A una settimana delle Formula E in Messico

A una settimana delle Formula E in Messico

9 apr, 2017

Le dichiarazioni dei protagonisti del Città del Messico Julius Baer ePrix

Fonte:

 

Città del Messico, Messico. 4 Aprile 2017. E’ stata una gara frenetica non-stop sulle montagne russe, in cui un nuovo record è stato fissato per la posizione di partenza più umile di quello che poi sarebbe stato il vincitore. Ma che nemmeno bastano per iniziare a raccontare tutta la storia del 2017 Julius Baer Mexico City ePrix.

Così qui vi proponiamo con le loro stesse parole, quello che i piloti hanno fatto in gara:

1 ° Lucas di Grassi, Abt Schaeffler Audi Sport

“Che incredibile cambiamento del destino, ma in realtà questo è ciò che la Formula E rappresenta, ci sono tali alti e bassi. Si può avere un brutto weekend o un buon fine settimana – il livello dei piloti è molto alto. Qualcuno mi ha tamponato, ho rotto l’alettone posteriore e c’era la safety car. Sono tornato ai box ed ho ripreso la gara, poi la safety car è uscita circa al 18° giro; da quel momento in cui ho fatto la fermata dopo che la safety car era fuori – ho avuto 25 secondi di vantaggio dall’auto segeuente quando sono uscite dal box con una mezza corsa da fare. Ho pensato che avrei potuto lottare per la vittoria. Sono riuscito ad aprire un varco, continuare a usare solo il Regen, cercando solo di essere il più efficienti possibile, appena concentrandomi sulla mia gara, per quanto possibile fino all’ultima curva e poi ho appena celebrato come un matto. Per me è stata una delle gare più belle della mia vita, in termini di come ho guidato edi come sono stato efficiente con l’energia, quindi sono molto contento.”

2 ° Jean-Eric Vergne

“Ho sentimenti molto contrastanti, credo che questa gara era nostra al 100 per cento. Quello che Jerome (D’Ambrosio) ha fatto è stato totalmente inaccettabile, lui non sapeva come difendersi, è caduto troppe volte in toccate su di me, mi ha costretto ad andare fuori pista – quindi non sono contento con il suo comportamento. I marescialli sono a volte molto duri e qui mi ha spinto tre volte fuori pista, ha toccato le mie ruote posteriori qualche volta e non è successo nulla. Ha cambiato direzione più volte, quindi sono molto frustrato, ma d’altra parte sono contento perché io sono qui per il campionato. Abbiamo iniziato da molto lontano, ma so di essere nel team giusto con l’auto giusta per vincere il campionato. Penso che stiamo migliorando e stiamo sempre più forti in ogni gara come squadra.”

3 ° Sam Bird, DS Virgin Racing

“E’ stata una buona gara per la TV e per la Formula E – una gara come questa è fantastica; tutta l’emozione, le molte cose che sono successe, gli alti e bassi, il non sapere mai cosa sta per accadere. Penso che sia davvero un bene per il campionato. Ero felice con la mossa che ho tirato su Jerome. Ho guardato la battaglia tra Jerome e Jean Eric ed ero pure nella mischia. Siamo stati leggermente più lenti, e all’inizio del primo stint, a causa di dover difendermi, Lucas è stato in grado di continuare scappare via. Lui sicuramente rideva in macchina. La squadra ha fatto un buon lavoro, abbiamo faticato in nelle seconde prove libere, ma tornare a casa con un terzo e un sesto posto è piuttosto buono.”

4 ° Mitch Evans, Panasonic Jaguar Racing

“Il nostro passo è stato buono fin dall’inizio, cercare di evitare il caos non è stato facile – è stato pazzesco da quella posizione – ma avere entrambe le vetture in zona punti in modo coerente durante tutta la gara è stato grande. Abbiamo deciso di fare diverse strategie e per fortuna è andato tutto un po’ meglio per me. Rispetto le altre vetture il nostro passo sembrava molto competitivo. Ho cercato di evitare la collisioni tra Prost e Heidfeld – ma sono stato toccato da Rosenqvist e io non so come la macchina sia sopravvissuta! Ma un po’ di fortuna ci ha aiutato per una volta e sono riuscito a venire via con la quarta posizione, che è bellissimo!”

