AFASE, i problemi del solare e la UE

AFASE, i problemi del solare e la UE

9 set, 2012

L’industria solare chiede alla Commissione Europea di opporsi al protezionismo nel settore fotovoltaico

L’Alleanza per un’Energia Solare Accessibile () avverte che una guerra commerciale metterebbe a rischio migliaia di posti di lavoro nell’industria europea del solare

Fonte: AFASE

Bruxelles, Belgio. 6 Settembre 2012. L’Alleanza per un’Energia Solare Accessibile (AFASE) chiede alla Commissione europea di difendere il libero scambio per salvaguardare i posti di lavoro del settore e sostenere l’ulteriore crescita ed il progresso dell’industria fotovoltaica. Con questo appello per il mercato aperto, AFASE risponde alla notizia pubblicata oggi dalla Commissione Europea relativa all’avvio del procedimento anti-dumping sui pannelli fotovoltaici cinesi. Alcune aziende europee avevano infatti presentato una denuncia antidumping all’UE alla fine di luglio.

“Il libero scambio è stato uno dei fattori che ha consentito all’industria fotovoltaica europea di svilupparsi rapidamente. In un momento in cui i governi europei stanno riducendo gli incentivi per l’energia solare, eventuali barriere commerciali potrebbero far aumentare i costi e danneggiare irrimediabilmente la competitività di questa fonte di energia”, afferma , CEO dell’azienda tedesca ed affiliato ad AFASE. “Di conseguenza, chiediamo alla Commissione Europea di considerare i gravi danni che eventuali dazi causerebbero all’intera industria europea del solare”.

L’accresciuta efficienza dei costi è stato uno dei fattori determinanti per il successo del settore europeo del fotovoltaico, consentendo all’energia solare di avvicinarsi al raggiungimento della grid parity in diversi paesi – a beneficio dei consumatori, dell’economia e dell’ambiente. Eventuali barriere commerciali condurrebbero ad un aumento dei prezzi che avrebbe un impatto deleterio specialmente sulle piccole e medie imprese fotovoltaiche in Europa e distruggerebbe migliaia di posti di lavoro a monte e a valle dell’industria solare.

“Il nostro settore dà lavoro a circa 300.000 persone in Europa. Fornitori di materie prime, produttori di attrezzature, sviluppatori di progetto, fornitori, costruttori, installatori e manutentori sarebbero colpiti da un ingiusto tentativo di proteggere pochi produttori che rappresentano soltanto una piccola parte dell’intera catena del valore”, afferma , CEO di , azienda italiana distributrice di moduli fotovoltaici, affiliata ad AFASE.

AFASE ha inoltre mostrato una crescente preoccupazione riguardo al pericolo di una guerra commerciale tra Europa e Cina.

“Andare verso il protezionismo economico è una scelta miope, non soltanto nel settore solare ma in qualsiasi campo”, ha affermato Thorsten Preugschas. “Danneggerebbe sia la crescita economica che l’equilibrio finanziario globale. Di conseguenza, pensiamo sia cruciale che tutti i player del mercato globale provino a risolvere insieme e costruttivamente le attuali difficoltà, piuttosto che procedere attraverso azioni unilaterali”.

 

AFASE – Chi siamo

L’Alleanza per un’Energia Solare Accessibile (AFASE) è composta da un gruppo di aziende attive in Europa nel settore del fotovoltaico e conta oltre 90 membri, rappresentanti, tra gli altri, fornitori di materie prime, produttori di attrezzature, sviluppatori di progetto, installatori e aziende di servizi di manutenzione. L’alleanza, che genera più di 7,5 miliardi di euro di volume d’affari annuo, è stata fondata da alcune aziende fotovoltaiche globali che perseguono lo scopo comune di rendere l’energia solare europea competitiva e accessibile.

 

Share and Enjoy

  • Google Plus
  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon

TAGS: afase Coenergia Giulio Arletti politica Soventix Thorsten Preugschas unione europea

Lascia una risposta

 
Pinterest