La Cina sarà un pioniere della mobilità a fuel cell?

La Cina sarà un pioniere della mobilità a fuel cell?

24 set, 2015

Pubblicato da Hydrogeit

 

Pechino, . Agosto 2015. Considerando le attività delle celle a combustibile in corso in , si può concludere con certezza che nel corso degli anni a venire, la Repubblica popolare non diventerà improvvisamente un pioniere nel campo della mobilità a fuel cell. Allo stesso tempo, tuttavia, nel campo della ricerca e sviluppo e sul lato governativo, il paese sta ponendo alcune basi iniziali con l’uso di energia rinnovabile nel settore della fornitura di energia. Le tecnologie dell’idrogeno e delle celle a combustibile stanno giocando un ruolo importante.

Gli sviluppi attuali non sono una sorpresa per nessuno che abbia visitato la Cina negli ultimi anni ed ha visto con i propri occhi quanto velocemente il paese si sta sviluppando. Le principali città della Cina stanno crescendo ad un ritmo molto rapido, il disegno è di un numero sempre crescente di cittadini cinesi che sono in cerca di istruzione, di lavoro e di prosperità. I lavori di costruzione ci sono ovunque si vada: strade, ponti, aree industriali, parchi, uffici e giganteschi condomini, che spesso sorgono in pochi chilometri quadrati. Milioni di cittadini cinesi devono essere alimentati e la mobilità, che vede il consumo di energia generata usando combustibili fossili cresce in misura tale che l’impatto sull’ambiente nelle grandi città è sempre più evidente. Questo è particolarmente vero per la qualità dell’aria: lo smog e sempre presente sotto forma di di foschia chea volte non lascia filtrare la luce del sole e rende quasi impossibile alle persone respirare l’aria.

La scarsa qualità dell’aria nelle città è dovuta in gran parte perché la maggior parte dell’energia elettrica della Cina continua ad essere generata da centrali elettriche a carbone. Che ci crediate o no, il carbone viene usato per il 93 per cento dell’energia prodotta da combustibili fossili. In questo contesto, enormi quantità di anidride carbonica vengono rilasciate, che rappresentano l’80 per cento di tutte le emissioni di CO2 in Cina, e con 10 miliardi di tonnellate, la Cina è ora responsabile del 30 per cento delle emissioni mondiali di CO2. A titolo di confronto, in Europa la cifra attuale è di circa 4 miliardi di tonnellate [1]. Nel 2013, 4.000 miliardi di chilowattora di energia elettrica sono stati generati con il carbone, pari a circa l’80 per cento della domanda totale di energia elettrica in Cina (5.245 miliardi di kWh). Per questo motivo, l’uso delle energie rinnovabili, in particolare l’energia solare ed eolica, sta giocando un ruolo sempre più importante.

La Cina è ora il più grande produttore di celle solari e accessori solari in tutto il mondo. Nel 2014, tuttavia, la capacità fotovoltaica nel paese ammontava solo a 28 gigawatt. A titolo di confronto, secondo l’Associazione dell’Industria Fotovoltaica Europea, in Europa, 70 gigawatt di energia elettrica sono stati collegati alla rete elettrica nell’anno 2012. Si tratta del 69 per cento della capacità fotovoltaica nel mondo. L’energia eolica rappresenta attualmente solo per il tre per cento dell’elettricità prodotta in Cina. Ciò equivale a 180 miliardi di chilowattora con una capacità installata di 115 gigawatt. A titolo di confronto, la capacità eolica installata in Europa ammonta a circa 129GW, di cui 121GM sono onshore e intorno 8GW sono in mare aperto.

Non è solo il carbone: il traffico è anche responsabile di una quota importante di inquinamento atmosferico in Cina. Nel 2014, dei 140 milioni di veicoli che sono stati registrati in Cina, la maggior parte dei quali aveva motori a combustione interna convenzionale. La Cina attualmente produce 30 milioni di veicoli all’anno. La metà del petrolio consumato in Cina è utilizzato nel settore dei trasporti, con un impatto importante sulle emissioni di CO2. Poiché la maggior parte del petrolio deve essere importato (il rapporto di importazione è pari al 60%) e l’impatto ambientale è stato così grande, il governo ha ordinato che a partire dal 2020, i nuovi veicoli potranno consumare solo un massimo di cinque litri di carburante per 100 chilometri. Per questo motivo, un numero crescente di veicoli elettrici sono ora visibili sulle strade della Cina – soprattutto nelle città. Con 55.000 veicoli elettrici venduti, la Cina è già il secondo più grande mercato per i veicoli elettrici.