5 ° Nico Prost, Renault e.dams

“Oggi ho dovuto svolgere una grande battaglia ed è stata una gara dura. Sono oggetto di indagine; capisco perché c’è stato qualche piccolo contatto, ma io non credo di essere responsabile. Ho cercato di evitarlo, ero in curve, ma Nick non mi ha lasciato molto spazio, così ha davvero chiuso la porta. In caso contrario, è stata una buona gara e sono contento del risultato finora. E’ una pista molto stretta, ci sono stati molti contatti in gara, ma queste sono le corse … è lo stesso per tutti. I rettilinei non sono molto lunghi, quindi è un po’ difficile sorpassare qui. Ma i cambiamenti che sono stati fatti sono buoni, quindi mi è piaciuto molto correre su questo circuito quest’anno. Alla fine, anche se siamo stati veloci nelle prime prove libere, ho iniziato a lottare nella seconda prova libera e la macchina non era molto buona. Durante le qualifiche, la bandiera rossa non ha aiutato, ma anche senza di essa, non avrei fatto un risultato migliore quindi … dobbiamo capire perché questo fine settimana non è stato buono per noi.”

6 ° Jose Maria Lopez, DS Virgin Racing

“Sono deluso. Non ci sono parole che qualcuno possa dire oggi per farmi sentire un po’ meglio, ma devo essere realistico. Devo essere obiettivo e prendere i lati positivi: i fatti che ho combattuto per la pole position, il fatto che ho guidato la maggior parte della gara in testa. Ho avuto il ritmo, ho sentito che ero più forte dei ragazzi dietro di me. Ho avuto il 6 per cento di energia in più di Vergne e il 20 per cento in più rispetto alle vetture davanti, ma a quel punto dovevo sorpassare D’Ambrosio se volevo vincere, così ho giocato la mia carta, ma ho giocato male, ho toccato la polvere … Jerome è sempre un osso duro da superare – lui è pronto a perdere la sua gara, piuttosto che lasciarti passare. Ho preso il rischio e non è andato bene, ma lascio il Messico con la mia miglior gara dell’anno. In solo la mia quarta gara della serie ho dimostrato che posso lottare per la vittoria e questo è molto buono.”

7° Daniel Abt, Abt Schaeffler Audi Sport

*Sniff*. “Beh, voglio dire che era piuttosto frustrante partire dalla 18esima posizione, quando normalmente si dovrebbe avere una visione chiara nella prima curva. Ma questo accade, voglio dire che abbiamo cercato di fare del nostro meglio, non è stato così facile con tutte le uscite della safety car e tutte le follie, in realtà era difficile superare. Ho avuto Nico Prost intorno a me, lui è molto difficile da sorpassare. Prima di tutto perché la sua accelerazione è buona grazie al suo motore e poi anche perché lui era molto aggressivo e continuava a spingermi nell’erba. Credo che perdevo parecchio tempo. Alla fine, ad essere onesti guadagnare l’11esima posizione di partenza non è qualcosa che mi dovrebbe fare arrabbiare, ma avrebbe potuto essere molto meglio oggi.”

8° Adam Carroll, Panasonic Jaguar Racing

“Non ho davvero notato che l’ala anteriore fosse traballante e speravo solo di non dovermi fermare a cambiarla. Eravamo un po’ stretti all’entrata della chicane della curva 3, tutti ci siamo ricompattati e ho preso la parte posteriore della vettura di Sebastien [Buemi], ma per fortuna la sua macchina andava bene e anche la mia. E poi siamo tornati a casa con alcuni punti che è assolutamente fantastico. Ho sentito il botto [quando le due Mahindra si sono scontrate] e tutto è andato bene. Io sono venuto fuori da quel caos piuttosto male perché non potevo farlo dall’interno, così ho dovuto andare verso l’esterno. Ma Rosenqvist è uscito su tre ruote ed io sono rimasto bloccato dietro di lui. La cosa principale per la squadra è che abbiamo segnato punti nella nostra quarta gara, abbiamo molto lavoro da fare, ma è assolutamente fantastico.”

