Futuro delle auto a idrogeno

Futuro delle auto a idrogeno

28 feb, 2013

Fonte: Toyota

4 febbraio 2013. Più di un milione e mezzo di veicoli alimentati a idrogeno potrebbero essere sulle strade del Regno Unito entro il 2030, secondo uno studio congiunto di governo-industria.

La previsione è fatta in una relazione intermedia con l’incarico di valutare i vantaggi dei veicoli elettrici a idrogeno (FCEV) che garantisce il Regno Unito come ben posizionato per la loro produzione commerciale.

Prodotto dal progetto – che riunisce aziende leader dei settori automotive, energia, infrastrutture e vendita al dettaglio ed i rispettivi rapporti con il governo – lo studio fornisce una ‘tabella di marcia’ per l’introduzione di veicoli e infrastrutture di rifornimento di idrogeno nel Regno Unito.

Il Ministro degli Affari ha dichiarato:

“La transizione verso i veicoli a basse emissioni è già iniziata. Ha il potenziale per creare nuove opportunità economiche davvero importanti per il Regno Unito, di diversificazione della fornitura energetica nazionale e di decarbonizzazione dei trasporti su strada. I risultati pubblicati dimostrano che veicoli elettrici a fuel cell ad idrogeno possono dare un contributo significativo a questo.

“La riuscita del lancio commerciale della tecnologia richiederà al governo di lavorare in vero partenariato con l’industria. I nostri rivali internazionali stanno cercando di conquistare un altro primato in questo campo e quindi UKH2Mobility riconosce l’importanza di un’azione rapida per garantire i benefici potenziali che avranno le imprese ed i consumatori nel Regno Unito.

“Abbiamo già un forte settore automobilistico e bisogna garantire che rimanga così. L’opportunità per il Regno Unito di assumere un ruolo di primo piano nel settore delle tecnologie a basse emissioni sarà visto come parte della nostra strategia industriale, pubblicata entro la fine dell’anno “.

 

I risultati principali sono:

- Consumer – fino al 10 per cento dei clienti di auto nuove è attenta ad alimentare veicoli a celle a quando introdotte, attratti dalla novità della tecnologia e delle considerazioni di carattere ambientale.
L’interesse dell”Early Adopter” dovrà essere promosso e convertito in vendita per costruire la fiducia e il sostegno degli FCEV, in quanto i primi modelli saranno disponibili sui mercati mondiali entro i prossimi tre anni.

- Veicoli – L’assorbimento iniziale di FCEV progredirà a secondo di come i modelli si faranno strada sul mercato e la rete di rifornimento sarà matura. La tabella di marcia indica che una volta che la produzione di massa di FCEV sia stabilita, riducendo i costi, esiste la possibilità per 1,6 milioni di veicoli sulle strade del Regno Unito di essere convertiti entro il 2030, con un fatturato annuo di oltre 300.000.

- Infrastruttura – una coordinata rete di stazioni di rifornimento di idrogeno dovrà essere stabilita, concentrandosi in un primo momento sulle rotte nazionali e le aree di tronco densamente popolate. Un primo roll-out di 65 stazioni avrebbe fornito una sufficiente copertura in linea con le vendite dei primi veicoli, con la rete in crescita, in linea con il numero di FCEV, su strada per fornire 1150 siti entro il 2030.

- Ambiente – la tabella di marcia dimostra che, sulla base dei dati di assorbimento di cui sopra, gli FCEV potrebbero ridurre le emissioni annuali totali di CO2 dei veicoli in UK di tre milioni di tonnellate nel 2030. La sostituzione di veicoli diesel con FCEV potrebbe anche far risparmiare tra 100 milioni e 200 milioni di sterline all’anno nel costo dei danni alla qualità dell’aria provocato dalle emissioni dei veicoli entro il 2050.

- Produzione di combustibile – Gli FCEV non producono emissioni di scarico nocive, ma alcune forme di produzione di idrogeno non generano emissioni di CO2. Utilizzando una vasta gamma di metodi di produzione in grado di fornire l’idrogeno ad un costo che sia competitivo con il gasolio, con il 60 per cento di minori emissioni di CO2 nel 2020, migliorando del 75 per cento in meno nel 2030. La produzione di idrogeno sarà in corsa per le emissioni zero entro il 2050, in cui gli FCEV potrebbero avere una quota di mercato tra il 30 al 50 per cento.

