PlanetSolar dalla Manica al Mar Mediterraneo

PlanetSolar dalla Manica al Mar Mediterraneo

7 lug, 2014

Fonte: Turanor PlanetSolar

 

1° luglio 2014. PlanetSolar ha dato il via la campagna 2014 lo scorso 10 aprile, dopo aver trascorso più di sei mesi di “svernamento” nella a , in Francia. Ora ha ripreso a dominare gli oceani … e il sole. Qui di seguito guardiamo indietro le attività svolte negli ultimi tre mesi.

 

Boulogne-sur-Mer: una sosta piena di entusiasmo!

Il primo porto di scalo per la è stata la città di Boulogne-sur-Mer nel Passo di Calais, con la nave che è entrata nel porto la sera del 13 aprile, dove molte persone note sono state accolte a bordo, compreso Frédéric Cuvillier, Segretario di Stato ai Trasporti, al mare e alla pesca della Francia.

Martedì 15 aprile si è svolta l’apertura ufficiale dei festeggiamenti con una conferenza stampa a bordo alle ore 19:00 a seguito dalla presentazione di Antoine Simon (ingegnere-elettricisti) di PlanetSolar. Come parte di una serata a tema delle fonti energetiche future, il marinaio ha condiviso la sua esperienza a bordo della MS Turanor PlanetSolar con un pubblico appassionato.

I prossimi seguenti è diventato il luogo delle visite scolastiche. L’età compresa dei visitatori è stata tra i 10 e i 18 anni, aprendo al pubblico giovane ad esplorare le viscere del catamarano e le reazioni – nei ragazzi di tutte le età – era la stessa: stupore e ammirazione.

Ai margini delle visite, sono stati allestiti i laboratori per la costruzione di piccole imbarcazioni solari dai più piccoli e le loro opere, esposte presso la CCI (Camera dell’Industria e del Commercio) Côte d’Opale, erano pieni di creatività.

 

Arrivo a Boulogne-sur-Mer

Giovedì 17 aprile, si è svolto il festival Immagini del Mare, Organizzato da Nausicaa, Began. Proiezioni di film dedicati al mondo marino sono stati in programma fino al 21 aprile. In questo contesto è iniziata la distribuzione di Operation Solar, un documentario che ripercorre la spedizione scientifica lungo la Corrente del Golfo nel 2013 condotto dall’Università di Ginevra, a bordo della MS Turanor PlanetSolar.

Grande sorpresa è stata quella di Bernard Abeille, che fa cantare le balene usando il suono del suo contrabbasso (a meno che non siano le balene a far suonare il contrabbasso) ha offerto una serenata a bordo.

Era accompagnato da Claire Flipo che ha suonato il didgerido. Gli strumenti sono stati collocati sul pavimento di carbonio, e lo scafo ha creato cassa di risonanza. E ‘stato un grande momento!

Negli ultimi giorni le visite pubbliche si sono susseguite impiegando il maggior tempo a disposizione per vedere la nave!. L’intero equipaggio era a disposizione per guidare i visitatori attraverso la barca solare.

Sabato 26 aprile si chiusero le porte del catamarano, che guardava felice l’entusiasmo che ha generato nel pubblico, nei media, nonché negli Enti Locali.

In 13 giorni, circa 1.700 visitatori hanno affollato lo scafo al carbonio della nave.

Il sole splendeva a Boulogne-sur-Mer

Dopo la tesi di alcuni giorni di visite intensi, PlanetSolar ha soggiornato a Boulogne-sur-Mer altro mese per sottoporsi ad alcuni ulteriori lavori preparatori.

L’equipaggio ha anche accolto un nuovo membro a bordo: Augustin! Uno studente giovane ed energico, che si basa su Antoine che ha il compito di insegnargli la complessità di PlanetSolar. Lui sta anche imparando ad essere un marinaio, e uno dei primi obiettivi come stagista, quello di avere una perfetta padronanza della macchine del caffè!!!.

Il 25 maggio alle 09:30, PlanetSolar è salpata verso , vicino alla città di Nador, sulla costa settentrionale del .

Il Capitano di PlanetSolar ci parla dallo Stretto di Gibilterra sulla strada per il Marocco!

“L’Inghilterra è alla mia destra e alla mia sinistra c’è la Spagna. Dove sono?