9° Nelson Piquet Jr, NextEV NIO

“Ho fatto un casino in qualifica e la squadra si è incasinata nella corsa. Abbiamo avuto una cattiva strategia, abbiamo avuto un problema nel pit stop e, ovviamente, Oliver [Turvey] ha avuto anche un altro problema, quindi credo che l’unico aspetto positivo da parte del team nel fine settimana è stato che Oliver è riuscito ad ottenere la pole position.”

10 ° Esteban Gutierrez, TECHEETAH

“E ‘stato un giorno di gara molto difficile per me senza conoscere la macchina, senza conoscere la categoria. Tutto era completamente nuovo, quindi sì è stato bello finire nei punti il ​​mio primo ePrix. Un buon punto di partenza, ma i risultati sicuramente sempre più positivi arriveranno nelle prossime gare.”

11 ° Robins Frijns, Andretti“

Penso che la gara sia andata abbastanza bene. Abbiamo avuto un buon ritmo, ho guadagnato un paio di posizioni all’inizio. Il team ha fatto un errore nel pit-stop, perché siamo stati tre secondi più veloci. Come detto al briefing il tempo era di 57 (secondi), l’hanno cambiato e noi non lo sapevamo. Ma sì, oltre questo ancora una volta il passo era buono ed ero più veloce di entrambe le Mahindra davanti a me, ho superato [Felix] Rosenqvist. Poi ho avuto la penalità del drive-through, così sono precipitato indietro. Senza la penalità del drive-through, avrei potuto essere quarto o quinto”.

12° Nick Heidfeld, Mahindra

“I problemi sono iniziati al pits top. Stavo correndo in seconda posizone e, alla fine, sarebbe stato facile raggiungere un sicuro quarto posto, forse terzo se Nico non mi avessi toccato… il problema è stato che il team Andretti non sapeva che il tempo del pit stop era cambiato. Così, quando sono entrato in pit lane Da Costa era dove non avrebbe dovuto essere e la regola in Formula E è che il pilota nella corsia di sorpasso ha la priorità, quindi ho dovuto rallentare dietro di lui ed è per questo che Bird mi ha saltato. Allora sono rimasto bloccato dietro Da Costa e poi c’è stato il pasticcio. Anche se avevo più ritmo e più energia, era impossibile superare. Nico ha chiuso il gap in fretta perché ci teneva, e mi sembrava che ha continuato con il suo passo, come se io non ci fosse. Poi si è schiantato violentemente su di me e per un momento ho pensato di fare un grande botto, ma poi forse riuscivo a dominare l’auto; comunque non è stato possibile e sono rimasto fermo in mezzo alla pista con le altre auto che si scontravano contro di me, ma per fortuna fisicamente non è successo nulla di male a nessuno, la vettura era praticamente inguidabile, ma c’erano solo due giri alla fine della gara ed avrei potuto finirla e chissà in che posizione se qualcosa davanti fosse successo? Non è ciò che si desidera quando si è in seconda posizone, ma alla fine si deve prendere quello che viene?”

13° Jerome D’Ambrosio, Faraday Future Dragon Racing

“Abbiamo avuto una buona strategia in atto dalla partenza della gara considerando i nostri risultati in qualificazione. Abbiamo lottato duramente per rimanere davanti, ma non ho avuto abbastanza energia per reggere la mia posizione e completare la gara.”

14° Sebastien Buemi, Renault e.dams

“La gara avrebbe potuto essere buona per noi. Noi tutti sappiamo che è difficile sorpassare qui, soprattutto con così tante safety car. Quando ho cercato di usare il FanBoost, Rosenqvist ha chiuso entrambi i suoi pneumatici anteriori e Lopez è uscito di pista. Ho solo cercato di evitare l’incidente e facendo questo, mi sono anche girato in testa coda. Ero nel posto sbagliato al momento sbagliato. Questo è più o meno quello che è successo oggi. E’ stato un brutto weekend per noi. L’obiettivo era di non perdere troppi punti qui, quindi, naturalmente, è una grande delusione. Ero più veloce nelle prime e seconde prove libere e abbiamo mostrato un buon passo, ma ero in grande svantaggio ad essere nelle prime qualifiche, perchè ho pulito la pista per tutti.

