Piani Daimler per più di dieci veicoli elettrici entro il 2022

Piani Daimler per più di dieci veicoli elettrici entro il 2022

14 ott, 2017

Tutti i sistemi sono pronti

Fonte: Daimler AG

 

Stoccarda, Germania. Ottobre 2017. Sulla strada della guida senza emissioni locali, Daimler continua a perseguire una strategia di sistema a tre corsie che coinvolge veicoli elettrici, modelli ibridi e motori a combustione. La società sta intraprendendo un approccio olistico all’elettrificazione sotto la nuova tecnologia EQ ed il marchio di prodotto. Oltre a sviluppare una famiglia modulare di veicoli, ci sarà un ecosistema completo che include l’infrastruttura di ricarica richiesta.

“Tutti i sistemi sono pronti, stiamo investendo più di dieci miliardi di euro nello sviluppo del nostro portafoglio di veicoli EQ”, afferma , e dall’inizio dell’anno. “Entro il 2022 porteremo in commercio più di dieci diversi veicoli elettrici. Inoltre, elettrificheremo l’intero portafoglio Mercedes Benz ed i nostri clienti avranno così la possibilità di scegliere almeno un’alternativa elettrica in ogni serie di Mercedes Benz, un totale complessivo di 50 veicoli”.

Quando si tratta del futuro della mobilità, Daimler si basa su diverse tecnologie che continuereanno a coesistere. Queste sono adattate in modo ottimale alle specifiche esigenze del cliente ed ai modelli di veicoli.

Ola Källenius: “Stiamo ponendo l’accento sui motori a combustione high-tech ad alta efficienza, l’ibridazione sistematica ed i sistemi di azionamento a batteria elettrica o a carburante. Il nostro approccio è deliberatamente ampio in considerazione del nostro ampio portafoglio veicoli e dei requisiti di mobilità dei nostri clienti.”

Road # 1: Il pioniere elettrico Mercedes-Benz si basa sulla mobilità senza CO2

L’azionamento elettrico Smart fortwo ha reso Daimler il primo costruttore ad offrire un veicolo elettrico prodotto in serie nel 2007. Oggi la quarta generazione della Smart elettrica sta rendendo l’entrata nel mondo dell’elettromobilità più attraente che mai. A seguito della coupé Smart fortwo e Smart forfour (consumo elettrico combinato: 12,9/13,1 kWh/100 km, emissioni CO2 combinate: 0g /km), Smart fortwo cabrio con azionamento elettrico (consumo elettrico combinato: 13,0 kWh/100 km) ha fatto il suo debutto nell’estate 2017. Ora Smart sta progettando di essere il primo marchio automobilistico a passare sistematicamente dal motore a combustione al sistema di azionamento elettrico. Dal 2020 l’azienda intende vendere esclusivamente modelli Smarti con azionamento elettrico in Europa e negli Stati Uniti.

Lo studio di design offre uno sguardo ad un futuro più lontano. Illustra una nuova soluzione per il trasporto pubblico locale personalizzato, altamente flessibile e altamente efficiente. L’energia elettrica dell’EQ presenta un concetto coerente per il futuro della mobilità urbana e il futuro della condivisione dell’auto.

Mercedes-Benz sta seguendo un approccio olistico all’elettrificazione del propulsore. La società sta sviluppando anche il marchio EQ in un ecosistema olistico che, accanto alla stessa famiglia elettrica dei veicoli, comprende anche un’offerta complete di EV. Ciò si estende da servizi intelligenti e unità di stoccaggio di energia per i clienti privati ​​e commerciali a tecnologie di ricarica e riciclaggio sostenibile.

Un passo importante è lo sviluppo di un’architettura di veicoli elettrici multi-modello per veicoli a batteria. Il primo modello di serie prodotto dal nuovo marchio EQ, l’EQC, è destinato ad essere prodotto presso l’impianto Mercedes-Benz di Brema dal 2019.

Con la Concept EQA presentata al Salone Internazionale dell’Automobile IAA di Francoforte, Mercedes-Benz ha dimostrato come la strategia EQ possa essere tradotta nella classe compatta. Con un motore elettrico sull’assale anteriore e uno sul retro, quest’atleta elettrico ha un’uscita di sistema di oltre 200 kW. Le caratteristiche dell’azionamento possono essere alterate variando la distribuzione della coppia anteriore a quella posteriore della trazione integrale permanente. La Concept EQA mostra quale programma di azionamento è stato selezionato in una gamma virtuale unica.

