PlanetSolar pronta a salpare

PlanetSolar pronta a salpare

20 mar, 2014

Fonte: PlanetSolar SA

 

Lorient, Francia. 18 marzo 2014. PlanetSolar è tornato! Infatti, siamo nel bel mezzo della preparazione di un meraviglioso programma solare! La più grande barca solare del mondo perseguirà il suo obiettivo di dimostrare che può essere utilizzata per scopi pratici completando nuove missioni. L’azienda svizzera PlanetSolar SA ha anche diversificato la sua sfera di attività .

 

Inverno a Lorient (Francia) per la MS Turanor PlanetSolar

Dopo una campagna 2013 segnata dal successo “PlanetSolar Deepwater”, spedizione scientifica lungo la Corrente del Golfo, la MS Turanor PlanetSolar è arrivata il 24 settembre 2013 al suo ormeggio invernale, la a Lorient.

Dal 2 Novembre 2013 al 15 marzo 2014, il gigantesco catamarano ha accolto a bordo i bambini delle scuole e anche il pubblico il sabato e il lunedì. E’ stata l’occasione per i visitatori di scoprire le viscere della più grande barca solare mai costruita al mondo e di conoscere gli obiettivi della spedizione scientifica “PlanetSolar Deepwater”. La MS Turanor PlanetSolar ha così portato un pò di sole alla visita della Cité de la Voile!

Al pontone del museo, il catamarano solare ha avuto l’opportunità di condividere la scena con le navi iconiche come la mitica Pen Duick e l’imponente barca a vela Tara prima di partire per Concarneau a metà gennaio dove è stata sottoposta ad altri lavori di manutenzione .

 

“Operazione Solare”: un nuovo documentario che arriva al cuore della spedizione in acque profonde

La progressione della produzione del documentario “Operazione Solare” è stata mostrata a Ginevra il 26 novembre 2013. Narrato dal giornalista francese Laurent Bignolas, questo documentario di 52 minuti invita lo spettatore a bordo della MS Turanor PlanetSolar a condividere la vita quotidiana dei ricercatori dell’Università di Ginevra e dei membri dell’equipaggio. Girato tra Halifax (Canada) e St John’s (Canada), questo documentario arriva al cuore di questa avventura umana, scientifica ed ecologica. E’ andato in onda il 14 dicembre 2013 su France Ô, come parte del programma “Ô bout du monde ” (Alla fine del mondo).

 

PlanetSolar vince ancora riconoscimenti!

Alla fine del 2013, abbiamo felicemente appreso che ci erano stato assegnati altri due premi! Il primo era il Premio solare europeo 2013 nella categoria “media”, che onora l’esposizione mediatica generata dal completamento del primo giro del mondo alimentato da energia solare (2010-2012). Il 29 novembre 2013, , iniziatore del tour mondiale e Cordula Ströher, il proprietario della barca, hanno ritirato il premio a Berlino (Germania) in occasione della cerimonia ufficiale.

Il secondo premio ci è stato consegnato per il nuovo record che la MS Turanor PlanetSolar ha fissato nel 2013 per la traversata transatlantica. Come si ricorderà, ci sono voluti solo 22 giorni 12 ore e 32 minuti (cioè 4 giorni e 6 ore in meno rispetto al 2010) per la più grande barca solare al mondo ad attraversare l’Oceano Atlantico.

Anche se il record è stato fissato nel maggio 2013, molti mesi passarono prima di ricevere l’approvazione ufficiale del Guinness World Records. Così il 2013 si è chiuso con grande disinvoltura per la barca solare svizzera e l’equipaggio è orgoglioso di poter appendere questo sesto certificato dal Guinness World Records sulla parete!

 

La MS Turanor PlanetSolar su un ritiro di fitness in città Blue!

Approfittando della chiusura annuale della Cité de la Voile Eric Tabarly (dal 6 gennaio al 14 febbraio), la MS Turanor PlanetSolar si diresse verso Concarneau, la città blu, che ha un grande bacino di carenaggio per l’alaggio della barca. Così, per la terza volta dalla fine della sua costruzione nel 2010, il battello lasciò l’acqua. Una delicata manovra che richiede un molta prudenza in quanto lo scafo della nave in carbonio di quasi 100 tonnellate è fragile.