E’ andata particolarmente male qui, a causa di come era il vento e le condizioni. Ho dovuto anche scontare una penalità per uscita non sicura dopo il mio pit-stop, così ho dovuto lasciare passare tre o quattro macchine”

15° Stephane Sarrazin, Venturi

“Sì, è stata una gara difficile. Ho avuto contatti con Lucas all’inizio. Qualcuno mi ha spinto da dietro, così mi sono dovuto fermare e cambiare l’ala anteriore. Quando sono ripartito ho provato a fare il giro più veloce in gara, ma l’ho perso di due decimi. E’ stata una buona macchina ma non l’abbiamo vista in questa gara. Per fortuna, abbiamo il potenziale per andare bene nella prossima gara.”

16° Felix Rosenqvist, Mahindra

“Penso che l’incidente finale con il quale si è conclusa sia la mia che la gara di Nick sia solo sfortuna. Nico e Nick hanno avuto una collisione con Evans a fianco non potevo davvero andare da nessuna parte così mi sono lanciato sulla ruota posteriore di Evans e dritto su Nick . È stato davvero, davvero un peccato”.

Ritirato Maro Engel, Venturi

“Prima di tutto, è stato un grande lavoro da parte del team in qualifica, è stato fantastico essere efficace alla fine delle seconde prove. La gara stava andando bene, ed ero a pianificarla nel primo lungo stint, tutto era buono. Non vedevo l’ora di  guadagnare qualche posizione, ma poi ho perso potenza. Prima ho perso potenza nelle curve 5 e 6, e poi lentamente continuavo a perdere e sicuramente ho impoverito tutto il giro ed ero giù a circa 100 kW di potenza. Un vero peccato, perché è il mio terzo problema tecnico di fila e tre volte abbiamo avuto la possibilità di segnare punti reali. Oggi, guardando bene, ero proprio dietro Evans, quindi probabilmente ho perso l’arrivo tra i top five, un vero peccato. Ora guardiamo avanti, in attesa di Monaco.”

Ritirato Antonio Felix da Costa, Andretti

“E’ stata una giornata molto migliore quella di oggi, molto meglio del Sabato di Buenos Aires. Ci siamo qualificati decentemente bene, abbiamo iniziato in sesta posizione, abbiamo beneficiato di alcune sanzioni ai nostri rivali e quindi eravamo in un buon posto per segnare qualche punto. Buon inizio, ho mantenuto la posizione ma poi ho fatto un errore ed ho perso alcune posizioni. Ma comunque, abbiamo avuto un buon ritmo e siamo tornati forti. Eravamo in quinta posizione e poi si è rotto l’albero della mia auto. Quindi, sono stato molto sfortunato. Non possiamo avere una pausa dalla sfortuna che ci perseguita come squadra, anche se abbiamo commesso un errore procedurale con entrambi i pit-stop.”

Ritirato Loic Duval, Faraday Future Dragon Racing

“Eravamo alla ricerca del meglio e poi la batteria da 12 volt è andata giù. Anche se siamo partiti da dietro, ero il migliore in materia di energia con la prima auto e il piano era di andare flat-out sulla seconda parte di gara, che sarebbe stata buona. Ero proprio dietro Prost e guardate bene come è arrivato, ma purtroppo non ho raggiunto la seconda macchina.”