Con i veicoli di pre-produzione GLC F-CELL, Daimler invia anche un segnale chiaro sul futuro della tecnologia delle celle a combustibile. I veicoli svelati all’IAA rappresentano il primo mondo in cui un’auto elettrica ad azionamento a carburante utilizza una batteria agli ioni di litio come fonte di energia aggiuntiva. Questo può essere caricato esternamente tramite la tecnologia plug-in. Attraverso un’interazione intelligente, le due fonti energetiche guidano il motore elettrico offrendo il piacere di guida zero emissioni locali. Altri vantaggi di questi veicoli elettrici familiari ad alta efficienza, di alta pratica quotidiana, sono la lunga autonomia, tempi brevi di rifornimento, una potenza di 147 kW (200 CV) e l’ultima generazione di sistemi di assistenza con funzionalità specifiche per l’azionamento.

Anche per i veicoli commerciali, in futuro saranno disponibili sistemi di azionamento elettrici senza emissione locali in tutti i segmenti: il FUSO eCanter per i trasporti di distribuzione leggera in Europa, Asia e America e il camion Mercedes-Benz elettrico per la distribuzione pesante.

Negli Stati Uniti, sta lavorando ad un elettrico per il trasporto a lunga distanza. Nel 2018 il primo autobus urbano elettrico entrerà in produzione di serie. Mercedes-Benz Vans sta sviluppando i furgoni di serie Vito e Sprinter completamente elettrici. Il loro primo partner è già confermato sotto forma della società di logistica Hermes.

Road # 2: l’ampia gamma di ibridi plug-in viene ulteriormente ampliata con gli Ibridi plug-in che rappresentano una tecnologia chiave su strada per un futuro senza emissioni locali dei veicolo a motore.

Questo perché offrono ai clienti il ​​meglio di entrambi i mondi; in città possono essere guidati in modalità completamente elettrica, mentre su lunghi viaggi beneficiano dell’autonomia del motore a combustione.

Per sottolineare l’importante ruolo degli ibridi nel processo di elettrificazione dell’auto, i modelli plug-in di Mercedes-Benz in futuro avranno il distintivo della tecnologia Power EQ. Perché i punti di forza più importanti degli ibridi plug-in sono sui veicoli che circolano su percorsi misti, Mercedes-Benz sta optando per questo concetto di propulsione di forza dalla classe C verso l’alto.

L’iniziativa ibrida strategica è decisamente facilitata dal concetto ibrido intelligente e modulare di Mercedes-Benz: progettato per essere scalabile, può essere trasferito ad un gran numero di modelli di serie e stili di carrozzeria nonché di varianti di guida a sinistra e destra.

Dopo la C 350 e* (salon, estate e versione a passo lungo per il mercato cinese), Mercedes-Benz sta portando sul mercato GLE 500e 4MATIC*, GLC 350e 4MATIC*, GLC Coupé 350e 4MATIC* e E 350e*, il nuovo S 560e* (* consumo combinato di carburante: 3,3-2,1 l/100 km, emissioni di CO2 combinate: 78-48 g/km, consumo elettrico combinato: 16,7-11,0 kWh/100 km), successore alla S 500 e ottavo modello plug-in.

Il sistema di azionamento ibrido della S560 unisce i 270 kW (367 CV) del motore a benzina V6 con una potenza elettrica di 90 kW. La trasmissione ibrida di terza generazione si è evoluta sulla base della trasmissione automatica 9G-TRONIC PLUS.

Il convertitore di coppia, la frizione e il motore elettrico sono alloggiati nell’innovativa unità di azionamento ibrida. Il design compatto è stato ottenuto integrando e collegando la frizione separatrice, la serranda a vibrazione torsionale e la frizione di bloccaggio del convertitore di coppia all’interno del rotore del motore elettrico.