Il più intelligente avrà capito che stava entrando nel Mediterraneo, a Gibilterra, che è l’enclave inglese in Spagna, si trova al nostro nord, mentre Ceuta, l’enclave spagnola in Marocco, si trova a sud.

Ma abbiamo ancora un giorno intero alla nostra destinazione, la laguna Marchica, nei pressi di Nador in Marocco, passando per i rettilinei che ci dà una piacevole sensazione di arrivo. Il tempo è bello, la temperatura è finalmente piacevole e il sito è maestoso, tutto questo è tutto ciò che serve per recuperare subito la stanchezza dopo 11 giorni in mare, soprattutto perché i forti venti del nord lungo la costa portoghese ci hanno permesso di recuperare la maggior parte per il tempo che abbiamo perso nel nostro primo giorno nel Canale nel Canale della Manica.

Questa rapida discesa non è stata sempre rilassante. Dal momento della nostra partenza da Boulogne-sur-Mer, abbiamo navigato lungo diversi percorsi di navigazione. Da Cape to Cape, le navi commerciali sono ora perfettamente organizzate in linee di traffico che sono tenute lontane dalle coste, al fine di evitare potenziali sversamenti di petrolio che possa raggiungere la riva in caso di incidente. La nostra nave, a causa del suo formato, è costretta in alcuni tratti ad utilizzare parzialmente queste rotte, privandoci del fascino di una crociera costiera. E credetemi che le strade sono affollate, e le navi che incrociamo sono enormi. Oggi, le navi che misurano oltre 300 metri sono all’ordine del giorno. Con i forti venti e le onde provenienti da dietro di noi, la nostra nave, le cui superficie può prendere un molto vento, è costantemente sul punto di imbardata e il nostro pilota deve essere estremamente vigile nel confronto dei vascelli mammut che sono vicini a noi, soprattutto perché per qualche strana legge universale sembra che arrivano in serie ed insieme sempre a coppie o gruppi di tre, rendendo in tal modo difficile da manovrare corretamente.

Dopo i nostri turni e prima di provare a dormire un pò, tutti abbiamo portato qualcosa da leggere alla luce rilassante. Personalmente, ho intrapreso i racconti di viaggio dell’esploratore La Perouse, che è stato inviato in un viaggio intorno al mondo nel 1785 da Louis XVI.

Due secoli più tardi, le mappe sono diventate più precise, gli aspetti tecnici della navigazione sono progrediti e non ci sono più problemi con il sestante, l’orologio, le carte di navigazione, ed ora nulla è perduto se il cielo divent troppo nuvoloso. Chi avrebbe potuto prevedere allora che solo pochi decenni dopo, abbiamo potuto osservare l’immagine della nostra barca che si muove lungo la mappa su uno schermo, con un margine di soli pochi metri! Non è strano che voi, navigatori in poltrone resistenti, potete seguire il nostro viaggio nel comfort della propria casa? Provate a immaginare la faccia di Lapérouse (o di qualcuno dell’epoca di Louis XVI, potrebbe evocare la decapitazione) se qualche pazzo gli avesse detto che un giorno, una nave potrebbe viaggiare in tutto il mondo utilizzando solo energia solare!

Sono le 18:00 in una serata di sole, l’acqua è turchese, e una banda allegra di delfini ci accompagna come mentre attraversiamo le Colonne d’Ercole ed entriamo nel Mediterraneo, dove passeremo diversi mesi. Opportunamente, il vento e le correnti sono dalla nostra parte, spingendoci ad una velocità di dieci nodi, questa scena idilliaca viene spezzata da un post da enti locali, tutti che parlano alla radio, avvertendo i navigatori di una piccola zattera alla deriva attraverso lo stretto che porta nove passeggeri clandestini che tentavano di raggiungere l’Europa – un evento che purtroppo è tristemente noto”.

 

Attraverso Gibilterra

PlanetSolar è arrivata a Atalayoun in Marocco il 6 giugno per celebrare il completamento della bonifica della laguna Marchica!

La nave solare è arrivata il 6 giugno pomeriggio a Atalayoun, nella laguna Marchica (Marocco). L’arrivo della nave a questa destinazione dimostra la volontà delle autorità marocchine di promuovere l’uso delle energie rinnovabili nell’ambito di un piano di sviluppo globale per la laguna Marchica. Nel corso di una settimana, il catamarano servirà come hub centrale per eventi mirati a mostrare lo stato di avanzamento di questo progetto.

