, abbiamo sviluppato altre soluzioni e nuove forme della carrozzeria”, dice Monchaux. “In questo modo, si riduce la resistenza. Tutti i deflettori, ali e simili elementi non sono montati in modo ripido nel flusso dell’aria; la curvatura del profilo alare è inferiore”.

Oltre alle superfici della carrozzeria, la tecnologia interna viene anche influenzata.

Jan Monchaux

“I requisiti del sistema di raffreddamento sono diversi. Siamo stati in grado di rivalutare e adattare il flusso attraverso il sistema di raffreddamento, perché a Le Mans serve una massa d’aria inferiore per le velocità più elevate”, continua.

Nuove soluzioni di sospensioni che limitano lo spostamento della molla sulla macchina per una corsa più ridotta, forniscono un ulteriore aiuto. In questo modo, il flusso d’aria turbolento sotto la macchina di corsa è ridotto.

Con la somma di tutte le innovazioni, Audi migliora ulteriormente l’efficienza della sua macchina sportiva ibrida.

“Ci aspettiamo di beneficiare di quest’aerodinamica e di essere in grado di utilizzare questi vantaggi su altri circuiti di gara”, afferma Jan Monchaux.

 

 


Share and Enjoy

  • Google Plus
  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon

TAGS: audi r18 etron quattro audi sport jan monchaux WEC world endurance championship

Lascia una risposta

 
Pinterest