Il convertitore di coppia con il suo potente e altamente efficiente circuito idraulico offre la consueta morbidezza quando si usa in modalità ibrida. Inoltre, l’ibrido Citaro vede Mercedes-Benz aprire un nuovo capitolo nei sistemi di azionamento per gli autobus urbani. Per la prima volta in tutto il mondo, la tecnologia ibrida è disponibile come attrezzatura speciale per una gamma straordinariamente ampia di autobus urbani con motori diesel e benzina piuttosto che per modelli distinti.

In questo modo, numerosi modelli beneficiano dei vantaggi.

In combinazione con il sistema di sterzo elettroidraulico altrettanto nuovo, il sistema di azionamento ibrido di Citaro riduce il consumo di carburante di un bus già noto per la sua efficienza fino ad un ulteriore 8,5% a seconda dell’applicazione e della superficie del veicolo.

Road # 3: L’alta efficienza interna ed i motori a combustione Mercedes-Benz attribuiscono un’importanza fondamentale all’ottimizzazione dei moderni motori a combustione interna nella loro mappa stradale della mobilità sostenibile.

In particolare, l’economico motore diesel pulito, contribuisce particolarmente in Europa in modo significativo all’ulteriore riduzione del consumo delle flotte. Il nuovo motore diesel a quattro cilindri OM 654 ha segnato il debutto di una famiglia di motori innovativi di Mercedes-Benz. È il primo motore diesel da trasporto passeggeri a utilizzare il processo di combustione a gradini a ciotola – prende il nome dalla forma della camera di combustione nel pistone.

Le innovazioni comprendono anche la combinazione dei blocchi motore in alluminio ed i pistoni in acciaio nonché il rivestimento a parete NANOSLIDE. La nuova quattro cilindri OM 654 ha celebrato la sua prima mondiale nell’E 220d (consumo combinato di combustibile: 3.9 l/100 km, emissioni di CO2 combinate: 102 g/km) dalla nuova classe E nella primavera 2016.

Il nuovo motore consuma circa il 13 percento in meno di carburante rispetto al suo predecessore in un veicolo comparabile. Il nuovo motore diesel a sei cilindri in linea è stato premiato in due classi di produzione: Mercedes-Benz S 350d che ha una potenza di 210 kW (286 CV) e 600 Nm (consumo combinato di carburante: 5,1 l/100 km; emissioni: 134 g/km).

Quello della S400 d con 250 kW (340 CV) e 700 Nm è il più potente motore diesel di serie mai offerto da Mercedes-Benz (consumo combinato di combustibile: 5.2 l/100 km, emissioni di CO2 combinate: 135 g/km) .

I nuovi motori a benzina da sei o quattro cilindri puntano verso la strada al futuro del motore a combustione: comprendono tecnologie di rintracciamento come l’alternatore di avviamento (EQ Boost), un sistema elettrico a bordo da 48 volt e un compressore elettrico a sei cilindri. Il nuovo motore a sei cilindri in linea, sistematicamente elettrificato, arriva alla linea di partenza in due livelli di uscita. Nella Mercedes-Benz S 450 (anche in allestimento 4MATIC) genera 270 kW (367 CV) e 500 Nm di coppia (consumo combinato: 6,6 l/100 km, emissioni CO2 combinate: 150 g/km). La S 500 ha una potenza di 320 kW (435 CV) e 520 Nm (consumo combinato di combustibile: 6.6 l/100 km, emissioni di CO2 combinate: 150 g/km).

Per un breve periodo, EQ Boost, una caratteristica dell’alternatore integrato, rende disponibili ulteriori 250 Nm di coppia e 16 kW di potenza. Rispetto la precedente S500 con motore V8, è stato possibile ridurre le emissioni di CO2 del motore di circa il 22%.

Accanto, a fare il suo debutto è la nuova generazione del motore a benzina quattro cilindri (M 264) con un rapporto tra volume e potenza di oltre 100 kW al litro.

L’utilizzo di un alternatore di avviamento a cinghia con un sistema elettrico a bordo da 48 Volt segna un ulteriore passo verso l’elettrificazione del sistema di azionamento e facilita funzioni quali spinta, spostamento con motore spento e recupero di eneregia.

Come nel motore a sei cilindri, il nuovo motore a otto cilindri ha celebrato la sua première nella classe S. Il nuovo gruppo turbo gemellato è tra i motori a benzina V8 più economici al mondo e consuma fino al 6% meno di carburante rispetto al suo predecessore.