Con 15.000 unità vendute, il plug-in ibrido Qin, che è prodotto da BYD è il quarto veicolo più venduto nel mondo. Tutte le previsioni indicano che la Cina diventerà il più grande mercato al mondo per i veicoli elettrici di quest’anno. Nel 2015, più di 27.000 veicoli sono stati prodotti, con oltre 26.000 unità ad essere state vendute nel primo trimestre. Si tratta di veicoli elettrici principalmente alimentati a batteria e ibridi plug-in. Finora, i veicoli elettrici alimentati da celle a combustibile sono solo state costruiti e gestiti nell’ambito di progetti dimostrativi. Questi progetti di dimostrazione sono destinati a continuare negli anni a venire.

Ai Giochi olimpici del 2008, 23 autobus a celle a combustibile ha percorso le strade di Pechino. Due anni più tardi, al World Expo di Shanghai 2010, 173 automobili a celle a combustibile hanno trasportato i visitatori ed ospiti in giro per il quartiere fieristico nel corso dei sei mesi. Per alimentare i veicoli, quattro stazioni di rifornimento di idrogeno sono stati installati e sono state integrate con i diversi sistemi di riempimento mobili, tutte a 350bar. Dal 2015 al 2019, lo sviluppo e la gestione di una nuova flotta dimostrativa di 100 autobus è stata programmata. Essi saranno operativi in almeno quattro città – con i partecipanti Pechino, Shanghai, Zhengzhou (Provincia di Henan) e Foshan (provincia di Guandong) ad essere confermati.

L’uso di automobili elettriche è espressamente incoraggiato e il tema della mobilità elettrica sta ricevendo un notevole sostegno da parte del governo centrale. Con una serie di norme e regolamenti diversi, il governo cinese sta intervenendo con più forza, sia in termini di politica industriale e sul lato del consumatore. In questo contesto, nel novembre 2014, il governo cinese ha lanciato il suo “Piano d’azione per la strategia dello sviluppo energetico”, che sarà in vigore fino al 2020. Questo imposta il consumo di energia primaria per questo periodo all’equivalente di 4,8 miliardi di tonnellate di carbone. Allo stesso tempo, la quota di energie rinnovabili nel mix energetico complessivo primario è quella di aumentare al 15 per cento entro il 2020. Inoltre, 20 aree chiave per le innovazioni di energia sono anche state definite in questo piano d’azione. Tecnologie dell’idrogeno e delle celle a combustibile svolgono un ruolo importante in questo settore.

Nel mese di aprile 2015, la “politica di sostegno finanziario per New Energy Veicoli 2016-2020″ è stata pubblicata congiuntamente dai seguenti ministeri: Ministero delle Finanze, Ministero delle Scienze, MIIT (dell’Industria e dell’Informazione), e anche la NDRC (National Development e la riforma della Commissione). Queste linee guida di finanziamento precisano che negli anni 2017 e 2018, le sovvenzioni per i  veicoli eletrici e ibridi saranno ridotte del 20 per cento, e negli anni 2019 al 2020, di un ulteriore 40 percentuale in entrambi i casi rispetto a quelle alimentate a batteria del 2016. I veicoli che funzionano con celle a combustibile sono esenti da questo regolamento e le norme di finanziamento per questi tipi di “veicoli della Nuova Energia” rimarranno invariate.

Norme di finanziamento per i veicoli elettrici alimentati da celle a combustibile:

Tipo di veicolo                                      Incentivo per unità

Auto                                                          28.900 Euro

Automobili, furgoni leggeri            43.300 Euro

Bus di medie/grandi dimensioni   72.100 Euro

/ grandi veicoli commerciali di medie dimensioni

Inoltre, il regolamento di esenzione fiscale per le “New Energy Vehicles” che è stato in vigore dal 2012 è anche stato rinnovato dal MOF, il MIIT e le autorità fiscali. Secondo questo regolamento, le auto alimentate a batteria, ibride plug-in e veicoli elettrici alimentati con celle a combustibile sono esenti da tasse. Per aumentare il numero di autobus in uso nei sistemi di trasporto urbani, i sussidi ai combustibili offerti alle grandi città devono essere gradualmente ridotti fino al 2019. Al momento, il governo centrale paga per il carburante utilizzato negli autobus che operano nel trasporto pubblico delle reti nelle grandi città.

I mondi della scienza, dell’industria e della politica stanno lavorando duramente per sviluppare la collaborazione internazionale nel settore delle tecnologie dell’idrogeno e delle celle a combustibile in particolare. A questo proposito, la Cina è stata recentemente ospite del 32esimo Incontro del Comitato Direttivo del IPHE (Partnership internazionale per l’idrogeno e le celle a combustibile nell’economia). A Wuhan, una metropoli situata nella Cina centrale, i rappresentanti dei 18 paesi membri sono stati convocati per discutere gli ultimi sviluppi in materia di H2 e FC nel corso di una serie di eventi diversi.

Share and Enjoy

  • Google Plus
  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon

TAGS: byd cina qin

Lascia una risposta

 
Pinterest