La Newsletter di PlanetSolar del 29 Agosto 2014

La Newsletter di PlanetSolar del 29 Agosto 2014

3 set, 2014

Alla scoperta del Mediterraneo, la ed i paesaggi preistorici sommersi

Fonte: Turanor PlanetSolar

 

29 agosto 2014.

Ciao a tutti,

Dalla nostra ultima newsletter, il catamarano a energia solare ha viaggiato molto attraverso il Mediterraneo, godendo il meglio che ha da offrire. La MS Turanor PlanetSolar è stata inondata di sole, che le ha permesso di compiere tutte le missioni previste.

Se, come la squadra di terra di PlanetSolar con sede in Svizzera, ti sei perso l’Anticiclone delle Azzorre – cosa che significa che hai avuto una brutta estate (ndr: come noi a Milano) – qui è stata una grande occasione per fare il pieno di sole e di clima caldo. Per il resto di voi (pochi fortunati!), è stata anche l’occasione per scoprire i paesaggi del Mediterraneo, soprattutto i paesaggi preistorici che sono sommersi nel Golfo di Argolide (Grecia).

 

“Missione Gulf Stream”: trasmissione del documentario della spedizione Deepwater su RTS 1

Ecco alcune notizie per i nostri lettori anglofoni: domenica, 31 agosto “Mission Gulf Stream”, un documentario che copre “PlanetSolar Deepwater”, la missione scientifica guidata dal PlanetSolar nel 2013 e l’Università di Ginevra (UNIGE) è stato  trasmesso su RTS 1 alle 11:10.

 

Nelle isole Baleari, l’equipaggio pensò di aver visto un Mnemiopsis

Quando una nave attraversa il mare con una stiva vuota, alcuni dei suoi compartimenti spesso devono essere riempiti con acqua di mare per garantire che la nave resti stabile. L’acqua di zavorra viene poi scaricata all’arrivo, con il risultato che alcune specie animali possono essere trasportate lontano dal loro luogo di origine. Questo tipo di globalizzazione può avere conseguenze impreviste: Mnemiopsis, ad esempio, sono apparse e proliferate in alcune acque europee. Conosciute anche come le noci di mare, uno sguardo alle Mnemiopsis la vedono come piccola, meduse a forma di campana e sono alte circa 5 cm; il problema è che prosperano sulle larve di pesci e non hanno predatori.

Il Nausicaa Centre National de la Mer a Boulogne (Francia) ci ha allestito con una rete di maglia molto fine che può prendere le Mnemiopsis. Condizioni del mare permettendo, bisogna trainare la rete a bassa velocità per 20 minuti ogni giorno. A forma di imbuto, la rete raccoglie le creature in un piccolo contenitore che poi svuotiamo in un acquario altamente trasparente in modo che possiamo prendere le foto, che dobbiamo quindi inviare al laboratorio. L’ampia conca a poppa rende l’intera manovra molto semplice, con TPS che dimostra ancora una volta la sua capacità di adattarsi alle più diverse missioni. Fino ad ora (dato che, cioè, abbiamo lasciato Marchica) la nostra pesca è sempre stata ricca di larve e strani animaletti – e, purtroppo, frammenti di plastica; ma non abbiamo trovato alcuna traccia dell’indesiderata Mnemiopsis.

 

Sotto il sole di Monaco con la gara Solar1 e poi, attraverso il Mar Mediterraneo

Per tre giorni, dal 10 al 12 luglio compreso, Monaco è stata dedicata alle regate solari organizzate da Solar1, durante la quale TPS è servita come barca per la stampa e per i VIP. La vista di come svilovano queste lucciole nei vasi senza suono o turbolenza era veramente spettacolare. TPS sembrava una chioccia circondata dai suoi pulcini.

In serata, TPS ha catturato l’attenzione ancorata al magnifico ed appena inaugurato Monaco Yacht Club, un edificio a forma di gigantesco yacht a motore.

Domenica 13 luglio tutti i grandi yacht presenti suonavano le sirene per salutarci, rendendo la nostra partenza molto emotiva. Entrando nel bacino, abbiamo fatto un giro di 360 gradi per il nostro saluto d’addio.

Il 15 luglio, alle 09:00, TPS ha attraversato la splendida Passe des Sanguinaires, che segna l’ingresso nord della baia di Ajaccio. Il sole era ancora basso all’orizzonte, che ha portato in una perfetta luce magica. Avevamo lasciato la nostra barca alla Baia di Mentone appena 21 ore prima, godendo di un passaggio rapido e confortevole, con sole, mare calmo. Il Mediterraneo al suo meglio.