Nel tentativo di abbassare il consumo di carburante, quattro cilindri della nuova V8 vengono disattivati ​​contemporaneamente sotto carico parziale grazie al sistema di regolazione della valvola CAMTRONIC.

La nuova V8 genera 345 kW (469 CV) e 700 Nm ed è disponibile come Mercedes-Benz S 560 (consumo combinato di carburante: 8,5-7,9 l/100 km, emissioni di CO2 combinate: 195-181 g/km) e Mercedes -Maybach S 560 (consumo combinato: 9.3-8.8 l/100 km, emissioni di CO2 combinate: 209-198 g km).

Road # 4: la mobilità del futuro sarà più flessibile e più collegata.

Da anni, Daimler è stata in evoluzione da un produttore automobilistico ad un fornitore di mobilità.

Nella prima metà del 2017, il numero di clienti in tutto il mondo che utilizzano servizi di mobilità digitale come il car2go (leader mondiale nel settore delle flotte-auto), il mytaxi (leader europeo del mercato) o il moovel sono più che raddoppiati.

Ci sono 15 milioni di clienti registrati per utilizzare i servizi di mobilità Daimler in più di 100 città in Europa, Nord America e Cina. Anche Daimler è in grado di attuare la sua strategia CASE successivamente.

Le quattro lettere rappresentano i temi di mobilità del futuro: collegati, autonomi, condivisi e servizi e elettrici.

Shared & Services comprende tutti i servizi di mobilità da Daimler Financial Services – dalla condivisione di auto (car2go) e dalla corsa (mytaxi) alle piattaforme di mobilità (moovel).

Dalla fine del 2016 Daimler ha anche fornito la condivisione di auto privata attraverso Croove – indipendentemente dal marchio del veicolo e superando il car2go.

Mercedes Me fornisce accesso digitale al mondo di Mercedes-Benz

I clienti possono utilizzare il portale per accedere ai servizi, ai prodotti e agli stili di vita di Mercedes-Benz, Daimler ed ai partner di cooperazione.

Una volta registrati, i conducenti Mercedes-Benz hanno accesso a contenuti personalizzati, nonché al proprio veicolo.

Chiunque possiede un veicolo Mercedes-Benz elettrico o ibrido plug-in può utilizzare la funzionalità esclusiva di Mercedes me connect: con la funzione Remote Online, i clienti possono visualizzare comodamente il livello di carica, l’autonomia e la stazione di ricarica più vicine sul loro smartphone.

Le soluzioni di ricarica intelligente collegate alla rete costituiscono parte integrante dell’iniziativa elettromobile di Mercedes-Benz Cars, in quanto l’accettazione da parte del cliente della mobilità elettrica è strettamente associata alla disponibilità di un’infrastruttura completa.

In casa attraverso un sistema di ricarica a muro, mentre sullo shopping, al lavoro o su strada, le possibilità di alimentazione dei veicoli elettrici sono già molto diverse al giorno d’oggi. Dal 2018, la ricarica a corrente continua basata sul sistema di ricarica combinata (CCS) raggiungerà gradualmente i veicoli elettrici Mercedes-Benz.

Daimler ha una vasta gamma di collaborazioni in questo settore

Daimler AG sta progettando una joint venture per creare una rete di ricarica ultra veloce e ad alte prestazioni con livelli di potenza di fino a 350 kW lungo le principali rotte stradali in Europa in collaborazione con il BMW Group, Ford Motor Company e il Gruppo Volkswagen con Audi e Porsche.

La costruzione comincia nel 2017 e inizialmente circa 400 siti sono in programma in Europa.

Sotto il progetto @Daimler, la società sta riunendo le proprie attività per costruire un’infrastruttura di carica intelligente in tutti i suoi siti in Germania. Adesso i dipendenti presso le sedi Daimler in 24 città tedesche hanno accesso a soluzioni di ricarica estese.

Entro la fine del 2018 la rete si estenderà a più di 2000 punti di ricarica. Nella primavera del 2017 Daimler AG è diventata investitore principale nel fornitore di soluzioni di ricarica americane ChargePoint Inc. L’obiettivo di questo investimento strategico è quello di ampliare significativamente il portafoglio nell’ambito delle soluzioni intelligenti di ricarica e per offrire ai clienti un servizio di electromobility premium, completo e globale.