- Investimento – una rete di base iniziale di stazioni di rifornimento di idrogeno è necessaria per incoraggiare l’adozione precoce di FCEV e ci sarà inevitabilmente un ritardo tra la creazione di questa rete e che vi siano FCEV sufficienti sulla strada a renderla finanziariamente autosufficiente. La fase 1 del progetto ha stimato il finanziamento totale necessario a circa 400 milioni di sterline fino al 2030. La fase 2 si concentrerà su entrambi per ridurre questa cifra e considerando i diversi modelli per l’erogazione.

La relazione finale della fase 1 dovrebbe essere pubblicata nel mese di marzo. La Fase 2 di UKH2Mobility quindi utilizzerà le informazioni e la tabella di marcia prodotte nella fase 1 per sviluppare un caso dettagliato di business e azioni specifiche per impegnare i partecipanti.

, Vice Presidente, Ricerca e Sviluppo, Toyota Motor Europe, ha dichiarato:

“L’industria automobilistica riconosce che è di vitale importanza per poter sviluppare e fornire nuove soluzioni per ridurre l’impatto ambientale dei veicoli. La tecnologia del combustibile a celle a combustibile e idrogeno rappresenta un importante passo avanti nel garantire una mobilità sostenibile. Come produttori possiamo arrivare al punto di portare i FCEV per primi sul mercato, ma è importante che tutte le parti interessate possano cooperare per assicurare loro benefici che possano essere apprezzati e realizzati attraverso sistemi coordinati di dialogo tra partner industriali ed enti governativi. I risultati della Fase 1 ottenuti da UKH2Mobility forniscono preziose risorse e l’intelligenza per aiutarci ad assicurare questi vantaggi e non vediamo l’ora di partecipare alla Fase 2 per confermare ulteriormente il potenziale dell’idrogeno come combustibile a basse emissioni di carbonio nel Regno Unito”.

Parlando a ITM Power, per quanto riguarda un accumulo di energia dall’idrogeno combustibile pulito e partner di UKH2Mobility, il dottor CEO, ha dichiarato:

“Siamo soddisfatti dei risultati della fase 1 del UKH2Mobility, che riflettono un processo di valutazione diligente dalla partnership collaborativa. La Fase 1 getta un seme per l’adozione e lo sviluppo di un nuovo sistema di trasporto che consentirà alla società di decarbonizzazione i trasporti su strada e ripulire le emissioni, senza interrompere la propria attività sociale di routine. La Fase 2 mostrerà come quel seme può proliferare, consentendo al Regno Unito di essere un leader mondiale nello sviluppo e nella produzione di elettrolizzatore per il necessario rifornimento di tecnologia ai veicoli a celle a combustibile. Questo presenta il Regno Unito come una reale opportunità economica per la crescita “.

, Amministratore Delegato – , , ha detto:

“L’intenso lavoro svolto dal consorzio UKH2Mobility posiziona il Regno Unito come un mercato di punta per il roll-out dei veicoli elettrici a celle a combustibile, contribuisce direttamente alla decarbonizzazione nazionale ed agli obiettivi di miglioramento della qualità dell’aria. Il programma è particolarmente importante per le aziende del Regno Unito quali Intelligent Energy nella costruzione della nostra esperienza di primo piano delle celle a combustibile, lo sviluppo delle nostre filiere locali e la creazione di nuove opportunità per i nostri prodotti. Non vediamo l’ora di progredire alla fase successiva”.

Pierre-Etienne Franc, Direttore, Tecnologie del futuro ha detto:

“L’iniziativa UKH2Mobility è riuscita a raccogliere entrambe le aziende leader del settore e degli enti governativi in un approccio coordinato per studiare le condizioni ed i percorsi per consentire gli FCEV di raggiungere il loro pieno potenziale nel Regno Unito.

“Il lavoro svolto nella fase 1, a condizione di elementi basati sui fatti e le motivazioni che confermano che il Regno Unito potrebbe essere un paese in prima linea nella diffusione precoce FCEV.

“Attraverso questa partecipazione, Air Liquide è orgogliosa di proseguire il suo impegno nello sviluppo delle infrastrutture per l’idrogeno l’energia nel Regno Unito e in tutto il mondo, e di contribuire allo sviluppo di soluzioni per il trasporto a zero emissioni”.

Per vedere l’UKH2Mobility Project in modo completo, potete cliccare sotto questa riga e aprire o scaricare il PDF (in lingua inglese)

UKH2Mobility Project

 

Share and Enjoy

  • Google Plus
  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon

TAGS: air liquide Akihito Tanke Graham Cooley Intelligent Energy James Batchelor Michael Fallon Motive Pierre Etienne Franc UKH2Mobility

Lascia una risposta

 
Pinterest