Ritirato Oliver Turvey, NextEV NIO

“Prima di tutto, le qualifiche sono stati grandi, ho ottenuto la pole position nei gironi di qualifica e poi anche nella Super Pole. E’ stata la mia prima pole in Formula E. Penso che ho fatto una buona partenza, sono arrivato in testa alla prima curva e poi i primi giri sono stati tutti dedicati a controllare la gara e mi sono sentito a mio agio anche con la rigenerazione di energia. Ero confortevole con la sensazione del auto e il passo della vettura, io e Jose [Maria Lopez] ci stavano allontanando dal resto del branco. Mi sono sentito abbastanza comodo in testa e ho sentito tutto sotto controllo, ma nell’ultima chicane al 12esimo giro, l’auto aveva appena tagliato il traguardo ed ho perso potenza e non so ancora perché. Abbiamo avuto un arresto del BMS sul cruscotto, ma abbiamo bisogno di capire perché è successo questo, perché non riuscivo a reimpostare e nemmeno a fare nulla. Sembra che ci fosse qualche problema nel powertrain. E’ davvero frustrante avere questo problema quando si sta in testa alla gara ed è un vero peccato, ma speriamo che come squadra si possa imparare da questa esperienza.”

 

In English

Drivers words of Julius Baer Mexico City ePrix

Source: Formula E

Mexico City, 4th April 2017. It was a frantic, non-stop rollercoaster of a race, in which a new record was set for the winner’s lowliest starting position. But that doesn’t even start to tell the whole story of the 2017 Julius Baer Mexico City ePrix.

So here, in their own words, is what the drivers made of the race:

1st Lucas di Grassi, Abt Schaeffler Audi Sport

“What an incredible change of fate, but actually that’s what Formula E represents, there are such ups and downs. You can have a bad weekend or good weekend – the level of the drivers is so high. Somebody crashed into my back, broke the rear wing and there was a safety car. I came back and was running last, and then the safety car came in about lap 18, by that moment when I did the stop after the safety car had been out – I had a 25-second lead to the next car when they exited the pits with half a race to go. I thought I could fight for the win. I managed to open a gap, keep on just using regen, just trying to be as energy efficient as possible, just focussing on my race as much as possible until the last corner and then just celebrated like crazy. For me it was one of the best races of my life, in terms of how I drove, how energy efficient I had to be, so I’m very pleased.”

2nd Jean-Eric Vergne, TECHEETAH

“I have very mixed emotions, I think this race was ours – 100 per cent. What [Jerome] D’Ambrosio did was totally unacceptable, he just doesn’t know how to defend, he crashed too many times into me, forced me to go off the track – so I’m not a fan. The marshals are sometimes very tough and here he pushed me three times off the track, touched my rear wheels sometimes and nothing happens. He changed direction many times, so I’m very frustrated but on the other hand I’m happy that I’m here for the championship. We started very far away but I know I’m in the right team with the right car to win the championship. I think we’re coming back a little bit better and we’re getting stronger every race as a team.”

3rd Sam Bird, DS Virgin Racing

“It was a good race for TV and for Formula E – a race like this was fantastic; all the drama, lots of things going on, ups and downs, you don’t know what’s going to happen next. I think it’s really good for the championship. I was happy with the move I pulled on Jerome. I watched the battle between Jerome and JEV and I was in the mix as well. We were lapping slower going flat out pretty much, and in the beginning of the first stint, because of the defending, that’s how Lucas was able to keep running away. He must’ve been laughing in the car. The team have done a good job, we struggled in FP2, to come back with a third and sixth place is pretty strong.”

4th Mitch Evans, Panasonic Jaguar Racing

“Our pace was great from the start, trying to avoid the mayhem was not easy – it was crazy from that point – but to have both cars in the points consistently through the race was great. We opted to do different strategies and fortunately it worked out a bit better for me. In comparison to the other cars our pace seemed very competitive. I tried to avoid the collision between Prost and Heidfeld – but I was collected by Rosenqvist and I don’t know how the car survived! But a bit of luck helped us for once and I managed to come away with fourth, which is massive!”

5th Nico Prost, Renault e.dams

“I had a big fight on my hands today and it was a tough race. I’m under investigation; I understand why because there was some small contact made but I don’t think I’m responsible for it. I really tried to avoid it, I was on the curves but Nick didn’t leave me much space, so he really closed the door. Otherwise, it was a good race and I’m happy with the result so far. It’s a very tight track, there was a lot of contact in the race but that’s racing…it’s the same for everyone. The straights are not very long so it’s a bit tricky to overtake here. But the changes that have been made are good, so I really enjoyed racing on this circuit this year. At the end, even if we were quick in FP1, I started to struggle in FP2 and the car was not very good. During qualifying, the red flag didn’t help but even without it, I wouldn’t have done a massive result so…We have to understand why this weekend wasn’t that good for us.”