Sassonia: la rete di produzione di batterie global

In aggiunta alla sua esperienza di sviluppo interno e produttivo e alla sua strategia modulare per i motori alternativi, parte della filosofia di Daimler AG è quella di assicurare l’accesso diretto ai componenti chiave per l’elettromibilità. Attraverso la sua azienda interamente controllata Accumotive, Daimler ha un grande know-how per quanto riguarda lo sviluppo e la produzione di batterie di azionamento molto complesse. In considerazione della programmata iniziativa del veicolo elettrico nell’ambito della gamma prodotti e tecnologia EQ, Daimler AG sta avanzando con una rete mondiale di produzione batterie con sedi in Europa, Asia e Nord America.

Nel complesso, la società investirà oltre un miliardo di euro nella produzione di batterie globali con due stabilimenti a Kamenz, nella Sassonia e altri siti a Stoccarda-Untertürkheim, Pechino (Cina) e Tuscaloosa (USA).

Analogamente alla produzione di veicoli, la rete di produzione batterie può reagire in modo flessibile ed efficiente alla domanda del mercato.

Le varie sedi forniscono le strutture locali di produzione del veicolo e sono in grado di esportare se necessario.

Network of expertise: know-how concentrato

La filiale di Daimler NuCellSys è leader mondiale nello sviluppo di sistemi a celle a combustibile e sistemi di stoccaggio di idrogeno per applicazioni nei veicoli. Daimler è coinvolta in una nuova linea di business con sistemi di batterie di accumulo stazionarie nel 2015 e ha aperto nuove opportunità per crescere al di fuori del settore automobilistico.

La rete di competenza comprende anche le joint venture, ad esempio con Bosch per motori elettrici (EMmotive ). Altre joint venture sono intese a costruire l’infrastruttura di idrogeno (H2 Mobility GmbH) nonché a creare una rete di ricarica rapida in Europa.

Al fine di espandere un ecosistema integrato in materia di elettromibilità, Daimler AG persegue anche partnership selezionate come ChargePoint, fornitore di soluzioni di ricarica.

 

In English

Plans for more than ten different all-electric vehicles by 2022

All systems are go

Source: Daimler AG

Stuttgart, Germany. October 2017. On the road to locally emission-free driving, Daimler is continuing to pursue a three-lane drive system strategy involving electric vehicles, hybrid models and combustion engines. The company is taking a holistic approach to electrification under the new EQ technology and product brand. In addition to developing a modular family of vehicles, there will be a comprehensive ecosystem that includes the required charging infrastructure.

“All systems are go. We are investing more than ten billion euros in the development of our EQ vehicle portfolio alone,” says Ola Källenius who has been responsible for Daimler Group Research and Mercedes-Benz Cars Development since the start of the year. “By 2022 we will be bringing more than ten different all-electric vehicles to market. We will also be electrifying the entire Mercedes‑Benz portfolio and our customers will thus have the choice of at least one electric alternative in every Mercedes‑Benz model series, taking the total to 50 overall.”

When it comes to the future of mobility, Daimler is relying on different technologies continuing to coexist. These are optimally tailored to the particular customer needs and vehicle models.

Ola Källenius: “We are placing our emphasis on highly efficient high-tech combustion engines, systematic hybridisation and battery-electric or fuel-cell drive systems. Our approach is deliberately broad in view of our extensive vehicle portfolio and our customers’ mobility requirements.”

Road #1: Electric pioneer Mercedes-Benz builds on CO2-free mobility

The smart fortwo electric drive made Daimler the first manufacturer to offer a series-produced electric vehicle back in 2007. Today, the fourth generation of the smart electric drive is making entry into the world of electromobility more appealing than ever. Following on from the smart fortwo coupé and smart forfour (combined electrical consumption: 12.9/13.1 kWh/100 km; combined CO2 emissions: 0 g/km), the smart fortwo cabrio with battery-electric drive (combined electrical consumption: 13.0 kWh/100 km) made its début in summer 2017. Now smart is planning to be the first automotive brand to systematically transition from the combustion engine to the electric drive system. From 2020 the company plans to exclusively sell smart models with battery-electric drive in Europe and the USA.