La nostra prossima tappa è Corinto, in Grecia, ma dal momento che abbiamo molto tempo per raggiungerla, abbiamo deciso di fare una sosta nella baia di Ajaccio. I nostri piani di ormeggiare con discrezione, però, non avevano preso in considerazione l’ospitalità corsa, e in effetti l’ufficio del sindaco ha preso accordi sorprendenti per questa fermata del tutto spontanea, con l’invito a ormeggiare al molo principale e di partecipare al fantastico buffet che avevano impostato lassù.

Poi, continuiamo il nostro percorso. Attraversando il Mediterraneo durante l’estate, dalla Corsica alla Grecia, pur sperando che il mare non ci pianti uno dei suoi famosi attacchi, è un’esperienza che non si può perdere. E’ meglio a bordo di una barca a motore, piuttosto che di una barca a vela, e TPS è la nave perfetta: nessun rumore, nessuna vibrazione …

 

La traversata del Canale di Corinto

Il Canale di Corinto può essere meno conosciuto rispetto ai suoi fratelli maggiori, Suez e Panama, è anche più breve (ha soli 6 km di lunghezza), ma passare con la PlanetSolar resta sempre un ricordo intenso. Pur sapendo quello che era previsto, vi posso assicurare che i quattro o cinque metri che ci separavano dalla riva sembravano molto piccoli dal ponte solare! Anche se era uno spettacolo imponente per l’equipaggio, i circa 70 minuti che ci sono voluti per passare attraverso il canale non sono stati i momenti più rilassanti del nostro viaggio!

E alla sera, quando abbiamo visto alcune delle foto che erano già state pubblicate su internet, eravamo pieni di invidia per gli spettatori che guardavano mentre noi passiamo lungo la parte inferiore di questo incredibilmente ripido taglio della cima di un ponte.

 

Expedition!

Eretria

Dopo un passaggio spettacolare attraverso il canale di Corinto, il catamarano ha ancorato a Eretria il 31 luglio. Questo ha segnato l’inizio della spedizione TerraSubmersa, guidato dal l’Università di Ginevra (UNIGE).

Eretria, una piccola città sulla costa occidentale dell’isola di Eubea, è la culla della ricerca archeologica condotta dalla Scuola svizzera di archeologia in Grecia (ESAG). Il più grande catamarano a energia solare sulla Terra si fermò lì per celebrare il cinquantesimo anniversario degli scavi archeologici in loco dell’ente svizzero.

La barca aveva appena gettato l’ancora quando iniziarono i festeggiamenti. Le autorità locali, l’ambasciatore svizzero in Grecia, e il direttore della Scuola svizzera di archeologia si sono fermati per accogliere la nave e il suo equipaggio. Quella sera, PlanetSolar ha ricevuto un benvenuto ufficiale nella piazza del paese, durante le feste in onore di Konstantinos Kanaris, un eroe dell’indipendenza greca. L’equipaggio è stato invitato a un sontuoso banchetto, dove abbiamo goduto di specialità greche.

Il giorno dopo, 1 ° agosto, la barca è stata aperta al pubblico. In poco meno di tre ore, più di 300 persone hanno camminato attraverso il ponte solare. I visitatori sono stati deliziati, e alcuni hanno anche portato regali, come caramelle, cioccolato, e anche Ouzo (una tipica bevanda alcolica greca). Quella sera, la barca era di nuovo aperta al pubblico, durante un evento che ha celebrato la Svizzera così come l’ESAG. Tradizionale danza greca cervelas, discorsi, alla griglia … è stata una grande festa!

Il 2 agosto, alle 8:30, la nave partì. Ha salutato la città di Eretria con un ultimo suono di sirena, rompendo il silenzio del mattino, e probabilmente risvegliando i suoi abitanti … oops!

 

Sulla strada per

Il 2 agosto è stata una navigazione tranquilla, con il sole che splendeva in un bel cielo blu, e un accenno di nuvole ad ogni ora che offrivano anche alcuni piacevoli momenti di ombra.

Ci siamo fermati a Cape Sonion nel tardo pomeriggio, dove le rovine del tempio di Poseidone torreggiavano cinquanta metri sopra di noi. Siamo saliti sulla nostra barca a remi per scattare alcune foto.

© Foto George Nomiko – 2014

Abbiamo lasciato l’ancora in un bel torrente vicino nella notte. I primi raggi del mattino hanno contrassegnato la nostra partenza per Atene.

 

Atene

In contrasto con la giornata di navigazione calma del 2 agosto, (abbiamo attraversato solo percorsi con una manciata di barche a vela), il giorno dopo abbiamo vissuto un po’ di caos. Avvicinandosi alla capitale ed al principale porto del paese, il traffico si è intensificato e ci siamo trovati più in mare aperto. Condividiamo le acque con petroliere, traghetti, e altri grandi navi, e facciamo la nostra strada attraverso un paesaggio sempre più urbano. Alle 02:00 dell 3 agosto, il catamarano è arrivato al Zea Marina, nel porto del Pireo ad Atene. Condividendo il molo con i super-yacht e le magnifiche barche a vela, PlanetSolar ancora una volta sembrava un UFO (oggetto galleggiante non identificato).

