24 Ore di Le Mans: grande vittoria in rimonta della Porsche

24 Ore di Le Mans: grande vittoria in rimonta della Porsche

18 giu, 2017

La 919 Hybrid di Earl Bamber, Timo Bernhard e Brendon Hartley conquista la gara di durata dopo tanti colpi di scena e una risalita impensabile dopo una lunga sosta: per la Casa terzo successo di fila e 21° assoluto. Toyota ancora una volta k.o.

di Corrado Canali

Fonte: Gazzetta dello Sport

 

Le Mans, Francia. 18 Giugno 2017. Vince ancora la Porsche. Non sono bastate le tre vetture alla Toyota per vincere la gara di durata più lunga del mondo.

Una maledizione per il costruttore giapponese.

Da parte sua la Porsche, l’unica rivale dei giapponesi sia pure con l’handicap delle due vetture al via rispetto alle tre di Toyota, ha visto premiata solo in parte la propria condotta di gara.

Colpi di scena

Dopo tre ore e mezzo di gara la Porsche n. 2 rientrava ai box per noie ai freni, ma dopo una lunga sosta scivolava al 50° posto. Poco prima delle 23, toccava alla Toyota n° 8 con Buemi alla guida, balzata al secondo posto, a rientrare nei box per una vistosa fumata dal disco del freno anteriore destro.

Dopo oltre un’ora di stop Buemi rientrava in pista, in 54esima posizione. Ma il peggio capitava di lì a poco: alle 00.37 il nuovo colpo di scena: la Toyota n° 7 leader della corsa si ferma ai box per il pit stop e il cambio pilota.

Conway lascia il posto a Kobayashi che subito dopo inizia a rallentare alla chicane Dunlop e si ferma.

A causare il ritiro è un problema al cambio.

Un colpo per la Casa giapponese.

Pochi minuti dopo la Toyota, la n° 9, seconda in classifica con Lapierre alla guida viene urtata dalla Manor, una LMP2, che le procura una foratura alla ruota posteriore sinistra, cui segue un principio di incendio.

La Toyota prima si ferma alla Mulsanne, ma poi riparte in modalità elettrica, ma si deve fermare a bordo pista.

Altre sorprese

All’01.30 al comando della classifica c’è la n°1. Ma le sorprese non sono ancora finite.

A 3 ore e mezzo dalla fine anche la prima delle Porsche con alla guida Lotterer inizia all’improvviso a rallentare.

Lotterer spegne il motore e procede con la modalità ibrida, ma deve arrendersi e lasciare la gara.

A questo punto alla Porsche si giocano la chance dell’ultima vettura in gara, la n.2 che dopo le disavventure delle prime ore di gara, sembra in “palla”.

Da quarta a nove giri risale al terzo, al secondo e poi riduce il gap che la divide dalla Oreca n. 38.

Ad un’ora dalla fine la rincorsa è completata e Porsche torna in testa con l’ultima delle due vetture in pista.

A vincere la 24 Ore di Le Mans 2017 è la Porsche 919 Hybrid n° 2 di Bernhard-Bamber-Hartley.

Con il successo nell’edizione 2017 la Porsche si è aggiudicata per la terza volta consecutiva la 24 Ore e porta a 19 il numero di vittorie assolute a Le Mans confermandosi la Casa automobilistica più vincente di sempre nella gara di durata più famosa al mondo.

Le altre classi

Sul podio le due Oreca (LMP2) di Tung-Laurent-Jarvis e, al terzo posto, quella di Piquet Jr-Heinemeier Hansson-Beche.

Prima nella GTE Pro l’Aston Martin di Turner-Adam-Serra e trionfo Ferrari nella GTE AM con una tripletta: 1° posto per la Ferrari 488 GTE della JMW Motorsport di Robert Smith-Will Stevens e Dries Vanthoor, 2° per lo Spirit of Race di Duncan Cameron, Aaron Scott e Marco Cioci, e 3° per la Scuderia Corse con Cooper Macneil, William Sweedler e Townsend Bell.

Decimo posto globale e 8° di classe (LMP2), infine, per la Dallara P217 della Cetilar Villorba Corse degli italiani Roberto Lacorte, Giorgio Sernagiotto e Andrea Belicchi.

.

Share and Enjoy

  • Google Plus
  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon

TAGS: 24 heures du mans 24 ore le mans porsche 919 hybrid toyota ts050 hybrid WEC world endurance championship

Lascia una risposta

 
Pinterest