Alejandro Agag: “Formula E; missione compiuta “

Alejandro Agag: “Formula E; missione compiuta “

17 lug, 2015

Fonte:

 

Londra, Gran Bretagna. 16 Luglio 2015. L’emozionante finale di stagione il mese scorso a Londra ha portato al termine della stagione inaugurale di Formula E e con essa il coronamento di tre anni e mezzo di lavoro per trasformare una visione dal Presidente della FIA Jean Todt in una realtà. Guidata da , la Formula E è passata da poco più di una presentazione in PowerPoint a una serie di gare internazionali di grande successo.

Con i preparativi per la stagione due ben avviati, abbiamo parlato con Alejandro su suoi pensieri sulla prima stagione e quello che i fan possono aspettarsi nella seconda stagione …

 

Alejandro, la prima stagione di Formula E è stato un successo fantastico – sarai molto orgoglioso di quello che tu e la FIA avete ottenuto?

Sì certo, e, naturalmente, per tutti gli interessati. Termina la stagione e farlo in grande stile con due gare emozionanti e portare così tanto slancio è stato semplicemente fantastico. Se dovessimo scrivere uno script per la prima stagione non avremo potuto scriverlo meglio. Dall’incidente all’ultima curva dell’ultimo giro di Pechino fino all’ultimo giro dell’ultima gara, abbiamo avuto grandi lotte. Questo ha reso la stagione incredibile ed unica.

Naturalmente, la Formula E ha raggiunto un grande obiettivo che era quello di portare le auto elettriche il più vicino alla gente e renderle più accessibili. Abbiamo ancora un molto lavoro da fare ma credo che l’obiettivo di una grande prima stagione è stato raggiunto, quindi posso dire “Formula E, missione compiuta”.

 

Avrai tanti ricordi della prima stagione ma quali sono i più importanti per te?

Per me è l’inizio di Pechino. Quei 10 secondi quando tutte le vetture sono state sulla griglia di partenza in attesa che le luci si spengano. Quel momento ha rappresentato l’inizio di tutto. Non sapevamo neanche come sarebbero andate le vetture appena un paio di mesi prima quindi vederle tutte insieme con tutti gli appassionati, piloti, team, ecc è stato un momento di enorme soddisfazione per me e per tutti.

 

Guardando indietro, cosa ne pensi sia stato fondamentale per il successo della Formula E?

Io semplicemente credo che sia il portare una nuova visione del motorsport. Le persone sono curiose di cose nuove, siamo in un mondo che sta cambiando tutto il tempo. Stiamo mostrando nuove tecnologie e nuovi modi per divertire e penso che la Formula E ha raggiunto questo.

Inoltre, perché corriamo nelle città. Questo non significa che sempre le corse saranno sulle strade, a Berlino abbiamo corso in un aeroporto. L’obiettivo principale è quello di essere in città per portare la corsa il più vicino possibile alla gente e per mostrare che le auto elettriche sono per la città. E ‘parte del nostro DNA.

 

Come è cambiata e si è evoluta la categoria dalla prima all’ultima gara?

E’ quasi stato un pò come un bambino che cresce! A Pechino stavamo imparando a camminare e non sapevamo veramente cosa stava per accadere, non solo noi come promotori ma anche i team ed i piloti. Loro non sapevano come le automobili avrebbero reagito e come mapparle per la gara. In ogni gara tutti i soggetti coinvolti hanno imparato di più. Londra è stata il termine delle conoscenze ed esperienze Tutto quello che si poteva vedere è nel modo in cui le squadre ora programmano le loro batterie e la strategia. E’ stata sicuramente una curva di apprendimento con i risultati ottimi mostrati a Londra.

 

Fin dall’inizio, la Formula E ha fatto appello a una nuova generazione, più giovane, di appassionati di automobilismo di tutto il mondo – ti aspettavi che la serie fosse stata così ben accolta?

Abbiamo sempre sperato e puntato soprattutto ai giovani fan ma non sapevamo se si sarebbero appassionati. E così è stato ed è un obiettivo raggiunto. Credo che una delle chiavi di questo sia il livello del suono delle auto, che di sicuro attraggono una nuova generazione giovane di fan, in particolare le famiglie con bambini piccoli. Ricordo di aver visto alcuni ragazzi – cinque di loro di quattro anni – guardando le macchine in una delle gare ed essere affascinati dal suono, questo e’ stato fantastico. Naturalmente abbiamo bisogno di continuare a lavorare su questo e per gli appassionati in generale, qui non è facile perché gli interessi cambiano in continuazione.

 

Il calendario provvisorio per la stagione due è solo stato confermato con l’aggiunta di Parigi e una nuova città ancora da annunciare. Cos’altro puoi dirci su calendario della prossima stagione?

Per cominciare, si tratta di un affare enorme di correre a Parigi. E’ una posizione ottima in una città suggestiva. Se non fossimo elettrici non potremmo gareggiare lì, questo è un grande risultato. Per quanto riguarda l’altra città, abbiamo deciso di annunciarla entro la fine dell’anno e vi posso assicurare che è un luogo ideale e che siamo molto eccitati. Resta la possibilità dell’aggiunta di una gara in seguito, in modo che potessimo finire con 12 gare come obiettivo da vedere. Stiamo già guardando il calendario per la stagione tre e l’incontro con potenziali città.

 

Per la stagione due, l’ormai apertura dei regolamenti consente ai team di sviluppare le loro powertrain – che impatto avrà questo sulla serie e può dirci di più su ciò che i team stanno lavorando?

La tecnologia resta al centro della Formula E. Quello che vogliamo fare è essere il quadro per una migliore tecnologia per le auto elettriche. Avere già otto differenti propulsori per la seconda stagione è fantastico. Le squadre stanno mantenendo le cose in grande segreto però! Tutti dicono che saranno significativamente più veloci delle vetture della prima stagione ed è una grande notizia. Inoltre, il suono di ognuno sarà leggermente diverso.

 

E infine, cosa possono aspettarsi i fan nella seconda stagione?

I fan possono aspettarsi un’altra grande stagione con le diverse incertezze data dalle tecnologie. Vogliamo anche rivedere il FanBoost da applicare alle gare, in modo di essere più aperte e flessibili – e per renderlo più reale.

 

 


Share and Enjoy

  • Google Plus
  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon

TAGS: Alejandro Agag FIA Formula E Championship formula e

Lascia una risposta

 
Pinterest