L’imbarcazione è stata messa in bacino in modo che le operazioni di manutenzione potessero essere eseguite sugli scafi, particolarmente per riparare le eliche di prua e applicare un nuovo rivestimento antivegetativa (vernice che impedisce gli organismi marini di attaccarsi allo scafo della nave).

Mentre le operazioni di manutenzione sono andate bene, c’è stato il tempo di modificare le eliche della barca.

La barca doveva tornare a Lorient all’inizio di febbraio. Ma a quel tempo la Bretania è stata spazzata da tempeste consecutive di rara intensità. Un grande rigonfiamento di oltre 10 metri è stato avvistato, a volte dandoci immagini degne dei migliori film disastro . Philip Pilsson, un grande fotografo marino con il quale abbiamo spesso collaborato, ha inoltre condiviso le sue immagini del mare infuriato con noi.

In queste condizioni, non è stato possibile per la nave di prendere il mare in modo sicuro prima di riaprire il museo. Quindi era saggio aspettare pazientemente sulla terraferma, nella parte inferiore del bacino di carenaggio, fino a quando il cielo fosse calmo. La MS Turanor PlanetSolar è tornata a Lorient il 19 febbraio, con quasi due settimane di ritardo.

 

PlanetSolar di nuovo in mare nel 2014!

Mentre un team di specialisti è stato occupato di coccolare la nave, l’equipaggio di terra non è rimasto inattivo. Il team ha lavorato duramente tutto l’inverno preparando la spedizione del 2014! Pertanto, siamo lieti di informarvi che la prima tappa solare del 2014 si terrà presso la città di Boulogne-sur-Mer a metà aprile.

Invitata dal NAUSICAA, il più grande complesso europeo dedicato alla conoscenza dell’ambiente marino, la MS Turanor PlanetSolar parteciperà al 23° Festival des Images de Mer (Festival delle Immagini del Mare) che si terrà tra il 17 e il 21 aprile. E’ l’opportunità di avere i residenti dello stretto di Calais di scoprire questo strano uccello marino attraverso visite, forum e conferenze .

Il catamarano proseguirà poi il suo viaggio verso il Mar Mediterraneo. Si tornerà al Principato di Monaco, il punto di partenza e di arrivo della nave quando è stato completato il primo giro del mondo alimentato da energia solare. Essa parteciperà al 2014 Solar1 Monte Carlo Cup, la prima gara di barche solari. Con la sua velocità media di 10 km/h, la MS Turanor PlanetSolar non sarà, ovviamente, partecipante alla gara, ma sarà l’ospite d’eccezione che accoglierà la giuria e la stampa invitata a questo evento .

La MS Turanor PlanetSolar dovrebbe poi dirigersi verso la Grecia, dove è in programma, in collaborazione con l’Università di Ginevra, per riprendere il suo ruolo di piattaforma scientifica con lo scopo di studiare i paesaggi preistorici sommersi. Il catamarano sarà poi coinvolto nel lavoro relativo alle misure geofisiche sottomarine. Desideroso di prendere di nuovo il mare, l’intero equipaggio è attualmente al lavoro nella preparazione dei dettagli finali di quest’anno.

 

PlanetSolar SA , oltre il funzionamento di una barca solare

Dalla sua creazione nel 2008, PlanetSolar SA è stata incentrata sulla gestione e il funzionamento del MS Turanor PlanetSolar. Oggi, armato di un marchio riconosciuto a livello internazionale, l’azienda ha deciso di ampliare il suo orizzonte e mettere le proprie conoscenze, competenze ed esperienza nel campo dell’energia rinnovabile e della mobilità pulita al servizio di progetti nuovi ed originali. La piccola azienda svizzera sta alimentando l’ambizione di ritagliarsi un posto (al sole) nel mercato del fotovoltaico in Svizzera e all’estero, attraverso la promozione di impianti fotovoltaici in modo del tutto originale.

 


Share and Enjoy

  • Google Plus
  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon

TAGS: Cité de la Voile Eric Tabarly ms turanor planet solar Raphaël Domjan

Lascia una risposta

 
Pinterest