The smart vision EQ fortwo design study offers a glimpse into the more distant future. It illustrates a new solution for individualised, highly flexible and highly efficient local public transport. Autonomous and electric-powered, the smart vision EQ presents a consistent concept for the future of urban mobility and the future of car sharing.

Mercedes-Benz is pursuing a holistic approach to powertrain electrification. The company is also developing the EQ brand into a holistic ecosystem which, alongside the electric family of vehicles itself, also comprises a comprehensive electromobility offering. This extends from intelligent services and energy storage units for private and commercial customers to charging technologies and sustainable recycling.

One important step is the development of a multi-model electric vehicle architecture for battery-powered vehicles. The first series-produced model from the new EQ product brand, the EQC, is set to be produced at the Mercedes-Benz plant in Bremen from 2019.

With the Concept EQA at the IAA International Motor Show in Frankfurt, Mercedes-Benz demonstrated how the EQ strategy can be translated to the compact class. Featuring one electric motor on the front axle and one at the rear, this electric athlete has a system output of over 200 kW. The drive characteristics can be altered by varying the permanent all-wheel drive’s front to rear torque distribution. The Concept EQA shows which drive program has been selected on a unique virtual radiator grille.

With the GLC F-CELL pre-production vehicles, Daimler is also sending out a clear signal regarding the future of fuel cell technology. The vehicles unveiled at the IAA represent a world first in which a fuel-cell-operated electric car uses a lithium-ion battery as an additional energy source. This can be externally charged by means of plug-in technology. Through intelligent interplay, the two energy sources drive the electric motor while offering driving pleasure with zero local emissions. Other advantages of these family-friendly electric vehicles of high everyday practicality are the long range, short refuelling times, an output of 147 kW (200 hp) and the latest generation of assistance systems with drive-specific features.

For commercial vehicles too, in future there will be locally emission-free electric drive systems available in all segments: the FUSO eCanter for
light-duty distribution haulage in Europe, Asia and America and the electric Mercedes-Benz truck for heavy-duty distribution haulage. In the USA, Daimler Trucks North America is working on an electric Freightliner eCascadia for long-distance haulage. In 2018 the first battery-electric city bus will enter series production.

Mercedes-Benz Vans is developing fully electrically powered Vito and Sprinter model series vans. Their first partner is already confirmed in the shape of logistics company Hermes.

Road #2: The extensive range of plug-in hybrids is further expanded

Plug-in hybrids represent a key technology on the road to a locally emission-free future for the motor vehicle. This is because they offer customers the best of both worlds; in the city they can drive in fully electric mode, while on long journeys they benefit from the combustion engine’s range. To underline the important role of hybrids in the process of electrifying the car, the plug-in models from Mercedes-Benz will, in future, bear the EQ Power technology badge.

Because the strengths of plug-in hybrids come to the fore in larger vehicles and on mixed route profiles, Mercedes-Benz is opting for this powertrain concept from the C-Class upwards. The strategic hybrid initiative is decisively facilitated by Mercedes-Benz’s intelligent, modular hybrid concept: designed to be scalable, it can be transferred to a large number of model series and body styles as well as left and right-hand-drive variants.

Following the C 350 e* (saloon, estate and long-wheelbase version for the Chinese market), GLE 500 e 4MATIC*, GLC 350 e 4MATIC*, GLC Coupé 350 e 4MATIC* and E 350 e*, the new S 560 e* (*combined fuel consumption: 3.3–2.1 l/100 km, combined CO2 emissions: 78–48 g/km, combined electrical consumption: 16.7–11.0 kWh/100 km), and successor to the S 500 e, is already the eighth plug-in model that Mercedes-Benz is bringing to market.

The hybrid drive system in the S 560 e combines the 270 kW (367 hp) of the V6 petrol engine with an electric output of 90 kW. The third-generation hybrid transmission evolved on the basis of the 9G-TRONIC PLUS automatic transmission. The torque converter, clutch and electric motor are housed in the innovative hybrid drive unit. The compact design was achieved by integrating and connecting the separating clutch, torsional vibration damper and torque converter lockup clutch within the rotor of the electric motor. The torque converter with its powerful and highly efficient hydraulic circuit offers the customary smoothness when pulling away in hybrid mode.

