Alcune considerazioni sulla Formula E dopo il Pechino ePrix

Alcune considerazioni sulla Formula E dopo il Pechino ePrix

27 ott, 2015

Un analisi di quello che abbiamo visto nella prima gara della seconda stagione

di Marcelo Padin, Direttore Editoriale Electric Motor News

da Pechino

 

Pechino, Cina. 26 Ottobre 2015. La continua a crescere da tutti i punti di vista, da quello tecnico a quello dello spettacolo, senza dimenticare l’aspetto organizzativo che in occasione del secondo è stato notevolmente migliorato.

La crescita si vede anche nelle Istituzioni, perché ora , che fino all’ultima gara della scorsa stagione era il Responsabile delle Pubbliche Relazioni e Stampa di Formula E, ora sarà presente alle gare in veste ufficiale di Delegato FIA per la Formula E, una figura estremamente importante e che soltanto due categorie dell’automobilismo mondiale avevano finora: la Formula Uno e il World Rally Championship. La Formula E ora si aggiunge a questa particolare cerchia.

Il cambio dei regolamenti ha permesso ai costruttori di sbizzarrirsi con le diverse combinazioni possibili ed alla fine della stagione vedremo chi ha avuto ragione tra tutti questi nuovi powertrain; ma la presenza dell’Amministratore Delegato , Sig. e quella di , il grande capo della comunicazione , segnalano l’importanza che la Formula E sta acquistano del mondo del motorsport.

E riguardo le gomme, le Michelin sono esattamente le stesse dello scorso anno.

“Abbiamo pronti degli sviluppi, ma tutti i team ci hanno chiesto di mantenere le stesse gomme per quest’anno in modo di avere una parametro fisso, perché di fatto la liberalizzazione del powertrain è già un progresso enorme. Quindi per questa stagione gli pneumatici saranno gli stesso dello scorso anno” – ha detto Quasnon.

Bisogna anche dire che Qualcuno dall’alto dei Cieli guarda con buoni occhi la Formula E.

La gara doveva essere fatta originalmente il sabato 17 Ottobre, cioè una settimana prima; e poi è stata posticipata per altri impegni ufficiali che si tenevano proprio nel Parco Olimpico… e meno male che è andata così perché il 17 Ottobre a Pechino è stato una di quelle giornate dove lo smog non permette di vedere oltre pochi metri… e persino si fa difficoltà a respirare.

Sta di fatto che abbiamo visto molte persone camminare con le mascherine a portata di mano … e se la gara fosse stata fatta nella data originale sicuramente ci sarebbero stati dei problemi per tutti, a partire dalla respirazione.

Nonostante il pieno di punti fatto da Sebastien Buemi, con Super Pole, giro più veloce e vittoria finale; Renault e.Dams sembra essere l’unica ad avere un certo vantaggio al momento. Dietro il pilota svizzero del team francese, in gara si è vista la consueta serie di sorpassi e controsorpassi che ha caratterizzato la Formula E della prima stagione.

Ora la parola passa a Putrajaya, in Malesia … dove Electric Motor News sarà presente in prima persona a seguire questo avvincente ed avveniristico campionato.

.

 

Share and Enjoy

  • Google Plus
  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon

TAGS: ds automobiles FIA Formula E Championship formula e Luca Colajanni michelin Pascal Quasnon pechino eprix Yves Bonnefont

Lascia una risposta

 
Pinterest