La sosta è stata anche l’occasione per PlanetSolar di annunciare la sua collaborazione con l’Agenzia in carico dello sviluppo del sito – . In realtà, PlanetSolar gestirà un progetto pilota per l’alimentazione dell’ufficio del porto Marchica adibito a questo compito, che sarà completamente autonomo e senza emissioni di CO2.

Inoltre, MarchicaMed è interessata all’esperienza ed alla competenza di PlanetSolar, perchè vorrebbero utilizzare una flotta di imbarcazioni elettro-solari per il trasporto lagunare.

 

Poche parole del capitano sulla nostra sosta in Marocco ….

Dopo il nostro passaggio e il rapido transito attraverso lo stretto di Gibilterra, il 6 giugno abbiamo raggiunto la nostra destinazione o, più precisamente, siamo arrivati a poche miglia nautiche di fronte al porto di Nador, dove Siamo ancorati nella baia. C’erano dei problemi per arrivare troppo presto alla laguna Marchica in quanto vi era un benvenuto ufficiale che ci attendeva esattamente il giorno dopo a mezzogiorno.

Dopo undici giorni in mare E’ stato un pò frustrante dover soddisfarci di guardare le città di Nador e Melilla da lontano. Mentre la conversazione si rivolse a tutti i ristoranti, ci hanno mandato un tender Zodiac dalla marocchina Royal Navy, guidata da un equipaggio dinamico, per offrirci un couscous gigantesco (il piatto tradizionale del venerdì) a titolo di benvenuto.

Così è andato il programma fino al 7 giugno quando abbiamo imboccato il canale artificiale che dà accesso al grande specchio d’acqua che è la Marchica. Si tratta di una sorta di mare interno che si estende per oltre 20 chilometri e tutto quello che, prima della guerra, quando il Marocco era ancora spagnolo, serviva come base per idrovolanti. In realtà, si può ancora vedere la torre di controllo in fase di restauro.

La laguna, che era diventata una sorta di discarica non autorizzata, è stata oggetto di un gigantesco piano di bonifica dal 2010 che coinvolge la popolazione locale. Oggi, più di 19.000 ettari di mare interno sono stati dedicati a un progetto di un ambizioso obiettivo ecologico per sviluppare il turismo. Lo schema comprende aree naturali protette in cui l’energia sostenibile – energia solare e in particolare – dovrebbe svolgere un ruolo centrale.

Arrivati alle banchine del porto, abbiamo maestosamente ancorato la Turanor PlanetSolar ai pontili della marina Atalayoun tra gli applausi della folla, la musica ed i nostri primi passi sulla terra ferma. E, naturalmente, c’era il tradizionale bicchiere di latte ed i datteri. Un lungo tappeto di 100 metri ci ha portato a una grande tenda eretta per l’occasione, dove ci attendevano quasi 300 persone.

Tuttavia, prima del pranzo (che era al centro delle nostre aspettative) c’è stato il tempo per i discorsi, che sono stati pronunciati in una sorta di atmosfera piuttosto formale. Mentre i funzionari parlavano, il mio turno è stato quello di chiusura, con la spiegazione delle attività da eseguire. Proprio quando ho iniziato a parlare, ho visto alcuni membri della troupe che accennavano delle risatine mentre sedevano a un tavolo vicino. Presto, gli ospiti hanno avuto occhi solo per i miei piedi: avevo lasciato la barca abbastanza rapidamente ed ero ancora in pantofole!

Dopo la tappa nel porto marocchino, la nave salperà verso Monaco per partecipare come ospite della Giuria alla gara di barche solari “Monte Carlo Solar1 Cup”. La nave poi navigherà nelle acque greche, come parte della spedizione “TerraSubmersa”.

Foto:

Agostino Abvoville – Ingegnere stagista

Le immagini della tappa in laguna Marchica

Ufficio della Capitaneria di Porto di Marchica – un grande progetto per PlanetSolar!

 

 

Share and Enjoy

  • Google Plus
  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon

TAGS: Atalayoun Cité de la Voile Eric Tabarly Lorient MarchicaMed marocco MS Turanor PlanetSolar TÛRANOR PlanetSolar

Lascia una risposta

 
Pinterest