Cosa motiva gli studenti a sviluppare un’auto solare?

Cosa motiva gli studenti a sviluppare un’auto solare?

20 gen, 2016

di Stephen Edelstein

Fonte: GreenCarReports

 

18 Gennaio 2016. Ogni due anni, gli studenti provenienti da tutto il mondo convergono in per correre con le automobili solari in tutto il continente.

Nel (WSC), competono per vedere quali auto solari appositamente costruiti sono più efficiente ne percorso di oltre 3.000 chilometri (1.860 miglia) sul viaggio tra le coste settentrionali e meridionali dell’Australia.

Come in ogni gara, il WSC può essere tanto di una prova di resistenza per gli equipaggi di supporto come lo è per i piloti che guidano le auto solari.

Le squadre che gareggiano vivono all’ombra delle loro auto durante l’evento di cinque giorni e devono risolvere gli eventuali problemi nel campo.

Quindi, cosa motiva gli studenti a gareggiare con le auto solari da corsa?

Due membri del team di – che hanno concluso sesti nell’evento 2015 – l’hanno spiegato in una recente intervista con il quotidiano di Stanford.

e sono entrambi anziani all’università e si sono occupani nella corsa dei sistemi di telemetria per l’auto della Stanford durante il WSC 2015 dello scorso ottobre.

Hanno apprezzato il cameratismo esistente intraprendendo il trekking di cinque giorni in tutta l’Australia, hanno detto, sia tra le 40 persone del team di Stanford e il più ampio gruppo di circa 1.300 studenti che hanno partecipato alla manifestazione generale.

Nel 2015, 40 squadre provenienti da 20 paesi sono entrate all’evento.

Il programma di auto solare presenta anche agli studenti l’opportunità di fare qualcosa di molto al di fuori della loro esperienza in classe normale. Gli studenti universitari prendono la maggior parte delle decisioni quando si tratta di team operativo, ha osservato Josund.

“Davvero ti dà una prospettiva diversa dal tipo di cose che si possono fare nel mondo del lavoro”, ha detto Fiore di questa esperienza, aggiungendo che “cambia la vita”.

Fare il camping australiano non è qualcosa che la maggior parte degli studenti arriva a fare come parte di un curriculum standard.

“Eravamo così lontano dalle luci che abbiamo potuto vedere le stelle”, ha detto Josund, “ed erano incredibili”.

Ha gareggiato nella classe Challenger – che presenta le più alte prestazioni delle vetture monoposto.

Mentre il loro sesto posto 2015 era più in basso a quello che la squadra aveva ottenuto nel 2013, Stanford ha finito con un minore divario tra la sua auto e il vincitore rispetto alla gara precedente.

Il team di Stanford ha anche raggiunto il proprio obiettivo di un 10 per cento di miglioramento dell’efficienza.

Il prossimo World Solar Challenge si svolgerà nel 2017, e la Stanford sarà presumibilmente di nuovo per migliorare la propria performance e anche di più.

.

Share and Enjoy

  • Google Plus
  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon

TAGS: adelaide australia darwin Gawan Fiore Kelsey Josund solar car Stanford Solar Car world solar challenge

Lascia una risposta

 
Pinterest