6th Jose Maria Lopez, DS Virgin Racing

“I’m disappointed. There are no words that anyone can say today that will make me feel a bit better, but I have to be realistic. I have to be objective and take the positives: the facts that I fought for pole position, the fact that I led most of the way. I had the pace, I felt that I was stronger than the guys behind me. I had 6 per cent more batter than Vergne and 20 per cent more than the cars in front, but at that point I had to pass D’Ambrosio if I wanted to win so I played my card, but I played it wrong, I touched the dust… Jerome is always a hard dog to pass – he’s ready to lose his race rather than let you pass. I took the risk and it didn’t went well, but I leave Mexico with my strongest race of the year. In only my fourth race in the series I showed that I can fight for wins and that’s very cool.”

7th Daniel Abt, Abt Schaeffler Audi Sport

* Sigh * “Well, I mean it was pretty frustrating starting from P18, when normally you should have a clear view into Turn 1. But this happens, I mean we tried to do our best, it was not so easy with all the safety cars going on and all the craziness, it was hard to overtake actually. I had Nico Prost around me, he is very difficult to overtake. First of all because his acceleration is good on the motor and then also he was very aggressive and kept pushing me into the grass. I think I was losing quite some time. In the end, to be honest gaining 11 positions is not something you should be mad about, but it could have been much better today.”

8th Adam Carroll, Panasonic Jaguar Racing

“I didn’t really notice it [the wobbly front wing] I was just hoping that I wouldn’t have to stop and change it. It just got a bit tight going into the Turn 3 chicane, everybody bunched up and I caught the back of Sebastien [Buemi], but thankfully his car was alright and so was mine. And then we came home with some points which was absolutely fantastic. I could hear the bang [as the two Mahindras collided] and everything went everywhere. I came out of that pretty badly because I couldn’t make it down the inside, so I had to go to the outside. But Rosenqvist carried on on three wheels and I got stuck behind him. The main thing for the team is that we scored points in our fourth race, we’ve got a lot of work to do, but it’s absolutely fantastic.”

9th Nelson Piquet Jr, NextEV NIO

“I screwed up in qualifying and the team screwed up in the race. We had a bad strategy, we had a pitstop problem and obviously Oliver [Turvey] had another problem as well, so I guess the only positive take from the weekend was Oliver managing to get pole position.”

10th Esteban Gutierrez, TECHEETAH

“It was a very challenging race day for me without knowing the car, without knowing the category. Everything was completely new, so yeah it was nice to finish in the points on my first ePrix. A good starting point, but definitely more and more positive results to come in the next few races.”

11th Robins Frijns, Andretti

“I think the race went pretty well. We had good pace, I gained a few positions at the beginning. The team made a mistake in the pitstop, because we were three seconds quicker. As said at the briefing it was 57 (seconds) and they changed it and we didn’t know. But yeah, after that again the pace was good and I was quicker than both Mahindras in front of me, I overtook [Felix] Rosenqvist. Then I had the drive-through penalty, so I dropped back. Without the drive-through penalty, I would have been P4 or P5.”

12th Nick Heidfeld, Mahindra

“The problems started at the pitstop. I was running P2 and in the end it would have easily been a safe P4, maybe P3 if Nico hadn’t crashed into me… The problem was that Andretti didn’t know that the pitstop time had changed. So when I came into the pitlane he [da Costa] was there where he shouldn’t have been and the rule in Formula E is that the guy in the fast lane has priority, so I needed to slow down behind him and this is why Bird jumped me. So then I was stuck behind da Costa and then the mess started. Even though I had more pace and more energy, it was impossible to overtake. Nico closed the gap quickly because we were held up, and to me it looked like he continued with his pace as if I was not there. He just crashed into me quite hard and for a moment I thought ‘it’s a big one but maybe I can catch it’ but it was not possible and then I was stationary in the middle of the circuit with other cars crashing into me, but luckily physically there is nothing wrong at all, the car was pretty much undriveable, but as there were only two laps to go I would finish the race and who knows if at the front something happens? It’s not what you wish for when you pit from P2, but in the end you have to take what you get?”