Lunedi mattina, 4 agosto, l’itinerario ufficiale della tappa iniziava con una conferenza stampa. (Ministro greco della Cultura), Gérard d’Aboville (Capitano), (), (Professore presso il dipartimento UNIGE di ), parlavano con un pubblico che ascoltava attentamente mentre i giornalisti scattavano delle foto. Il pomeriggio è stato completato con una visita a bordo da Giannis Maniatis, il Ministro greco dell’Ambiente, Energia e Cambiamenti Climatici, insieme a Walter Steinmann, Direttore dell’Ufficio Federale dell’Energia.

Alle 19:00, la nave si riempì. Infatti, nel corso della serata, che è stata organizzata dall’Ambasciata di Svizzera in Grecia, circa 400 persone a bordo sono venute a visitare la nave in poco meno di tre ore. L’equipaggio e il team UNIGE si sono pienamente mobilitati, segnalando in punti strategici intorno alla nave il percorso per aiutare a orientare i visitatori. La gestione della folla è un’arte! Si tratta di fare che il flusso di visitatori sia continuo, ma fluido, senza colli di bottiglia, il tutto mentre rende l’esperienza piacevole e sicura per ogni ospite. Missione compiuta!

Il 5 agosto i visitatori sono ritornati in una serie di visite di gruppo al ponte solare. Dimitris Sakellariou, del Centro Ellenico per la Ricerca Marittima, un partner nella spedizione TerraSubmersa, è salito a bordo con il suo team per discutere gli ultimi dettagli tecnici riguardanti l’installazione di strumenti scientifici sul catamarano. La fase di ricerca si avvicina …

La mattina del 6 agosto, la nave lascia il Pireo e parte per Nafplio …!

 

Da Atene a Napflio

In rotta verso Nafplio, la Turanor PlanetSolar ha bevuto il sole e corre attraverso il magnifico sfondo greco. Sorprendentemente, e di breve durata, una tempesta colpisce gli 800 pannelli solari della nave. Anche se generalmente cerchiamo il sole, la pioggia era una tregua di benvenuto per l’equipaggio, che aveva lavorato per due settimane nel caldo torrido.

La nave ormeggiata per la notte vicino all’isola di Spetses, che era affascinante, ma invasa da turisti, poi continuò il suo viaggio il giorno successivo navigando lungo la pittoresca costa Poros.

 

Nafplio

Arriviamo a Nafplio, nel , nel pomeriggio del 7 agosto. Questa elegante città di case dai colori vivaci, con il suo dedalo di ripide stradine lastricate, una volta era la capitale della Grecia (1823-1834). Oggi, la città, che è considerata il Golfo di Gem coronamento di Argolide, attira migliaia di turisti durante l’alta stagione. E’ un radicale cambiamento rispetto all’imponente porto del Pireo.

Il cielo è coperto e minaccioso, ma questo non fermerà alle delegazioni svizzere – gli alunni UNIGE – da partire in crociera per poche ore in catamarano, giusto il tempo di godere di una nuotata nelle acque limpide del Golfo. Cosa potrebbe esserci di meglio di immersioni al largo della più grande nave a energia solare al mondo, con lo sfondo dell’idilliaca campagna greca?

Il giorno dopo, 8 agosto, la MS Turanor PlanetSolar accoglie ancora una volta centinaia di visitatori a bordo. Meno male! Quella sera, la barca ospita un evento organizzato dal DOPPAT (il Comune locale) e come grande sorpresa, la moglie del primo ministro Antonis Samaras, ci onora con la sua presenza. Di tutte le fermate di PlanetSolar, non ci sono mai stati tanti politici desiderosi di salire a bordo come in Grecia!

La serata si conclude alle 11:00. E ‘anche la fine della fase di promozione e comunicazione della spedizione TerraSubmersa. In meno di 10 giorni, più di 2.300 persone hanno visitato la barca ad energia solare, se i membri del pubblico, capi politici e scientifici e media. Un vero successo!

Ora è il momento della scienza, perché anche se è divertente sfilare con la MS Turanor PlanetSolar di fronte a folle ammirazione, non dobbiamo dimenticare che siamo venuti in Grecia per una missione ben precisa: alla scoperta di paesaggi preistorici sommersi.

 

Kiladha

Il 10 agosto, partiamo da Nafplio per Kiladha, solo poche ore di distanza fino a dove sarà il nostro luogo di ricerca per le prossime due settimane.

