Il record con l’auto ad idrogeno mai riconosciuto dalla FIA

Il record con l’auto ad idrogeno mai riconosciuto dalla FIA

31 dic, 2014

di Marcelo Padin

Direttore Editoriale Electric Motor News

 

Rosario, Argentina. 31 Dicembre 2014. Rovistando negli archivi di Electric Motor News abbiamo trovato un’interessante pezzo di storia non molto conosciuta e che riguarda il raggiungimento a metà degli anni ’70 della velocità di oltre mille chilometri all’ora con il veicolo denominato alimentato da perossido d’idrogeno ma che non è stato mai riconosciuto come record ufficiale …

Per salutare l’anno 2014 e dare il benvenuto al 2015 …. vi proponiamo questa storia incredibile …

 

 

Il razzo ad idrogeno SMI Motivator

 

L’hanno chiamata SMI Motivator. La rivista Hot Rod segnalava che potenzialmente era il triciclo elettrico più veloce al mondo.

Sponsorizzato dall’insolito Succes Motivation Institute, il veicolo è stato voluto da e Billy e .

Billy, naturalmente, era il ragazzo dal viso fresco che ha trasformato il mondo delle corse di dragster attorno alla sua prsenza, quando nel 1972, all’età di 6 anni, vinse il Manufactures Funny Car Championship a OCIR.

Equipaggiato con un sistema di razzo alimentato da perossido di idrogeno, il motore Romatec V4 era in grado di produrre 48 milla cavalli con lo scopo si superare la barriera delle 743 miglia all’ora.

Tutto è cominciato a metà degli anni ’70 quando il progettista/costruttore Bill Fredrick ed il proprietario iniziarono a lavorare in un triciclo propulsato da un razzo, di stile streamliner (molto simile alla prima e sfortunata Spirit of America di Breedlove) per superare il record di velocità su terra che allora era di 630 mph (1013,670 km/h) dal 1970 detenuto da Gary Gabelich con il viecolo Blue Flame dell’Istituto di Tecnologia Gas.

Il veicolo di Fredrick era da 39 piedi di lunghezza (11,895 m) alimentato da un motore ibrido Romatec V4 che combinava liquidi e propellenti solidi per la produzione di 48.000 cavalli vapore, aumentata da un gruppo di decollo jet-assistito (JATO) nella forma di un missile Sidewinder da 12,900 HP.

Nel corso del 1976 sia Needham che testarono il veicolo SMI Motivator sponsorizzato da che raggiunse la velocità di 600 mph su un enorme lago secco situato in Oregon.

Tre anni più tardi il collega stuntman di Hollywood Stan Barrett ha acceso la miccia nel lago secco di Rogers (ad aka Muroc/Base Edwards dell’Air Force) e letteralmente ha fatto schizzare il veicolo fuori dalla linea di partenza.

Circa 12 secondi dopo lo scatto, Barrett raggiunse i 612 mph (984,708 Km/h), finendo il suo lancio ad una velocità terminale di 739,666 mph (o Mach 1,0106), debitamente registrata dal radar della pista della Base Edwards come dal proprio materiale informatico di telemetria di bordo del team.

Tuttavia, il record non è stato omologto perché le regole FIA affermano che qualsiasi tentativo di record di velocità su terra deve essere effettuato sotto la sua giurisdizione o da un agente nominato dalla stessa FIA. Inoltre, il tentativo deve essere “di due lanci nei due sensi” nel giro di un’ora di distanza tra il primo ed il secondo.

Nessuna di queste condizioni sono state soddisfatte.

Così i puristi, tra cui Craig Breedlove, la velocità raggiunta da Fredrick / Needham / Barrett è, nella migliore delle ipotesi, non ufficiale.

Needham non si è fatto infastidire da questi dettagli.

“Eravamo interessati a rompere la barriera del suono, non a fissare un record FIA”, disse Needham. “L’abbiamo fatto, e siamo in grado di dimostrare che è stato fatto, quindi non importa quello che dicono Breedlove o quegli altri ragazzi. The Motivator è ora nel Smithsonian e quel museo non espone automobili falsi”

 

12 giugno 1976 – Alvord Desert Kitty O’Neal USA SMI Motivator Romatec V4 perossido di idrogeno 512,710 mph

 

1979 – Muroc Stan Barrett USA SMI Motivator Romatec V4 perossido di idrogeno 739,666 mph (mai riconosciuto)

 


Share and Enjoy

  • Google Plus
  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon

TAGS: Bill Fredrick Billy Meyer budweiser Hal Needham Kitty O’Neil Paul Meyer romatec smi motivator stan barret

Lascia una risposta

 
Pinterest