In addition, the Citaro hybrid sees Mercedes-Benz opening a new chapter in drive systems for city buses. For the first time worldwide, hybrid technology is available as special equipment for an extraordinarily broad range of city buses with diesel and petrol engines rather than for distinct models. In this way, numerous models benefit from the advantages. In conjunction with the equally new electrohydraulic steering system, the Citaro hybrid’s drive system reduces the fuel consumption of a bus already known for its efficiency by up to a further 8.5 percent depending on the application and vehicle specification.

Road #3: High-efficiency internal combustion engines

Mercedes-Benz attaches key importance to the optimisation of modern, internal combustion engines in its road map to sustainable mobility. In particular, the economical, clean and, especially in Europe, highly popular diesel engine makes an important contribution to the further reduction of fleet consumption. The new four-cylinder OM 654 diesel engine marked the début of a groundbreaking family of engines from Mercedes-Benz. It is the first passenger car diesel engine to use the stepped-bowl combustion process – named after the shape of the combustion bowl in the piston.

The innovations also include the combination of aluminium engine block and steel pistons as well as the further-improved NANOSLIDE® cylinder wall coating. The new four-cylinder OM 654 celebrated its world première in the E 220 d (combined fuel consumption: 3.9 l/100 km, combined CO2 emissions: 102 g/km) from the new E-Class in spring 2016. The new engine consumes around 13 percent less fuel than its predecessor in a comparable vehicle.

The new six-cylinder in-line diesel engine was premièred in two output classes: The Mercedes-Benz S 350 d has an output of 210 kW (286 hp) and 600 Nm (combined fuel consumption: 5.1 l/100 km; combined  CO2 emissions: 134 g/km). The S 400 d with 250 kW (340 hp) and 700 Nm is the most powerful series-production car diesel engine ever offered by Mercedes-Benz (combined fuel consumption: 5.2 l/100 km; combined CO2 emissions: 135 g/km).

The new petrol engines featuring six or four cylinders point the way into the combustion engine’s future: They include trailblazing technologies such as the starter alternator (EQ Boost), 48-volt on-board electrical system and electrical booster compressor (six-cylinder).

The new, systematically electrified, in-line six-cylinder engine comes to the starting line in two output levels. In the Mercedes-Benz S 450 (also as a 4MATIC model) it generates 270 kW (367 hp) and 500 Nm of torque (combined fuel consumption: 6.6 l/100 km; combined CO2 emissions: 150 g/km). The S 500 has an output of 320 kW (435 hp) and 520 Nm (combined fuel consumption: 6.6 l/100 km; combined CO2 emissions: 150 g/km). Over a short period, EQ Boost, a feature of the integrated starter alternator, makes a further 250 Nm of torque and 16 kW of output available. Compared with the similarly powerful S 500 predecessor featuring a V8 engine, it has been possible to reduce the CO2 emissions of the engine by around 22 percent.

Next to make its début is the new generation of the four-cylinder petrol engine (M 264) with a power-to-swept-volume ratio of well over 100 kW per litre. The use of a belt-driven starter alternator with a 48-volt on-board electrical system also marks a further step towards the electrification of the drive system and facilitates functions such as boost, coasting with the engine off and recuperation.

Like the six-cylinder engine, the new eight-cylinder engine celebrated its première in the S-Class. The new twin turbo assembly is among the world’s most economical V8 petrol engines and consumes up to six percent less fuel than its predecessor. In efforts to lower the fuel consumption, four cylinders of the new V8 are deactivated simultaneously under partial load thanks to the CAMTRONIC valve-lift adjustment system. The new V8 generates 345 kW (469 hp) and 700 Nm and it is available as the Mercedes-Benz S 560 (combined fuel consumption: 8.5–7.9 l/100 km; combined CO2 emissions: 195–181 g/km) and Mercedes-Maybach S 560 (combined fuel consumption: 9.3–8.8 l/100 km; combined CO2 emissions: 209–198 g/km).

Road #4: The mobility of the future will be more flexible and more connected

For years, Daimler has been evolving from an automotive manufacturer into a mobility provider. In the first half of 2017, the number of customers worldwide using digital mobility services such as car2go (global market leader in free-floating car sharing), mytaxi (European market leader) or moovel more than doubled. There are 15 million customers registered to use Daimler mobility services in more than 100 cities across Europe, North America and China.

