Audi pronta per l’Endurance World Championship

Audi pronta per l’Endurance World Championship

8 apr, 2015

Audi pronta a combattere per il titolo Endurance World Championship

Migliore aerodinamica, efficienza e velocità della nuova R18 e-tron quattro

Due squadre di driver forti con grandi ambizioni

Apertura della stagione a Silverstone, una classica impegnativa

Fonte:

 

Ingolstadt, Germania. 6 aprile 2015. Audi è pronta per il FIA . Domenica, 12 aprile a Silverstone nel Regno Unito, avrà inizio la caccia al titolo mondiale che Audi ha vinto nel 2012 e nel 2013.

Con due nuove vetture R18 e-tron Quattro e sei piloti di successo, Audi Sport Team Joest sarà in lotta per la prima vittoria della nuova stagione.

Una nuova concezione della macchina sportiva ibrida, circa 10.000 chilometri di test, una sessione piena di fitness camp Audi nel mese di febbraio e una prima riunione delle squadre con il funzionario FIA sono stati il prologo dell’ultimo fine settimana di marzo dal quale Audi esce pronta per la stagione 2015.

“E’ ancora sarà più difficile quest’anno rispetto a quello passato” –  dice il capo di Audi Motorsport . “Al prologo a Le Castellet, ci siamo incontrati con i nostri avversari per la prima volta nella stagione 2015 e siamo riusciti a vedere che tutti sono accuratamente preparati, anche se nessuno ha messo le carte in tavola. Il nostro obiettivo è quello di vincere di nuovo a Silverstone, come abbiamo fatto nel 2012 e nel 2013”.

A Silverstone gli spettatori assisteranno alla prima corsa di una nuova generazione dell’Audi sportiva ibrida. La combinazione di un motore TDI V6 con l’e-tron quattro ibrido è più potente e più efficiente che mai.

La quantità duplice dell’energia “quattro megajoule” è disponibile nel sistema di azionamento elettrico, mentre il motore diesel eroga una potenza superiore a 410 kW (558 PS). Combinato con una migliore aerodinamica e nuovi sviluppi nel telaio, l’Audi R18 e-tron quattro corre più veloce rispetto a prima, ma utilizza anche meno carburante.

Molte altre diversità attende i piloti a Silverstone, il circuito sull’ex campo d’aviazione utilizzato è famoso per le sue curve ad alte velocità.

Ora, numerose sezioni sottili completano la configurazione della pista, causando una combinazione insolita che costringe i tecnici a scendere a compromessi nella creazione delle automobili.

Un confronto: La R18 e-tron quattro percorre la curva quattro chiamata “The Loop”  in prima marcia a poco meno di 80 km/h, mentre raggiunge oltre 270 km/h in settima marcia alle “Maggots” .

I piloti devono salire con le marce fino a 18 volte e scalare di nuovo 18 volte al giro, cifra che ammonta a 36 cambi di marcia intorno alla pista da 5,891 chilometri.

I vincitori a Silverstone del 2012 / / (CH / D / F), saranno in gara con la vettura numero 7 la domenica alle 12.00, ora locale.

Hanno vinto le 24 Ore di Le Mans tre volte e sono stati World Endurance Champions nel 2012.

Un anno dopo, (F) ha deciso questo titolo a suo favore insieme al suo allora compagni di squadra e . Egli condivide la vettura numero 8 del Team Audi con (BR) e Oliver Jarvis (GB), che sarà in competizione nella sua gara di casa a Silverstone. Jarvis vive a Burwell, a soli 130 chilometri di distanza dal tracciato e si prepare per la sua prima stagione completa del FIA WEC.

 


Share and Enjoy

  • Google Plus
  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon

TAGS: Allan McNish André Lotterer audi motorsport audi r18 etron quattro Benoît Tréluyer Loïc Duval lucas di grassi Marcel Fässler olivier jarvis Silverstone Tom Kristensen WEC Wolfgang Ullrich world endurance championship

Lascia una risposta

 
Pinterest