Lunedì 11 agosto siamo arrivati e la barca ad energia solare inizia le sue indagini nella baia, insieme al Alkyon, la barca del Centro ellenico per la Maritime Research. E’ così caldo … 42 ° C, ma questo non scoraggiare la determinazione comune dei marinai e archeologi per scoprire i segreti della baia. Abbiamo raccolto le nostre prime impressioni:

“La prima volta che ho pensato di prendere misure geofisiche nella baia di Kiladha, più di due anni fa, non avevo ancora in mente PlanetSolar. Ho conosciuto Dimitris Sakellariou, un geologo greco che si è specializzato nella ricerca marittima, a Roma, nell’autunno del 2012, durante un workshop sui paesaggi preistorici sommersi – il progetto è nato da quell’incontro. Poi, Jean-Dominique Vassalli, rettore dell’Università di Ginevra, ha fatto il collegamento con la più grande barca a energia solare di ricerca nel mondo. Ed eccoci qui; circondata dalle profonde acque blu del golfo di Nauplia. Gli strumenti sono stati installati a bordo, il caratteristico suono “ping” del eco-sonar risuona sul ponte posteriore. La parte scientifica del TerraSubmersa comincia … “- ha detto , capo della spedizione.

“La nostra missione è iniziata sotto un cielo plumbeo e su un mare oleoso, condizioni perfette per TPS, che galleggia se stessa sui kilowatt e scivola senza sforzo nella Baia di Kiladha. I nostri strumenti di misurazione galleggiano nella nostra scia. Una piccola piattaforma che tiriamo emette una sorta di martellante suono, come il battito di un cuore perfettamente regolare, un’onda che colpisce il fondo del mare e il cui riverbero viene fatto risalire attraverso gli schermi che quattro scienziati greci di nuovo nella marina scrutano. In alto, nella timoneria, Brieuc naviga proprio contro una scogliera … Tutto il giorno, seguiamo percorsi predeterminati, alla velocità perfettamente controllata e curve precise di velisti esperti. Siamo entrati nel vivo della questione, e anche se spesso è meglio tenere il labbro superiore rigido di un soldato, questo non è il momento della fiducia nella calma apparente; sentiamo un senso di eccitazione sotto la superficie, mentre continuiamo su questa particolarissima caccia al tesoro e ogni membro si augura che la missione di TerraSubmersa riuscirà a scavare un po’ di segreti profondi della baia” – ha detto Gérard d’Aboville, Capitano della nave

I giorni si susseguono, ma non si sentono simili. La ricerca è in pieno svolgimento, dopo 11 giorni di lavoro gli archeologi sono già stati in grado di trarre conclusioni affascinanti dal fondo marino. In realtà, mappando i fondali, i ricercatori hanno trovato paleobeaches risalenti a diversi periodi nella preistoria. Tutti gli indizi portano a credere che queste spiagge sono state visitate dagli utenti della grotta Franchti, in cui gli scienziati hanno recuperato conchiglie e ossa di pesce. Inoltre, gli errori che indicano spostamenti tettonici nel Golfo dell’Argolide sono stati rilevati con l’eco-sonar installato a bordo della nave a energia solare. Questi errori potrebbero spiegare la differenza di profondità delle paleobeaches.

Sabato, 23 agosto è finita. La nave sembra stranamente vuota. La barca si allontana lentamente dalla Baia di Kiladha, la sua ultima tappa in Grecia.

Dopo aver trascorso più di un mese nella Repubblica ellenica, la partenza è agrodolce per la MS Turanor PlanetSolar e il suo equipaggio. Ora, la nave è sulla sua strada per la sua prossima tappa. Dove? La splendida città di Venezia! Ma dovrete essere pazienti per ulteriori informazioni su questa tappa nella città dei Dogi.

Ma poiché PlanetSolar non è avara, ecco un ultimo piccolo regalo: alcune immagini aeree della nave in Grecia, girate da un nuovo membro della nostra “Souris Verte” troupe, un drone.

Attenzione: queste immagini possono essere molto coinvolgenti!

PlanetSolar ringrazia vivamente i suoi 2.014 partner!

Per realizzare con successo questa campagna 2014, siamo in grado di contare sullo straordinario supporto dei nostri partner: Università di Ginevra, Ciel Electricité, MiniJOULE, BioApply, Pharmalp, Gotec, Présence Suisse, Alpi CleanTech, Policlinique médicale universitaire PMU, Yello.

 


Share and Enjoy

  • Google Plus
  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon

TAGS: Archeologia Classica atene Gérard d'Aboville grecia Jean-Dominique Vassalli Julien Beck Konstantinos Tassoulas Lorenz Baumer Ministro Cultura Grecia peloponneso Professore Dipartimento UNIGE Rettore UNIGE TerraSubmersa turanor planet solar

Lascia una risposta

 
Pinterest