This is also down to Daimler implementing its CASE strategy on a successive basis. The four letters represent the mobility themes of the future: Connected, Autonomous, Shared & Services and Electric. Shared & Services encompasses all mobility services from Daimler Financial Services – from car sharing (car2go) and ride hailing (mytaxi) to mobility platforms (moovel). Since late 2016 Daimler has also been providing private car sharing through Croove – irrespective of vehicle brand and going beyond car2go.

Mercedes me provides digital access to the world of Mercedes-Benz. Customers can use the portal to access services, products and lifestyle offerings from Mercedes-Benz, Daimler and cooperation partners. Once registered, Mercedes-Benz drivers have access to personalised content – as well as to their own vehicle. Anyone who owns an electric or plug-in Mercedes-Benz vehicle can use Mercedes me connect’s exclusive functionality: With the standard Remote Online function, customers are able to conveniently view the charge level, range and nearest charging station on their smartphone.

Intelligently networked charging solutions form an integral part of the Mercedes-Benz Cars electromobility initiative, as customer acceptance of electric mobility is closely associated with the availability of a comprehensive infrastructure. Whether at home via a wallbox charging system, while shopping, at work or on the street, the possibilities for powering electric vehicles are already very diverse nowadays. From 2018, direct current charging based on the CCS (Combined Charging System) standard will gradually find its way into the electric vehicles from
Mercedes-Benz. Daimler has a broad range of collaborative partnerships in this area.

Daimler AG is planning a joint venture to establish an ultra-fast, high-performance charging network with power levels up to 350 kW along major traffic routes in Europe in conjunction with the BMW Group, the Ford Motor Company and the Volkswagen Group with Audi and Porsche. Construction starts in 2017 and initially approximately 400 sites are planned in Europe.

Under the charge@Daimler project, the company is bringing together its activities to build up intelligent charging infrastructure at all its sites in Germany. Right now employees at Daimler locations in 24 German cities have access to extensive charging solutions. By the end of 2018 the network will extend to more than 2000 charging points.

In spring 2017 Daimler AG became lead investor in the US charging solution provider ChargePoint Inc. The aim of this strategic investment is to significantly expand the portfolio in the area of intelligent charging solutions and to provide customers with an all-embracing, premium electromobility service.

Worldwide from Saxony: global battery production network

In addition to its internal development and production expertise and its modular strategy for alternative powertrains, part of Daimler AG’s philosophy is to ensure that it has direct access to key components for electromobility.

Through its wholly owned subsidiary Accumotive, Daimler has extensive know-how when it comes to the development and production of highly complex drive batteries. In view of the planned electric vehicle initiative under the EQ product and technology banner, Daimler AG is forging ahead with a global battery manufacturing network with locations in Europe, Asia and North America. All in all, the company will be investing over one billion euros in global battery production with two factories in Kamenz, Saxony and further sites in Stuttgart-Untertürkheim, Beijing (China) and Tuscaloosa (USA). Analogous to vehicle production, the battery production network can react flexibly and efficiently to market demand. The various locations supply the local vehicle production facilities and are able to export if required.

Network of expertise: concentrated know-how

Daimler subsidiary NuCellSys is a global leader in the development of fuel cell systems and hydrogen storage systems for vehicle applications. Daimler got involved in a new line of business with stationary battery storage systems in 2015, and has opened up additional opportunities to grow outside the automotive sector.

The network of expertise also includes joint ventures, for example with Bosch for electric motors (EM-motive). Other joint ventures are intended to build up the hydrogen infrastructure (H2 Mobility GmbH) as well as to create a Europe-wide, rapid charging network. With a view to expanding an integrated ecosystem around electromobility, Daimler AG is also pursuing selected collaborative partnerships such as with charging solution provider ChargePoint.

.

Share and Enjoy

  • Google Plus
  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon

TAGS: Daimler Trucks North America EQ Smart fortwo vision Freightliner eCascadia mercedes glc f-cell Mercedes-Benz Cars Development Ola Källenius responsabile Daimler Group Research

Lascia una risposta

 
Pinterest