Audi come trendsetter a Le Mans

Audi come trendsetter a Le Mans

14 gen, 2014

• Il conto alla rovescia per lo svolgimento della 82esima 24 è in corso

• Prof. Dr. Hackenberg: “Le Mans è un laboratorio di prova unico per le nuove tecnologie”

Fonte:

 

Ingolstadt, Germania. 13 Gennaio 2014. Da 15 anni, Audi si sta dimostrando “All’avanguardia della tecnica nella più dura gara di endurance del mondo. Con l’ultima generazione dell’auto ibrida R18 e-tron quattro, Audi continua la sua serie di innovazioni tecniche alle 24 Ore di Le Mans.

A 152 giorni da oggi, il 14 giugno, la partenza dell’82esima classica francese di resistenza avrà inizio alle 15:00 e l’interesse per l’ evento è già eccezionalmente alto. Per la prima volta, Audi e Porsche, i due marchi di maggior successo nella gara, saranno contrapposti l’un l’altro. Toyota, dopo aver subito due sconfitte contro Audi, punta a rompere i quattro anelli e stringere la vittoria a Le Mans. Inoltre, per la prima volta, i nuovi regolamenti con un focus principale sull’efficienza energetica saranno in vigore.

Per Audi, l’inventore del TDI, questa sarà l’occasione di dimostrare ancora una volta la sua grande competenza tecnica non solo sulla strada, ma anche in pista.

Sia che si tratti di motore, trazione ibrida, design leggero, oppure impostando gli standard di sicurezza attiva e passiva, i Prototipi Audi di Le Mans sono sempre nelle prime posizioni in termini di prestazioni sportive così come nella tecnologia.

“Le Mans è un laboratorio di prova unico per le nostre tecnologie”, dice il Prof. Dr. , responsabile per lo sviluppo tecnico nel Consiglio di Amministrazione della Audi AG. “La gamma completa di nuovi sviluppi tecnici della nostra attuale macchina da corsa di Le Mans comprende i fari con luce laser. Esse illuminano la pista per una distanza fino a 800 metri. In una derivazione prevista per veicoli di produzione, raggiungono fino a 500 metri, che è il doppio della portata dei fari a LED. Con questo, Audi sta facendo un importante contributo alla sicurezza sia in pista che nel traffico stradale”.

 

Tecnologie motoristiche avanzate per la massima efficienza

Nel 2001, un innovativo motore V8 ha equipaggiato l’Audi R8. Iniezione diretta TFSI benzina misurava il carburante in un modo da ridurre il consumo del motore turbo V8, con maggiore reattività ella capacità del motore di un rapido avviamento, si sono accorciati i tempi di arresto nei pits rendendo più potenza disponibile in uscita. Poco dopo il primo successo di Le Mans, i clienti Audi sono stati in grado di ordinare i primi modelli di produzione dotati dell’iniezione diretta di benzina. Questo principio presto si è evoluto nello standard nella produzione di serie di grandi volumi.

Oggi, i motori TFSI contribuiscono alla riduzione delle emissioni di CO2 in milioni di automobili.Cinque anni dopo il debutto, Audi ha raggiunto un’altra tappa pionieristica. Nella stagione 2006, l’Audi R10 TDI alimentata da un motore diesel a iniezione diretta ha vinto la classica endurance a La Sarthe proprio al debutto. Vincere Le Mans con una vettura da corsa con motore diesel era stato considerato un pio desiderio fino ad allora. Oggi, è la realtà normale.

Finora, Audi ha vinto la gara per sette volte con il motore TDI, con effetti di apprendimento continuo nella progettazione di basamenti , pistoni, iniettori e altri componenti nello sviluppo della produzione.

 

L’auto ibrida e-tron quattro vince a Le Mans

Audi è stato il primo partecipante di Le Mans a vincere con un sistema di trazione ibrida e, pertanto, ancora una volta ha fatto la storia del motorsport.

Il 2012 ha visto la prima vittoria della Audi R18 e-tron quattro, un prototipo sportivo con l’asse posteriore azionato da un motore a combustione interna TDI e un assale anteriore azionato da energia elettrica. Una strategia di controllo completamente elettronico era l’ unico collegamento tra i due sistemi di azionamento. In parallelo, Audi ha inoltre ampliato la propria gamma di prodotti con modelli ibridi.

La prossima generazione è ora pronta per il lancio. Nel 2014, Audi inizia le consegne della , un’ibrida plug-in di ultima generazione.

Nelle corse, le nuove specifiche 2014 della R18 e- tron quattro indica la strada verso il futuro.

Gli ingegneri Audi l’hanno profondamente ridisegnata e come nelle corse deve gestire entrambi i sistemi, consumare una quantità limitata di energia ed ottenere i migliori tempi sul giro.Soluzioni dettagliate altamente sofisticate per maggiore sicurezza e minor pesoIn aggiunta alle soluzioni powertrain pionieristiche, Audi sta mettendo a punto diversi standards in altri settori.

Il design leggero perfettamente combinato con la massima sicurezza passiva si manifesta nella cella di sicurezza delle vetture sportive.

La monoscocca in fibra di carbonio e plastica rinforzata (CFRP) nel 2013 pesava solo la metà di quello utilizzato nella prima macchina da corsa Audi di Le Mans nel 1999, nonostante le maggiori restrizioni previste dalle normative.

Questo materiale ha da tempo fatto la sua strada nei veicoli di produzione, ad esempio nei componenti della carrozzeria della R8, della R8 Spyder e della RS3. La sicurezza attiva è stata notevolmente migliorata da Audi con sempre nuove tecnologie di illuminazione. Le luci a LED diurne della Audi R10 TDI (2006 – 2008), sono state seguite da fari Full LED della R18 TDI (2011), della tecnologia matrix LED nella R18 e- tron quattro (2012 – 2013) e l’innovativa luci a laser nella prossima R18 e-tron quattro (dal 2014).

Il retrovisore digitale con una telecamera che proietta l’azione al posteriore su un innovativo display nella cabina di guida, che è stato utilizzato a partire dalla stagione 2012, riflette un altro trend futuro.

“Il pubblico e il pubblico del motorsport si aspettano Audi per giocare questa parte di un trendsetter” – dice il capo di Audi Motorsport . “Siamo orgogliosi di essere pionieri, con queste innovazioni nel nostro impegno nel motorsport, beneficiando dal fatto che Audi Sport è una parte dello sviluppo tecnico di Audi AG sulla base degli sviluppi quotidiani. Il nostro obiettivo è di continuare a dimostrare la validità del tipico slogan Audi – “Vorsprung durch Technik” (All’avanguardia della tecnica) in condizioni di gara difficili con i nostri prototipi Le Mans in futuro, anche se nel 2014 siamo senza dubbio di fronte alla più grande sfida mai avuta a Le Mans”.

 


Share and Enjoy

  • Google Plus
  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon

TAGS: 24 Ore di Le Mans A3 Sportback e-tron AMOLED audi motorsport audi r18 etron quattro FIA World Endurance Championship luci laser Ulrich Hackenberg WEC Wolfgang Ullrich

Lascia una risposta

 
Pinterest