13th Jerome D’Ambrosio, Faraday Future Dragon Racing

“We had a really good strategy in place at the start of the race considering our qualifying results. We fought hard to stay in front, but I didn’t have enough power hold up my position and complete the race.”

14th Sebastien Buemi, Renault e.dams

“The race could have been good for us. We all know it’s difficult to overtake here, especially with so many safety cars. When I tried to use the FanBoost, Rosenqvist locked up both of his front tyres and Lopez spun. I just tried to avoid the accident and by doing this, I also spun. I was in the wrong place at the wrong time. That’s more or less what happened today. It’s been a bad weekend for us. The objective was not to lose too many points here, so of course it’s a big disappointment. I was quickest in FP1 and FP2 and we showed good pace but I was at a big disadvantage to be in Q1 as I cleaned the track for everyone. It was especially bad here, due to how windy the conditions were. I also had to avoid an unsafe release after my pit-stop, so I had to let three or four cars pass me.”

15th Stephane Sarrazin, Venturi

“Yeah, it was a difficult race. I had contact with Lucas at the beginning. Somebody pushed me from behind, so I had to stop and change my front wing. When I re-joined I tried to do a best lap in the race but I missed it by two tenths. It was a very good car but we didn’t show it in this race. Fortunately, we have the potential to be good for the next race.”

16th Felix Rosenqvist, Mahindra

“I think the final accident that ended both mine and Nick’s race was just unfortunate. Nico and Nick had a collision and with Evans alongside I couldn’t really go anywhere so I got launched over Evans rear wheel and straight into Nick – it was really, really unfortunate.”

Retired Maro Engel, Venturi

“First of all, it was a great job from the team in qualifying, it was great to be effectively P2 in the end. The race was going well, going to plan, in the first long stint, everything was good. I was looking forward to making up some places but then I lost power. I first lost power at Turn 5 and 6, and then slowly but surely it depleted throughout the lap and I was down to like 100kW of power. Real shame, that’s my third technical DNF in a row and three times we had a chance to score real points. Today, looking at it, I was right behind Evans, so probably missed out on a top five, a real shame. Onwards and upwards, looking forward to Monaco.”

Retired Antonio Felix da Costa, Andretti

“It was a much better day today, much better Saturday than Buenos Aires. We qualified decently well, started P6, we benefited from a few penalties, so we were sitting in a good place to score some points. Good start, I kept position and I made a mistake and lost a few positions. But anyway, we had the pace, we came back to the front. We were running fifth and then my drive-shaft broke up. So, very unfortunate. We can’t seem to get a break of bad luck as a team, also we made a procedural mistake with both of the pitstops.”

Retired Loic Duval, Faraday Future Dragon Racing

“We were looking good and then the 12-volt battery shut down. Although we started from the back, I was the best on energy with the first car and the plan was to go flat-out on the second stint, which would have been good. I was right behind Prost and looking good, but unfortunately I didn’t reach the second car.”

Retired Oliver Turvey, NextEV NIO

“Well first of all, qualifying was great, to get pole position in the qualifying groups and then also in the Super Pole. It was my first ever Formula E pole position. I think at the start of the race I made a good start, got to Turn 1 in the lead and then the opening laps were all about controlling the race and I felt comfortable once the regen came in. I was comfortable with the feeling of the car and the pace of the car, you know me and Jose [Maria Lopez] were pulling away from the rest of the pack.

“I felt quite comfortable in the lead and felt I had everything under control, but in the last chicane on the 12th lap, the car just cut out, lost power and I don’t know why yet. We had a BMS shut-down on the dash but we need to understand why that was, because I couldn’t reset or anything. Seems there was some issue in the powertrain. [It’s] Really frustrating to have this issue when you’re leading the race and a real shame, but hopefully we as a team can get on top of it and learn from this experience.”

.

Share and Enjoy

  • Google Plus
  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon

TAGS: città del messico eprix FIA Formula E Championship formula e

Lascia una risposta

 
Pinterest